Un Festival da record, Ermal Meta e Fabrizio Moro su tutti

in Festival Sanremo 2018/La Musica/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by
Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno vinto.

Ora che i riflettori del Festival si sono spenti e che la festa è terminata è tempo di raccogliere ciò che di buono ha lasciato quest’esperienza e volare a Lisbona per l’Eurovision Song Contest alla sua 63esima edizione.

“Non mi avete fatto niente” è il brano che i due cantautori hanno presentato sul palco dell’Ariston. Dopo numerose polemiche, sono stati riammessi in gara e sono saliti sul palco ancora più carichi e agguerriti portando a casa la vittoria. In conferenza dichiarano di aver trovato entrambi una bella amicizia che continueranno a coltivare. “Nessuna rivalsa, solo tanta felicità per il risultato – dichiarano i vincitori – Questa vittoria è la prova che il messaggio che volevamo trasmettere sia arrivato”. Secondi sul podio Lo Stato Sociale con “Una vita in vacanza” e terza Annalisa con “Il mondo prima di te”. Per la categoria Giovani, invece, il vincitore è Ultimo con il brano “Il ballo delle incertezze”. Il premio della critica Mia Martini è stato assegnato a Ron per la categoria Big ed a Mirkoeilcane per la categoria Giovani. Il premio Sergio Endrigo, istituito quest’anno dalla Rai, per la miglior interpretazione, è stato vinto da Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico. Ed è così che il Festival targato Baglioni, Hunziker e Favino si conclude con un risultato strabiliante, superiore ad ogni aspettativa. Una media d’ascolto del 52,27 %. “La Rai e Claudio Baglioni hanno vinto una grande sfida – dichiara il Direttore di Rai1 Angelo Teodoli – La sua solidità artistica non ci ha fatto mai dubitare. La crescita è iniziata 4 anni fa con Carlo Conti. Ora bisognerà trovare una strada ulteriore, speriamo sia un percorso che possa non fermarsi qui”. Uno dei momenti più emozionanti dell’ultima serata del Festival è da attribuire, senza alcun dubbio, alla performance di Pierfrancesco Favino che ha presentato il brano “La notte poco prima della foresta di Bernard – Marie Koltès, storia di estraneità e di esclusione, appena andata in scena all’Ambra Jovinelli di Roma. Un monologo che l’attore, in un crescendo di pathos, recita con le lacrime agli occhi e facendo emozionare l’intera platea. Numerosi sono stati gli ospiti che sono saliti sul palco dell’Ariston in questa 68esima edizione, a partire dalla prima serata con la formidabile apertura di Fiorello. Le esibizioni che si sono susseguite in queste cinque serate tra cui quella di Gianni Morandi, Tommaso Paradiso, Mannoia, Nannini, James Taylor e Giorgia, Laura Pausini, Nek Pezzali e Renga, Virginia Raffaele, Piero Pelù, Negramaro, hanno contribuito, senz’altro, a rendere la musica e le parole al centro del Festival, da sempre l’intenzione del direttore artistico.


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*