Il Futuro? Solidale…

IMG_0108 (720 x 379)

La foresta delle illusioni: il libro d’esordio di Alessandra Marconato

in Anna Lamonaca Blog/La Cultura/Ultimi Pubblicati by

Il libro è stato presentato al BUK di Modena

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca

“Venne il tempo in cui Taras dovette iniziare ad addestrarsi per diventare Conduttore del Regno…”
Inizia così la novella allegorica, scritta da Alessandra Marconato e dedicata agli adulti perché di crescere e di lavorare su se stessi non si finisce mai. “La Foresta delle Illusioni” rappresenta il suo esordio letterario con il quale sta coinvolgendo un pubblico sempre più ampio. Presentata ufficialmente al BUK di Modena, la fiaba motivazionale di Alessandra ha conquistato in pochissimo tempo un numero crescente di lettori, semplicemente grazie al passaparola ed al lavoro diretto dell’autrice che si racconta in un’interessante intervista.
Alessandra, il tuo libro d’esordio s’intitola “La foresta delle illusioni”: parlaci della genesi di questa fiaba … “A due mesi dall’uscita del libro ho incontrato una persona che mi ha detto di averlo letto e di aver pensato a quanto tempo avessi impiegato per la sua “progettazione” e stesura. Legare una metafora all’altra e creare un filo conduttore nella storia non doveva essere stata una cosa “semplice”. Avrei potuto dire di sì, ma questa non è la verità. Un pomeriggio ho iniziato a scrivere e la prima stesura è stata d’impeto. Le parole hanno iniziato a scorrere nella mia testa e chiedevano, semplicemente, di essere messe nero su bianco.”
La tua è una novella allegorica dal sapore medievale con richiami alla filosofia zen dedicata agli adulti. Perché hai scelto proprio questo genere per narrare la tua storia? “Le persone hanno ancora bisogno di storie e di favole … e dalle storie e dalle favole si può imparare molto.”
La tua fiaba motivazionale sta conquistando in pochissimo tempo i lettori, a tuo avviso perché nel mondo attuale così disilluso e moderno c’è ancora bisogno delle fiabe? “Questo mondo è apparentemente disilluso e così è, generalmente, descritto. Incontro persone che hanno il desiderio di fermarsi a pensare, riflettere e, a volte, sognare ancora un po’ cercando qualcosa da leggere che soddisfi questa loro esigenza. Credo che questo sia il motivo per cui “La foresta delle illusioni” piace ai lettori.”
È un suggestivo percorso di crescita personale alla ricerca di un’identità e di un ruolo sociale attraverso la foresta delle illusioni. Cos’è la foresta delle illusioni? “Potrei dire che è il mondo del proprio io, del modello di sé, delle sfide e vicissitudini che dobbiamo affrontare, è un mondo in cui è necessario addentrarsi per conoscere meglio se stessi.”
Il libro è costituito da scrittura e disegni ideati da te, come ti sei appassionata alla scrittura e all’arte? “Questo non me lo ricordo … Ricordo che ho sempre disegnato e sempre scritto. In particolare, da bambina disegnavo ovunque su fogli, scatoloni, pezzi di legno, sassi, sul gesso di mio papà, il platano che è stato tagliato per poter fare la recinzione di casa, le pareti di casa, un paio di volte. Scrivere è un’altra cosa che mi è sempre piaciuta, diciamo fino alla terza liceo perché da lì in poi inizia “un’altra storia”.
Il personaggio principale del libro è un cavaliere che vive un’avventura magica, chi è questo protagonista? “Ognuno di noi. C’è chi mi ha chiesto “E se sono una cavaliera?” “Vale uguale”, ho risposto io, anche perché il termine femminile di cavaliere è … e anche questa è “un’altra storia”-
Cosa gli accadrà durante il cammino? “Si incontreranno persone, si vedranno cose, si vivranno esperienze, si faranno scelte, si soffrirà un po’ e poi si starà, forse, meglio.”
Perché i lettori devono comprare il tuo libro? “Perché ai lettori piace, chi lo legge trova serenità, qualcuno maggiore coraggio, qualcun altro un’ora di svago, è difficile per me consigliare il mio libro! Posso, quindi, dire che chi ha letto l’opera l’ha gradita … Ripeto spesso che ha ragione il lettore, non chi scrive o pubblica. È il lettore che fa vivere un libro, oppure no.”
Sei un coach, ti occupi di formazione, sei laureata in Filosofia, hai collaborato alla stesura di antologie ed articoli sul coaching, creato un brand di formazione, ami la filosofia, l’arte e la scrittura; parlaci di te: chi è Alessandra Marconato? “Non amo molto parlare di me. Sono uscita dalla mia “tana” per il mio libro, posso dire che sono una persona riservata, non amo il conformismo e i sentieri prestabiliti. Diciamo che, per quanto possibile, cerco di far lavorare la mia testa.”
Perchè scrivi, Alessandra? “Perché mi piace e mi fa sentire bene, nulla di più.”
Cosa c’è nel tuo futuro? “Sto pianificando alcuni nuovi progetti, non riesco a stare con le mani in mano. C’è, sicuramente, “La foresta delle illusioni” che per me è molto più di un libro…”


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Anna Lamonaca Blog

Go to Top