Il Futuro? Solidale…

Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

in Il Sociale/In Evidenza/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by

Il quotidiano Libero pubblica stralci del verbale e tutti a gridare al razzista. Ma…

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Se ne sta parlando tanto ed è bene che se ne parli perché la voce delle donne e di chi sta dalla loro parte non è mai abbastanza incisiva. Stupro. Già la parola mette i brividi, figuriamoci a viverlo. Stupro di gruppo: il peggio del peggio. Se hai anche una sola possibilità di salvarti in una lotta pari (che pari non è mai), quando ti attacca il branco la probabilità di sfuggirgli è a zero.
È quello che è capitato alla turista polacca sulla spiaggia di Rimini e, poco dopo, alla transessuale peruviana nella notte dello scorso 26 agosto.
Di questo orrore ne hanno parlato tutti i giornali, alcuni ne hanno riportato dettagli che sono duri e crudi come pugni nello stomaco. Tra questi il quotidiano Libero, che ha stralciato le dichiarazioni delle vittime dai verbali di denuncia. E tutti a gridare al razzista, fascista, nazista e svariati altri ista, proprio come scrivo di me in calce agli articoli.
Non sono d’accordo.
È l’ottica di chi vede l’azione di Libero sotto la luce razzista a essere distorta. Perché dovrebbe essere razzista uno che riporta fatti, non lancia strali infuocati verso chicchessia, non fa illazioni, non tenta di radunare il KKK. Riporta fatti. Spietati, è vero. Orribili, senza dubbio. Inutili. No.
Perché è ora di spostare questo dannato riflettore sul vero mostro della storia: LO STUPRO.
Lo stupro non ha razza, non ha colore sebbene io un colore glielo attribuisco, ed è il viola. Viola come i lividi dei calci e dei pugni, come le ecchimosi che si formano in una vagina e in un retto violati oltre ogni umana ragione. Viola, appunto. Lo stupro ha il colore viola.
“Che cosa aggiunge a questa storia di orribile cronaca il fatto che l’abbiano trascinata dalla sabbia nell’acqua, e poi ancora nella sabbia, e poi di nuovo girata, e violentata in un altro modo?” si chiede oggi Il Foglio. Aggiunge cruda consapevolezza. Mette a fuoco quello che fino a ieri è stato definito “un fatto spiacevole”, “una ragazzata” e altre definizioni simili: basta leggere il post  del sedicente “mediatore culturale” Abid Jee per comprendere a cosa mi riferisco. Ecco, sono queste chiose superficiali a non rendere giustizia alle vittime. Come ho già scritto, brutto è quando ti becchi un cazzotto, spiacevole è quando il cane ti piscia sul tappeto. Lo stupro è un crimine tra i più efferati.

Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

Fin troppe volte abbiamo assistito a stupri irrisolti, con vittime senza giustizia e colpevoli bellamente impuniti o accarezzati da una pena che li vede liberi dopo poco. Se fossi io, la vittima, lo griderei ai quattro venti quello che mi hanno fatto affinché nessuno possa più ignorarmi, nessuno possa chiudere gli occhi. Né ora né mai più.
Che oggi sia una banda di extracomunitari francamente non m’importa. Io non vedo il marocchino o il nigeriano ma CRIMINALI. Loro, schifosi delinquenti senza colore.
Non è razzismo, questo. E se lo ritenete tale, continuerete voi a fare le differenze, a scavare fossati. Non sono, non devono essere loro i protagonisti, è quello che hanno fatto il focus della storia, ed è per quello che spero con tutta l’anima che siano puniti.
In maniera spietata, proprio come lo stupro che hanno perpetrato.

Simonetta Santamaria, è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Il Sociale

Go to Top