Il Futuro? Solidale…

Moderno, Postmoderno, Contemporaneo. Eccellenze internazionali all’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria

in Gabriella Chiarappa Blog/Ultimi Pubblicati by
  • Luigi-Caramiello.jpg?fit=990%2C660
  • Francesco-Gallo-Mazzeo.jpg?fit=640%2C491
  • lettieri.jpg?fit=2997%2C2426
Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria
Corso di laurea di Progettazione della moda
Lectio Magistralis di Storia del costume
Ch.mo prof. Pasquale Lettieri
Aula virtuale
22/05/2020
Ore 14.00
“L’arte della complessità”
di Luigi Caramiello, Sociologo, Università degli Studi di Napoli Federico II
Ore 16.00
“Incipit Habitus
Florentia Roma Mediolanum”
di Francesco Gallo Mazzeo, Storico dell’arte

Il sogno di Maria Gabriela: “voglio fare la modella”

in Gabriella Chiarappa Blog/Ultimi Pubblicati by
  • IMG_5175.jpg?fit=2500%2C1667
  • DSC_0032.jpg?fit=2500%2C1667
  • IMG_5158.jpg?fit=2500%2C1667

Quante volte abbiamo visto nei giornali o nei cataloghi bambini che posano sorridenti per le campagne pubblicitarie dei marchi di moda formato mignon. Molte volte ci chiediamo, come vivono questa esperienza? Come dovrebbe essere vissuta?

Tutte domande lecite che coinvolgono il mondo dei bambini e quello dei genitori.

Come nel caso di Maria Gabriela una bambina di 8 anni, che aspira a diventare una modella da grande e che inizia il suo percorso vincendo il concorso di Miss Italia Baby. Al suo fianco fortunatamente troviamo una mamma che supporta la figlia, ma con molta serenità senza creare stereotipi esaltati.

Insomma un percorso decisamente più duro di quello che si può pensare, per le mamme equilibrate, considerando che nel mondo della moda bimbo, per l’Italia rappresenta un business da 2,7 miliardi di euro, non dimenticando che la bellezza è un punto di partenza e non un arrivo.  

Maria Gabriela la vediamo in alcuni scatti che la ritraggono nella sua semplicità, considerando che è italiana doc, anche se incarna perfettamente l’ideale di bellezza in stile “biondo californiano”, nonostante la giovanissima età.

Oggi Maria Gabriela è una bimba semplice è felice, vive tutto questo con grande serenità ed innocenza, caratteristiche fondamentali per una bambina di 8 anni.  Un futuro decisamente promettente, considerando che ha già vinto il titolo di Miss Italia baby. 

Sinergia perfetta tra moda, arte e musica per “Art & Fashion Sensibility” firmato: “Le Salon de la Mode”

in Gabriella Chiarappa Blog/L'Arte/Ultimi Pubblicati by
  • irene_pivetti-pasquale_lettieri-letizia_bonelli.jpg?fit=2895%2C2000
  • Gabriella_Chiarappa-Daniela_Javarone_Pasquale_Lettieri-4.jpg?fit=800%2C450
  • leonardo_monteiro-1.jpg?fit=1920%2C1080
  • Italia_Gabry_zelig.jpg?fit=3500%2C2333

Nel mese scorso si è tenuto a Milano un evento originale dal nome “Art & Fashion Sensibility”, un viaggio unico che ha rivelato una sinergia perfetta tra: la tradizione, la moda etica, l’arte, la musica, il design, il business e l’innovazione. Un’organizzazione quella dell’intuitiva manager del fashion Gabriella Chiarappa, che in questo caso sceglie di portare l’eccellenza italiana nel mondo, attraverso il passato, il futuro e la sensibilità intesa come rinascita. Molti gli ospiti di rilievo presenti a promuovere il progetto tra cui Irene Pivetti, Luciana Delle Donne, Simona Molinari, Vincenzo Linarello, Paolo Zanarella, Cinzia Rossi.

Molto apprezzata la mostra d’arte, curata dal critico d’arte Pasquale Lettieri, coordinata da Letizia Bonelli, sostenuta e gradita dal fascino senza tempo di Daniela Javarone. Gli artisti: Afeltra Tony, Benzi Giovanna, Carta Giorgio, D’Aniello Pasquale, Fabio Ferretti De Virgilis, Gagliardi Giancarlo, Gardano Pietro, Pace Sara, Presciutti Monica, Virgili Federica. Per l’occasione un susseguirsi di entusiasmi, con la voce vibrante e il ritmo coinvolgente di Leonardo Monteiro in armonia con l’intervento canoro della cantante pittrice Italia Vogna, che per l’occorrenza ha realizzato un ritratto dedicato ad Anna dello Russo, icona internazionale della moda.

La nota glamour dedicata agli appassionati dei cappelli, non è mancata, con lo sfoggio di cappellini indossati per l’occasione e per omaggiare la mostra “Tra Arte e Stravaganza” curata dalla modista internazionale Pamela Castiglia, in sinergia con il racconto della scrittrice Cristina Nughes ripreso dal libro “Quel suo profumo d’estate”. Espositori Hat designer: Lara Pontoni di OfficineLamour, Maria Teresa Conti di Maythé, Giulia Mio Millinery, Vimercati Hats 1953, Fabbrica Prezioso, Mode Liana Firenze.

Sponsor Tecnici: OBERON Media Azienda Agricola Pilandro, Seven marketing lab,  FriArte, Vor, La Production Team, Style Hunter  Milano, Foolish Design, ZAD Italy.
Lo staff de Le Salon de la Mode
Patrocinanti: Camera di Commercio Paesi America Latina Area Celac
Confesercenti per l’Internazionalizzazione Camera di Commercio Dubai -Italia
Camera di Commercio Camera Italo-Araba
.

Le Vignette di Aina Shi

in Le Chicchette by
  • salvini-ovunque-superman.jpg?fit=720%2C379
    salvini-ovunque-superman
  • Italia-e-Di-Maio.jpg?fit=720%2C379
    No Tav analisi costi benefici
  • super-salvini.jpg?fit=720%2C379
    super salvini sardegna
  • salvini-di-maio-diciotti-scelta-1.jpg?fit=720%2C379
    salvini-di-maio-diciotti-scelta
  • macron-salvini-e-la-sea-watch-iogiornalista-aina-shi-2.jpg?fit=720%2C379
    macron-salvini-e-la-sea-watch-iogiornalista-aina-shi

La Satira… Le nostre vignette… ogni tanto ci ricadiamo, queste sono quelle della nostra Aina Shi…

Vita di Emilia: la Gallery!

in Fotografia Photo Blog/Ultimi Pubblicati by
  • silviaandreussi-1.jpg?fit=768%2C1024
    Silvia Andreussi
  • mirkorusso2rid-2.jpg?fit=468%2C702
  • mirkorusso1rid.jpg?fit=483%2C712
    Mirko Russo
  • danieladuchi1.jpg?fit=1079%2C1600
    Daniela Duchi
  • danieladuchi2.jpg?fit=1004%2C1504
    Daniela Duchi
  • michelebernabei.jpg?fit=225%2C225
    Michele Bernabei

Nella Gallery dedicata a Vita di Emilia vi presentiamo l’autrice Silvia Andreussi, il regista e attore Mirko Russo, l’attrice Daniela Duchi e il compositore Michele Bernabei

 

 

 


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Chiara Pavoni: La Gallery!

in Fotografia Photo Blog/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by
  • image00002.jpg?fit=558%2C839
  • image00004.jpg?fit=618%2C1000
  • image00003.jpg?fit=466%2C700
  • image00005.jpg?fit=752%2C1123
  • image00007.jpg?fit=445%2C700
  • image00010.jpg?fit=391%2C700
  • image00011.jpg?fit=665%2C1123
  • image00012.jpg?fit=850%2C1280
  • image00014.jpg?fit=725%2C1123
  • image00015.jpg?fit=638%2C1000
  • image00016.jpg?fit=464%2C700
  • image00017.jpg?fit=713%2C1123
  • image00018.jpg?fit=439%2C700
  • image00019.jpg?fit=745%2C1123
  • image00021.jpg?fit=485%2C700
  • image00022.jpg?fit=721%2C1123
  • image00030.jpg?fit=1123%2C1123
  • image00032.jpg?fit=430%2C700
  • image00031.jpg?fit=600%2C1000
  • image00029.jpg?fit=508%2C700
  • image00025.jpg?fit=722%2C1123
  • IMG_0161.jpg?fit=597%2C842
  • image00033.jpg?fit=435%2C700
  • image00028.jpg?fit=750%2C1123
  • image00027.jpg?fit=697%2C1123
  • image00024.jpg?fit=732%2C1123
  • IMG_0159.jpg?fit=511%2C829
  • IMG_0160.jpg?fit=800%2C1199
  • IMG_0158.jpg?fit=752%2C1000
  • image00020.jpg?fit=1123%2C748
  • image00008.jpg?fit=700%2C413
  • image00013.jpg?fit=1123%2C749
  • image00023.jpg?fit=700%2C484
  • image00026.jpg?fit=700%2C495
  • image00034.jpg?fit=700%2C476
  • image00035.jpg?fit=700%2C466
  • IMG_0157.jpg?fit=1123%2C762

La Gallery della bellissima Chiara Pavoni
L’abbiamo incontrata, l’abbiamo ammirata, l’abbiamo intervistata con risultati decisamente interessanti…. siete curiosi di leggere la sua Intervista?

 Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Francesca Michielin, è un vero e proprio “Vulcano” la Gallery!

in Fotografia Photo Blog/La Musica/Rosaria della Ragione Blog by

In rotazione radiofonica dal 16 marzo, “Bolivia”, seconda traccia del nuovo album di inediti “2640”.
Siete curiosi del nuovo articolo? Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Il mio nome è Thomas, Terence Hill in viaggio verso Almeria

in Il Cinema/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog/Ultimi Pubblicati by
  • Terence-Hill-1_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • Terence-Hill-4_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • terence-Hill-5_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • Terence-Hill-6_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • Terence-Hill_Veronica-Bitto_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • Terence-Hill_Veronica-Bitto2_preview.jpeg?fit=1280%2C853
  • terence-Hill2_preview.jpeg?fit=1280%2C853
Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Il mio nome è Thomas segna l’esordio di Terence Hill come regista sul grande schermo.

E questo esordio non poteva che avvenire in uno scenario ben noto all’attore.

Una pellicola che ci catapulta nella vecchia e prolifica tradizione nostrana del genere “spaghetti western” e che ha come protagonista niente meno che un attore icona di un filone che aveva canzonato proprio il western all’italiana.

È un tentativo, e speriamo che sarà ben riuscito, di riscoperta di un genere che Sergio Leone ha reso immortale.

Il mio nome è Thomas è un viaggio on the road attraverso l’Italia e la Spagna: Thomas vuole raggiungere il deserto in sella alla sua Harley ma durante i preparativi incontra Lucia ( interpretata da Veronica Bitto) che lo coinvolgerà in una situazione rocambolesca. Salvata la ragazza, Thomas finalmente riesce ad imbarcarsi per Barcellona ma rincontra Lucia sullo stesso traghetto. Dopo qualche giorno in sella alla sua moto raggiunge il deserto e qui si stabilisce in un piccolo paese abbandonato, nel vero stile del far west. Viene nuovamente raggiunto da Lucia.

Nel deserto di Almeria i due protagonisti stringono una forte amicizia.

L’atmosfera è quella a cui siamo già abituati: il deserto è quello della Spagna lo stesso che aveva scelto Sergio Leone per ambientare i suoi “Per un pugno di dollari” e “Il buono, il brutto e il cattivo” e  Sergio Corbucci per “Django” , il volto quello di Terence Hill ( le nostre mamme ancora fanno sogni erotici su Trinità), le scene epicamente comiche non mancano, come le grandi risse, la polvere e il viaggio.

È un’atmosfera un po’ più moderna certo: Thomas al contrario di Trinità si sposta in moto e non con un travois trasportato da un diligente cavallo, ma è chiaro l’omaggio che Terence Hill vuole dedicare alla tradizione del western. C’è da aspettarsi forse uno sguardo al tema di un viaggio all’interno dell’umanità, come ne “I diari della motocicletta” che racconta il viaggio di Ernesto Che Guevara.

 

Il film è interamente dedicato all’amico Bud Spencer

La colonna sonora, poi, non è da meno, la sua stesura è stata affidata a Pino Donaggio  e a riguardo Terence Hill dice “Per la colonna sonora stavo cercando qualcosa di divertente ed evocativo ma che potesse trasformarsi al momento giusto in qualcosa di epico

Il tema iniziale però è stato affidato a Franco Micalizzi lo stesso autore della celebre melodia di apertura di “Lo chiamavano Trinità” e in questo tema è presente ancora una volta l’inconfondibile fischio di Alessandro Alessandroni, purtroppo scomparso nel 2017.

 

Il mio nome è Thomas per la regia di Terence Hill, con Terence Hill, Veronica Bitto, Andy Luotto e Guia Jelo.

Prodotto da Jess Hill per Paloma 4, uscirà nelle sale domani 19 Aprile 2018.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Vincenzo Della Ragione Fotografo, la Gallery!

in Fotografia Photo Blog/Photoartofrosy Blog/Rosaria della Ragione Blog by

La mia grande passione per la fotografia: ecco a voi una gallery con le foto più belle di Vincenzo Della Ragione.

Ho iniziato a scrutare con occhi diversi tutto ciò che mi circonda … la mia è una passione che coltivo quotidianamente.
Siete curiosi dell’intervista? Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Elisa Licciardi… una giovane attrice, la Gallery

in Fotografia Photo Blog/Photoartofrosy Blog/Pianeta Donna/Rosaria della Ragione Blog by

Ho sempre amato inventare storie e dare vita a personaggi della mia fantasia sin da piccola…

E’ come se una volta ascoltata quella voce, la strana creatura che prende vita dentro di me debba subito uscire fuori altrimenti si perde.
Siete curiosi dell’intervista? Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Dopo il successo sanremese, Annalisa pronta per un nuovo inizio

in Festival Sanremo 2018/La Musica/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by

Annalisa, terza classificata del Festival di Sanremo, dichiara: «Nel nuovo album “Bye Bye”saranno finalmente le canzoni a parlare»

«Vivo la musica come un impulso e un mezzo per star bene io in primis. Per questo, ho sempre sentito l’esigenza di scrivere quello che stavo vivendo»

t6a1798

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

Il nuovo disco contiene ben 13 canzoni inedite tra cui il brano sanremese “Il mondo prima di te”, il cui video ha superato le 16 mila visualizzazioni su youtube. Per Annalisa è iniziato un vero e proprio cambiamento, è giunto il momento di voltare pagina e lasciare il segno. È pronta a lasciarsi alle spalle insicurezze e paure e lanciarsi in una fase completamente nuova, tutta da scoprire, una fase che affronterà con la sicurezza e la determinazione di una donna. Si prepara in qualche modo a salutare il suo passato, ma non ha assolutamente intenzione di rinunciare a quella passione che in campo musicale da sempre la contraddistingue: «Ho sempre vissuto la musica in modo istintivo, come un impulso primario. Un modo per stare bene, per provare ad essere felice, semplicemente. Mi auguro davvero di riuscire a fare del bene anche a chi ascolterà». Annalisa spera di trasmettere, con il suo nuovo impegno discografico, tutto il suo mondo interiore, questo anche grazie al suo collaboratore Michele Canova a cui ha affidato la produzione di “Bye Bye”: «Ci siamo visti in Italia e abbiamo lavorato a distanza. Gli mandavo testi in continuazione ma tanti ho dovuto escluderli. C’è un momento per ogni cosa e magari li tengo lì, per il futuro». La cantante, insomma, ha deciso di cambiare tutto. Non solo suoni e stile, ma anche atteggiamento e lo si può notare già dalla nuova copertina: ha un’aria più spigliata, quasi di sfida, decisamente meno timida e insicura rispetto a quella di qualche anno fa, quando faceva tanta fatica ad abbattere il muro che la separava dal pubblico.

E siamo montagne a picco sul mare. Dal punto più alto impariamo a volare…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Roma: Napoli trionfa al David di Donatello Edizione 2018

in Il Cinema/Pepsi e Popcorn Blog/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by

Il David di Donatello al Miglior film è andato a Ammore e Malavita.

Luigi de Magistris: «Orgoglio napoletano! Napoli domina i David di Donatello, dietro a questo successo c’è fatica, competenza, sacrificio e passione. Napoli è una potenza di talento ed energia»

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

Durante la cerimonia sono stati assegnati in tutto più di venti David di Donatello, compresi quelli per il Miglior film straniero (Dunkirk), il Miglior film dell’Unione Europea (The Square) e i premi speciali a Stefania Sandrelli, Diane Keaton e Steven Spielberg. Altri film molto premiati sono stati Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli e A Ciambra, con cui Jonas Carpignano ha vinto il premio per il Miglior regista.

La cerimonia di premiazione è stata condotta da Carlo Conti ed è avvenuta a Roma, nella serata di Mercoledì 21 Marzo. Quest’anno il premio principale, quello di Miglior film, è stato assegnato a Ammore e Malavita, una commedia musical dei Manetti Bros. Ma non è l’unico trionfo targato Napoli: Renato Carpentieri migliore attore protagonista e Luciano Stella e Carolina Terzi migliori produttori per Gatta Cenerentola, che conquista l’Oscar del cinema italiano anche per i migliori effetti digitali. Un successo per la Mad Entertainment, l’officina di giovani talenti tutti napoletani. Emozionato sul palco alla consegna della statuetta Carpentieri, grandissimo interprete de La tenerezza, tratto da un romanzo di Lorenzo Marone, scrittore napoletano. Altri riconoscimenti sono andati al film Napoli velata di Ozpetek. Mai come ora la città era stata protagonista di un tale exploit cinematografico ai David, che premia anche la crescita per qualità e quantità delle pellicole “made in Naples”. Migliore attrice non protagonista Claudia Gerini per Ammore e malavita; migliore canzone originale “Bang Bang” musica di Pivio & Aldo De Scalzi, testi di Nelson, interpretata da Serena Rossi, Franco Ricciardi Giampaolo Morelli per Ammore e malavita. Migliore autore della fotografia Gian Filippo Corticelli per Napoli velata; per lo stesso film migliore scenografo Ivana Gargiulo; migliore costumista ex aequo Daniela Salernitano per Ammore e malavita.


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Alessandra Giancola Model, la Gallery!

in Fotografia Photo Blog/Photoartofrosy Blog/Pianeta Donna by

Alessandra Giancola è giovanissima ma con le idee molto chiare sul proprio futuro.
Siete curiosi dell’intervista? Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Prosegue alla grande il successo del cantautore Ermal Meta

in La Musica/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by

Certificazione FIMI e sold out al Forum di Assago

Una settimana all’insegna di buone notizie quella di Ermal Meta: la data d’esordio al Forum d’Assago è già sold out e non solo. Il cantautore si porta a casa la certificazione FIMI che vede l’album “Non abbiamo armi” premiato col disco d’oro.

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

Solamente 10 mesi fa, Ermal Meta, realizzava un sogno portando a casa con orgoglio un sold out all’Alcatraz di Milano con circa 3.000 spettatori. Nel frattempo, il cantautore, ha continuato a scrivere canzoni e, sopratutto, a sognare ed oggi raggiunge un obbiettivo ancora più ambizioso. A solo due mesi dall’annuncio il suo show al Mediolanum Forum di Assago è sold out con quasi 10.000 biglietti venduti.

«Cosa significa per me non avere armi? Qualunque cosa noi possiamo fare nella vita, le uniche armi che abbiamo sono le nostre emozioni, attraverso le quali riusciamo e possiamo esprimerci al meglio. Il nostro migliore scudo è la nostra pelle».

Il terzo album da solista di Ermal Meta contiene ben 12 brani riscuotendo immediatamente un enorme successo. L’album, infatti, si è immediatamente aggiudicato il 1° posto della classifica di vendita nella settimana della sua pubblicazione. L’album è uscito il 9 febbraio ed è stato presentato in conferenza stampa al Festival di Sanremo, dove Ermal ha gareggiato e vinto con il collega e amico Fabrizio Moro e con cui parteciperà all’Eurovision Song Contest, a Lisbona.
Nelle 12 canzoni, Ermal, racconta la contemporaneità e la paura che spesso la invade ma parla soprattutto d’amore; un amore che fa spostare il mondo sul perno della fiducia, un amore che riecheggia tra i passi come un metronomo tarato sui ricordi o l’amore “che spacca le ossa”. Ma anche amore per la vita, o per la propria squadra calcistica. Una canzone può nascere dalla consapevolezza di chi siamo, di dove vogliamo andare, di che mezzi possiamo usare e di come possiamo curare le ferite di percorso. I suoi fan, denominati “I lupi“, proseguono il countdown per il 28 aprile, intanto possono incontrarlo negli instour dove possono farsi autografare l’album. In tanti lo seguono anche sui social per esprimere la loro gratitudine e soprattutto la passione per la sua musica, sempre vera, diretta e genuina. Durante una diretta su Facebook, Ermal Meta ha svelato una prima novità dell’atteso concerto al Forum di Assago a Milano, in programma il prossimo 28 aprile: “La Fame di Camilla” sarà sul palco insieme al cantautore per il grande evento a Milano. Nel frattempo, sono uscite le nuove date del tour estivo, il 5 luglio sarà a Roma, al Foto Italico.

Lo sai che una ferita si chiude e dentro non si vede
Che cosa ti aspettavi da grande, non è tardi per ricominciare…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Alla scoperta di giovani talenti Fa.bu.la Videomakers

in Fotografia Photo Blog/Photoartofrosy Blog/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by
  • fa-bu-la-intervista-copertina-iogiornalistatv.jpg?fit=720%2C379
  • fa-bu-la-intervista-fotografi-iogiornalistatv.jpg?fit=720%2C379
  • fa-bu-la-intervista-iogiornalistatv.jpg?fit=720%2C379
  • fa-bu-la-intervista-videomakers-iogiornalistatv.jpg?fit=720%2C379

La diversità di tre giovani ragazzi alla scoperta dell’audiovisivo e non solo …

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

“Fa.bu.la. in un acronimo esprimono la loro creatività”.

– Come e quando nasce fa.bu.la.?
Il team fa.bu.la è nato ufficialmente a gennaio 2018, quando abbiamo scelto il nostro nome e reso pubblico il nostro sito. L’idea di formare un gruppo di lavoro era già nata lo scorso settembre tra i banchi dell’Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma, è lì che ci siamo conosciuti a Gennaio 2017. Il gruppo è nato in maniera quasi del tutto naturale. Ognuno di noi ha notato le abilità degli altri due e ci siamo resi conto di come tutte le nostre diverse capacità messe insieme potessero creare qualcosa di bello e innovativo. A gennaio 2018 è diventato tutto più concreto, ma da mesi c’era già un’idea, una sensazione, che qualcosa si dovesse creare.

– Avete scelto di chiamarvi fa.bu.la … per voi rappresenta l’acronimo di qualcosa?
Ci abbiamo impiegato un po’ a scegliere il nome, volevamo qualcosa che ci rappresentasse. Queste tre sillabe formano una parola che ha origini nel latino e che significa racconto, il che ci pareva perfetto visto che ci definiamo spesso degli storytellers e che una caratteristica dei nostri video è che hanno una storia di fondo e raccontano sempre qualcosa. Ma ciò che ci ha fatto capire che la parola fabula era perfetta per noi è il fatto che le sillabe che la formano sono anche l’anagramma di alcune sillabe che formano i nostri cognomi. Fa sta per FAlappa, Bu sta per BUsetta, e La sta per CurcuLAcos (Federica ha dovuto riconoscere ed accettare che Fabucur non suonava altrettanto avvincente).

fa-bu-la-intervista-fotografi-iogiornalistatv

– Di cosa vi occupate esattamente?
Principalmente ci occupiamo di videomaking e fotografia e siamo preparati ad affrontare tutte le fasi della realizzazione di un progetto: dalla scrittura e pre-produzione alla successiva produzione e post-produzione. Abbiamo iniziato da poco per cui ci siamo ripromessi di non precluderci nulla, in più il fatto di avere tutti interessi simili e allo stesso tempo diversi ci spinge a sperimentare continuamente. Finora abbiamo lavorato a cortometraggi, book fotografici, showreels di modelle e attrici o attori, brevi documentari, video musicali, spot pubblicitari e video promozionali per aziende.

– Siete in tre, in cosa vi differenziate?
Uno dei nostri punti di forza è proprio quello di essere in tre: tre teste differenti con trascorsi differenti. Abbiamo la passione per il cinema che ci accomuna, ma siamo interessati a tipologie di video molto differenti, e forse è proprio questo il nostro punto di forza e ciò che ci rende capaci di lavorare in maniera così variegata. Daniel ha un grande bagaglio culturale cinematografico e ha frequentato il Teatro Stabile delle Marche e diversi corsi teatrali che lo hanno portato a saper lavorare con gli attori, a saperli dirigere e a saper tirare fuori il meglio da loro. Giorgia, invece, è affascinata da come il cinema è in grado di trasformare la finzione in realtà e viceversa, da quel processo che rende reale l’irreale. Il suo interesse però è molto più pratico che ideale. Federica ha amato fin da bambina usare macchine fotografiche per poi montare e creare dei video che dessero o ricordassero emozioni, ma ha dato la priorità allo studio pratico delle tecniche di ripresa e di montaggio. Il bello di questo nostro insieme è che siamo tutti specializzati in qualcosa, ma che allo stesso tempo le nostre abilità si intrecciano in modo da metterci in discussione a vicenda per poi migliorare. C’è una continua evoluzione nelle nostre capacità e nei nostri progetti.

fa-bu-la-intervista-iogiornalistatv

– Un aggettivo che vi caratterizza?
Anticonvenzionali: cerchiamo sempre di differenziarci per qualcosa rispetto ad i nostri competitors.

– La soddisfazione più grande che vorreste avere?
Credo che la soddisfazione più grande sarebbe vedere che tra qualche mese siamo ancora insieme e che stiamo portando avanti quello che abbiamo iniziato, magari non solo tra qualche mese. Ognuno di noi ha dei traguardi specifici che vuole raggiungere e ha delle preferenze sul genere di progetti a cui lavorare, però abbiamo capito che insieme siamo un buon team, un’ottima squadra. Possiamo aiutarci a vicenda a raggiungere i nostri obiettivi e a realizzare i nostri sogni. Ci auguriamo anche di trasmettere sensazioni e messaggi positivi a tutti coloro che ci seguiranno nel tempo.

– Come lavorate sui vostri progetti? Chi è tra voi la mente e chi il braccio?
Sicuramente è Daniel la persona tra noi che possiede la più vasta conoscenza in quanto a film e la maggior parte delle volte è lui che fa nascere l’idea. Questa idea viene poi discussa e resa più dettagliata attraverso brainstorming e scritture di gruppo. Quindi se dovessimo decidere una sola mente tra noi sarebbe Daniel, ma è grazie al lavoro di gruppo che arriviamo ad una idea finale. Lo stesso vale per il braccio del gruppo. Giorgia è la persona che si occupa principalmente delle riprese e Federica del montaggio, quindi siamo entrambe braccia in due momenti separati della creazione di un video. Ma Giorgia non è quasi mai sola a fare le riprese, ci alterniamo tutti e tre, ci diamo consigli e ci confrontiamo su cosa è necessario riprendere e come è meglio inquadrarlo. E durante la fase di montaggio, nonostante sia Federica quella seduta davanti al computer, c’è un continuo scambio di opinioni su come sia meglio montare il video e che stile darci. Quindi non abbiamo dei ruoli totalmente definiti, il che ammettiamo che a volte può diventare problematico, ma è ciò che ci spinge ad innovarci e a mettere in discussione le nostre certezze.

fa-bu-la-intervista-videomakers-iogiornalistatv

– Siete giovanissimi ma la determinazione e la passione vi contraddistingue. Siete entusiasti di ciò che avete realizzato sino ad ora?
Abbiamo iniziato “a fare sul serio” da pochi mesi, però da questa collaborazione sono già usciti parecchi lavori di cui siamo felici e di cui andiamo fieri. Ovviamente c’è ancora moltissimo da imparare e ci sono tante nuove cose da sperimentare, però ci stiamo dando da fare e siamo entusiasti di quello che stiamo facendo. Ma non ci fermiamo! Abbiamo ancora molti progetti già in fase di lavorazione.

– Al momento lavori in fase di progettazione?
Ci stiamo tenendo aperte molte strade per ora, proprio perchè vogliamo metterci alla prova, vedere che cosa ci piace di più fare e in cosa siamo più bravi. Per questo al momento stiamo lavorando ad un nuovo video musicale che uscirà a breve, ad alcuni spot pubblicitari e stiamo buttando giù nuove idee per alcuni corti… In più c’è l’intenzione di creare una mini serie che coinvolge gli esseri pelosi che vivono con noi. Sarete costretti a seguire la nostra pagina e il nostro canale per rimanere aggiornati.

Vi è piaciuta questa intervista? Avete guardato la Gallery? Restate sintonizzati…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Fa.bu.la Videomakers, la Gallery delle foto migliori!

in Fotografia Photo Blog/Photoartofrosy Blog/Rosaria della Ragione Blog by

La diversità di tre giovani ragazzi alla scoperta dell’audiovisivo e non solo …

Fa.bu.la. in un acronimo esprimono la loro creatività. Ecco parte dei lavori realizzati da loro!
Siete curiosi dell’intervista? Cliccate qui!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Roma: Processo per stupro approda al Teatro Eliseo

in La Cultura/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by

L’adattamento del documentario a cura di Renato Chiocca.

Nel 1979, Un processo per stupro andò in onda su “il secondo canale” della Rai, raggiungendo oltre 12 milioni di spettatori e smascherando le consuetudini di abuso sui diritti delle donne.

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

Non era mai accaduto che un processo contro degli uomini accusati di violenza sessuale venisse mostrato pubblicamente. Per la prima volta tantissime persone videro come una ragazza di 18 anni fosse costretta a dimostrare l’assenza del suo consenso mentre quattro uomini la stupravano.

A quarant’anni di distanza lo spettacolo diretto da Renato Chiocca con la partecipazione di Clara Galante ed Enzo Provenzano, restituisce il linguaggio di quel processo penale facendo rivivere sul palcoscenico lo scandalo e l’indignazione di quello che fino ad allora era un processo per stupro. Oggi pensiamo che le cose siano finalmente cambiate, ci illudiamo che siano finalmente diverse, ma non è così. Non si è ancora raggiunta quella giustizia di cui tanti parlano. La donna non è un oggetto, ha un’anima, oltre che un corpo, ha dei sentimenti che troppo spesso vengono calpestati dall’arroganza e dalla prepotenza con cui l’uomo si accosta. La donna, troppo spesso, deve difendersi da insinuazioni, offese, allusioni, pettegolezzi che la etichettano come “è una donna facile”; “mi ha provocato”, “se l’è cercata”, “andava sempre in giro vestita in quel modo…”, “si è fidata di uno sconosciuto”, “di questi tempi cosa si aspettava”, “era ubriaca” ecc… La cosa più triste è che la maggior parte di queste frasi sono pronunciate con estrema facilità e superficialità non solo da uomini ma anche da altre donne che, invece di essere solidali, trovano più “elegante” puntare il dito e dissociarsi. Io proverei per un attimo a mettermi al posto di una di queste donne, sedermi in un’aula tribunale dove, dopo essere state picchiate o stuprate, devono subire anche un vero e proprio processo, con la speranza di essere capite e credute. L’adattamento del regista Renato Chiocca induce alla riflessione più intima, entra in punta di piedi nel cuore e coinvolge l’anima anche grazie alla bravura indiscussa degli attori Clara Galante, Enzo Provenzano Tullio Sorrentino, Francesco Lande e Simona Muzzi che sono riusciti a rendere una piccola stanza del Teatro Eliseo un vero e proprio tribunale. Quel tribunale dove le donne da vittime si trasformano in carnefici e dove sono costrette a guardare negli occhi l’uomo o gli uomini che hanno spudoratamente abusato del loro corpo.

Non lasciamo che queste donne si difendano da sole…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Grande successo per Oronero Live Tour di Giorgia

in La Musica/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by
  • m.png?fit=1476%2C760
  • mm.jpg?fit=740%2C493
  • mmm.jpg?fit=740%2C340
  • mmmm.jpg?fit=730%2C487
  • mmmmmmm.jpg?fit=800%2C533
  • mmmmmmmmm.jpg?fit=1000%2C666
  • mmmmmmmmmmmmmmm.jpg?fit=660%2C345
  • 0.jpeg?fit=1280%2C853
  • 000.jpg?fit=1920%2C1278

Giorgia nei principali Palasport italiani

“Guardo poco indietro, ma mi rendo conto che un pezzo di strada l’ho fatto, adesso cerco di essere all’altezza delle cose belle che ho ricevuto”.

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

A ottobre 2016 è uscito Oronero, il suo decimo album di inediti. A poco più di un anno di distanza è uscito anche Oronero Live, edito da Microphonica – Sony Music Italy, con le migliori interpretazioni del suo Oronero Tour, ma anche alcuni brani inediti prodotti da Michele Canova. Per festeggiare un anno di grandi successi e riconoscimenti, Giorgia si sta esibendo nei principali palasport italiani per nuove date dell’Oronero Live, per un totale di sei date. Giovedì 1 e venerdì 2 marzo Giorgia è stata protagonista di due concerti al Palalottomatica di Roma. Per la prima volta l’artista si è esibita su un palco centrale a 360 gradi e in due ore e mezza di performance ha proposto tutti i brani portati al successo in oltre vent’anni di carriera. La seconda tappa del tour è stata al Mediolanum Forum di Milano il 7 e 8 marzo, e si concluderà alla Kioene Arena di Padova il 12 e 13 marzo. Lo spettacolo è completamente nuovo rispetto al tour precedente: ballerini, drummers e fiati contribuiscono a rendere lo scenario ancora più magico e in cui la voce pazzesca e sempre impeccabile di una delle migliori cantanti italiane esplode, emozionando il pubblico. Sul palco, insieme a lei, i musicisti Gianluca Ballarin, Giorgio Secco, Mylious Johnson, Claudio Storniolo e il direttore musicale Sonny T. Anche le postazioni dei musicisti vengono spostate in continuazione. Al centro, una grande struttura bianca che rappresenta un albero, su cui vengono proiettati giochi di luce. A Milano a salire sul palco anche un ospite tanto atteso, Marco Mengoni. Arriva dal parterre acclamato dai numerosi fan e raggiunge Giorgia sul palco per duettare con lei.

“La vita e le responsabilità di una famiglia mi hanno aiutato a superare quella sensazione di vuoto e disperazione. Ma la verità è che quella cosa rimane sempre lì, da qualche parte, non passa mai e lo sa chiunque l’abbia provata”.


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Thelma & Louise: il coraggio è donna… non solo l’8 Marzo…

in Il Cinema/Pepsi e Popcorn Blog/Rosaria della Ragione Blog/Ultimi Pubblicati by

Thelma & Louise un Film, un Paradigma…

L’amicizia femminile ha una potenza straordinaria, la capacità di disfare il mondo in una notte.

Un articolo di Rosaria Della Ragione
Un articolo di Rosaria Della Ragione

L’impatto sociale di un film come Thelma & Louise è vivido ancora oggi. Il film di Ridley Scott possiede una carica grintosa e amara che lo rende un’avventura on the road trascinante e appassionante, storia di emancipazione e libertà che travalica ogni confine e che rimbalza nella memoria con rumori sempre diversi. Il film è diventanto immediatamente un instant classic, grazie anche alla scelta molto coraggiosa della sceneggiatrice Premio Oscar Callie Khouri di far morire le due protagoniste interpretate da Susan Sarandon e Geena Davis. La famosa caduta dal dirupo lascia davvero poco spazio all’immaginazione, lasciando un enorme vuoto anche negli spettatori. Abbiamo assistito ad una grande storia d’amicizia e di solidarietà femminile, contro il modello della rivalità e che continuiamo a ricordare anche a distanza di tutti questi anni. Il viaggio è la vita, è la sfida, e l’immagine di Thelma & Louise che cantano, con i finestrini abbassati, quel loro momento di perfetta felicità rimarrà per sempre nella memoria. Il film ha dato voce al sogno di libertà delle donne, alla possibilità di correre nel mondo essendo semplicemente se stesse, andando fino in fondo, senza voltarsi mai indietro. «È stato davvero emozionante per me e credo per noi – ha dichiarato Sarandon – Abbiamo avuto circa 20 minuti per girarla, e avevamo intenzioni di dirci addio a vicenda. E così, siamo arrivate alla meta». «Mi voltai a guardare indietro, rendendomi conto che l’intera esperienza era finita – ha invece rivelato Davis – mi sono sentita davvero triste».

Thelma & Louise un Film, un vero Paradigma di vita…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Roma: 50 anni e sono ancora Mia Auditorium Parco della Musica

in Eventi/Gabriella Chiarappa Blog by
  • 50-anni-e-sono-ancora-mia-copertina-iogiornalistatv.jpg?fit=720%2C379
  • maria-letizia-3.jpg?fit=1920%2C1280

50 anni e sono ancora Mia…

scritto e diretto da

PINO AMMENDOLA

  • Stefano De Meo Tastiere / Paola Caridi Batteria
  • Pino Iodice Chitarra / Andrea Pintucci Basso
  • Arrangiamenti Stefano De Meo
  • Video Claudio Ammendola,
  • Coreografie Jacqueline Chenal
  • Allestimento Scenico Raffaele Golino

A 50 ANNI DAL ’68 UN VIAGGIO NELLA CANZONE FEMMINILE PER RACCONTARE LA STORIA CHE CAMBIA.

Presentato dal Centro Mediterraneo delle Arti e dal MiBact con la collaborazione di Heliconia, Giovedì 8 Marzo presso l’Auditorium Parco della Musica /Sala Petrassi, andrà in scena 50 ANNI E SONO ANCORA MIA, interpretato da Maria Letizia Gorga e scritto e diretto da Pino Ammendola.

L’attrice e cantante sarà accompagnata sul palco da una formazione pop-rock di quattro musicisti: Stefano De Meo alle tastiere, Pino Iodice alla chitarra, Paola Caridi alla batteria e Andrea Pintucci al Basso. Gli arrangiamenti sono di Stefano De Meo, le coreografie di Jacqueline Chenal, l’allestimento scenico di Raffaele Golino e i filmati a cura di Claudio Ammendola.

A cinquanta anni da quel ’68 che cambiò la nostra società, va in scena uno spettacolo che rievoca la storia e se ne fa memoria, attraverso la canzone femminile, con brani-simbolo di un’epoca che ha cambiato il ruolo delle donne nella coscienza collettiva.

Nei panni di una cantante che inaugura uno spazio divenuto oggi Casa delle donne e poi nei panni di sua madre che 50 anni prima, incinta di lei, occupò quel luogo, Maria Letizia Gorga interpreta i pezzi più significativi del decennio a cavallo del ’68: da Noi le donne noia Gianna, passando per Gli uomini non cambiano” a “Il Kobra” e “Qui e là”. Un divertente percorso musicale nel mondo femminile, che si libera proprio in quegli anni, dell’immagine rassicurante della donna madre, moglie e massaia e scuote tutti al grido di tremate, tremate, le streghe son tornate!“.

“50 Anni e Sono Ancora Mia, è uno spettacolo che ci piace molto portare in scena, ci ricorda Pino Ammendola, autore e regista, perché sottolinea le vere conquiste delle donne, quelle che sono rimaste fino ad oggi!”Si diceva IO SONO MIA e mai come oggi di quel grido c’è bisogno!” Aggiunge Maria Letizia Gorga.  Ci piace raccontare con leggerezza, come solo la musica sa fare, la storia di un percorso che non deve fermarsi, che deve continuare ad  andare avanti…”

Un viaggio insomma nella nostra memoria, compiuto attraverso la canzone popolare, vero e proprio elemento di raccordo tra le generazioni.

Ufficio Stampa Carla Fabi e Roberta Savona
Carla: carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta:
savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona


Costo e come raggiungerci

TicketOne: Posto Unico Numerato Intero € 20,00 

 50 anni e sono ancora mia ROMA 

L’Auditorium Parco della Musica, situato nel quartiere Flaminio, al Villaggio Olimpico è facilmente raggiungibile con i seguenti mezzi pubblici:

– Autobus:

  • 910 Capolinea Termini/Piazza Mancini;
  • 53 Capolinea Piazza Mancini/Largo Chigi;
  • 982 Capolinea V.le XVII Olimpiade / Stazione Quattro Venti;
  • 168 Capolinea L.go Maresciallo Diaz / Stazione Tiburtina.

– Tram:

  •  2 Capolinea P.le Flaminio/P.zza Mancini.

– Metropolitana:

  • Metro A fermata Flaminio poi Tram 2;
  • Ferrovia Roma-Nord fermata Piazza Euclide.

– Auto:

  •  G.R.A uscita Flaminio Saxa Rubra, direzione Corso di Francia;
  •  Lungotevere Flaminio/Viale Tiziano altezza Palazzetto dello Sport.

Presso l’Auditorium Parco della Musica c’è ampia possibilità di parcheggio, con posti riservati ai diversamente abili.


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.
Go to Top