Il Futuro? Solidale…

razzi-quassam-kassan-kassam

No, Moni Ovadia, hai torto sulla Palestina e su Israele, Ariel De Guglielmi

in La Politica/Ultimi Pubblicati by

La Palestina, Gerusalemme, l’Intifada dimenticata e Trump con la sua Ambasciata, fanno discutere anche a livello di commenti…

…e l’intervento di Ovadia sulle nostre colonne, ha fatto insorgere un ex soldato italiano in Libano, oltretutto Ebreo anch’egli, leggiamolo…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Una Nota del Direttore

La Palestina.. Ariel de Guglielmi è con noi da tempo. Non scrive molto perché non è un giornalista, e non è uno scrittore, è un grande artista, e soprattutto è un ex Soldato Italiano in Libano, quindi è uno che oltre a essere Ebreo, ha anche vissuto da vicino la caotica e pericolosa vita del Medio Oriente. Ascoltando l’intervista ed il commento che abbiamo fatto sulla situazione palestinese, sulla recente situazione palestinese con Moni Ovadia, Ariel non ha potuto esimersi dal dargli una risposta…. Una sonora risposta e critica negativa… Ci piace ospitarla, e non crediamo di fare un torto ad Ovadia che anzi solleciteremo per dargli una risposta, perché le sane discussioni sono le fondamenta delle nuove idee, e nel Medio Oriente, servono sicuramente nuove idee sia per i Palestinesi che per gli Israeliani. Abbiamo tutti bisogno di una Pace duratura.

Un Articolo di Ariel De Guglielmi
Un Articolo di Ariel De Guglielmi

La Palestina… Come al solito, una persona fa una azione (Trump, dopo anni di rinvii, firma la legge votata molti anni fa, e sposta l’ambasciata nella Capitale d’Israele), e tutti gli altri, solo dopo, si lamentano. L’azione di Trump, è condivisibile? Non è condivisibile? Va bene, parliamone, discutiamone, soprattutto considerando che non ci vorranno meno di due anni per renderla operativa, per cui? Siamo persone civili? Si discute, ci si confronta… ma no, invece no!

Alcuni personaggi, che a vario titolo governano alcuni paesi, decidono immediatamente per il lancio di una nuova Intifada, cioè il solito “Dagli all’Ebreo“, sembra quasi che lo stessero aspettando…

Non solo, ma ovviamente il tutto con il solito plauso, sembra quasi prezzolato, dell’abituale gruppo di intellettuali capitanati da giornalisti al soldo del potere, e giullari senza vergogna, che dichiarano che: “… ma si, va bene così!“…

Perché come la leggenda imperante dice, noi Ebrei ci comportiamo male, perché lo stato di Israele non si comporta correttamente, perché lo Stato di Israele è violento, è cattivo.

Bene, anzi male, perché invece Israele è il paese più democratico dello scacchiere mediorientale, e, come in ogni democrazia, vi sono politici di vario genere con cui si deve avere a che fare, ma il paese, la popolazione, la base, al contrario esatto di quanto si vuole far credere, vuole una pace duratura, quella pace che, però, volente o nolente, devi per forza fare con lo stato di Israele, perché esiste, c’è, vi piaccia o no…. ma di cosa parliamo ?! Di cosa parla Moni?

Nei paesi democratici ognuno ha il diritto di dire la sua, e di esporre le propie ragioni, quindi ho ascoltato con tristezza Moni Ovadia ripetere le solite storielle, ma non parlavamo di quello! Qui non dobbiamo dimenticare il vero obiettivo del discorso, e cioè che di fronte a una azione democratica di un paese, qualcuno minaccia e colpisce altri, e quegli altri chi sono? Sono Ebrei… come sempre…

Ma di che parliamo? E poi, permettetemelo, io mi vergogno di essere italiano, governato da personaggi ambigui che con atto di sudditanza si tolgono il cappello davanti al Boss mafioso di turno, davanti ad uno che fa paura al mondo civilizzato e democratico.

E così anche per il resto dell’Europa, e per questo penso che non sia più tempo, purtroppo, di vivere qui in un posto dove non siamo mai stati rispettati, che non ci considera e non ci ha mai considerato cittadini di questo paese. Quando finirà questa nuova Intifada lascerà sul terreno molto più di “soli” morti e feriti, lascerà rancori incancellabili.

moni-ovadia-palestinese-ebreo-sionismo
Vuoi ascoltare l’Intervista a Moni Ovadia sulla questione Palestinese? Clicca qui…

Un mio amico Giordano (Palestinese), mi ha detto pochi giorni fa, qui possiamo essere amici, ma li non è possibile… e non sarà mai possibile… scusatemi, ma io non sono d’accordo, se gli atti di violenza cambiano connotazione a seconda della latitudine del paese in cui avvengono. Così in Europa, quasi tutti casi di aggressione o insulti razziali ad Ebrei, sono sottovalutati ed attribuiti a malati di mente!

In Israele, invece, se fatti li, sono incursioni partigiane!

No! Come si è lottato contro le mafie si deve lottare contro questi terroristi, siano anche capi di un governo, io non ho paura di dire “vergogna!” ad un paese, al mio paese che abbassa il capo davanti al bullo di quartiere.

Mi dispiace, credo che si debba reagire e non sottovalutare, basta Ipocrisia!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from La Politica

Go to Top