Il Futuro? Solidale…

salvini-di-maio-diciotti-scelta

Diciotti, M5s e Salvini? Parliamone ancora… senza Tav però…

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

Diciotti, Di Maio, Salvini e la base dei 5 stelle in equilibrio instabile su una sottile lama di rasoio… TAV compresa…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un articolo di Alberto Marolda

Dunque… Che rompano i gabbasisi quelli della folta opposizione, quelli del Renzusconi redivivo, ci sta, era prevedibile, direi inevitabile, ma che i malumori vengano dall’interno, no, questo non me l’aspettavo, pensavo proprio che le regole di ingaggio fossero ormai chiare per tutti, alla guerra si va come alla guerra, e questa, E’ una guerra.
Prendiamo come esempio la Diciotti, cosi ci chiariamo le idee sul comportamento sia della base grillina che di tutta la gerarchia cantante.
Cos’è la Diciotti innanzitutto? Un trappolone, un vero e proprio trappolone, solo così si può definire l’iter che è culminato con la votazione che ha richiamato più di 52000 elettori grillini (me incluso) ad esprimersi sulla piattaforma Rousseau. Il quesito era questo: “Il ritardo dello sbarco della nave Diciotti, per redistribuire i migranti nei vari paesi europei, è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato?” Due le possibili risposte: “Sì, quindi si nega l’autorizzazione a procedere” oppure “No, quindi si concede l’autorizzazione a procedere“. La scelta di lasciare confinati sulla nave della Marina militare gli immigrati, quindi, fu, o no, una scelta di politica nazionale, svolta in maniera collegiale? Una tagliola affilata e pronta a tagliare la testa di Di Maio e company, oppure, ed in alternativa, quella di Matteo Salvini, favorendo con tutta evidenza l’inutile papocchio all’opposizione… Berlusconi e Renzi avrebbero ringraziato capochino a terra… Ed invece? Ed invece nulla, ormai è storia affermata, hanno vinto i “salviniani”, 60 a 40, ed il ministro leghista è salvo. Tutto bene? No, assolutamente no, perché i “perdenti” non hanno accettato di aver perso, e minacciano diaspore e fughe per la tangente, i vincenti l’hanno fatto ma molti di loro, sotto sotto, non ne erano convinti, l’opposizione spara a palle incatenate contro l’inciucio grillino, reo di scambio Salvini TAV Reddito di Cittadinanza e chissà quale altro complotto demoplutogiudaico… insomma, pare proprio che questa votazione abbia scontentato tutti, ma è vero?

Partiamo dal quesito, non era chiaro? Induceva in errore? Non mi pare, io l’ho letto in un attimo e l’ho capito subito, dare la colpa alla domanda ed alle risposte, significa davvero dare del cerebroleso al grillino medio, e se così fosse, allora, si capirebbero tante altre cose nel Movimento, ma siccome io non credo che l’Italiano medio sia un imbecille, un certo tasso di ignoranza, si, ma imbecille no, non credo assolutamente che esista chi abbia votato alla cieca o abbia potuto sbagliare per come era posto il quesito… capito Nugnes, Fico e Grillo?

Dopo di che, sarebbe stata davvero una decisione collegiale presa negli interessi dello Stato? Beh, è vero che siamo di memoria corta, ma la Diciotti non è proprio cosi vecchia come storiella, non credo che ci sia qualcuno che non ricordi che in quei giorni non si parlava di null’altro. Quindi, se non si fosse trattato di una decisione corale su un argomento così crossmediatico, risulterebbe davvero strano al punto da voltare il quesito genere: “Potete mai pensare che Salvini sia cosi libero di fare quello che gli pare al Governo, senza che nessuno degli altri componenti lo abbia mai richiamato sulla Diciotti?”… No, dico, allora la prossima volta Salvini dichiarerà guerra alla Francia, e nessuno ne saprà nulla… maddai…

Ora parliamo della Guerra, e di come alla Guerra si vada vestiti, pronti e preparati come alla Guerra. Nel Movimento ci sono parecchie cose che non vanno, cose che mi fanno dubitare ed alzare la mano sin dalle sue fondamenta, Casaleggio e Grillo inclusi, ma questo non vuol dire che all’interno del Movimento non ci siano anche tante altre cose che invece funzionano bene. A partire proprio dalla Democrazia interna, di cui queste votazioni fanno parte, cosa che non trovi in nessun altro Partito, sia ben chiaro. Ne riparleremo, dobbiamo parlarne bene qui ed oltre, anzi, una delle cose che c’è nel Movimento è che se ne può parlare, non fosse altro che i Meetup, de minimis, esistono ancora. Vero, i vertici stanno levando loro potere ed efficacia, e questo è un problema da porre, ma ci sono, i Meetup esistono, e la gente non li frequenta per farsi una partita a carte come in qualche circolo del Pd ancora sopravvissuto, ma per parlare e fare politica attiva. Queste però sono considerazioni e discussioni interne, all’esterno, invece, deve esservi chiaro che c’è una GUERRA vera che non è solo fra i due partner al Governo, Lega e M5s, o fra la Compagine di Governo e la molto nutrita Opposizione, destra e sinistra unite in amorevole inganno, ma è la Madre delle Battaglie contro tutte le enormi Lobby che hanno governato il Paese negli ultimi 40 anni.

Questo se solo volessimo fermarci al Paese, ma sappiamo bene che le Lobby ormai sono assolutamente scevre da qualsiasi connotazione nazionale, ed infatti la Guerra si svolge anche nel Continente, dove tra l’altro ci possiamo gettare dentro anche la competizione fra gli Stati Sovrani che in Europa, sembra ovvio dirlo, non si è mai sopita… Tutte le considerazioni sugli interessi della Francia e di Macron nel Nord e centro Ovest Africa, ad esempio, sono comprovate da fatti e da intercettazioni, inutile parlarne qui e non serve essere complottisti.

Per cui? Signori, questa, come detto, è una Guerra, e la Guerra si combatte per vincerla, sennò è meglio rinunziare subito, ed io non credo lo si debba fare perché è in ballo il futuro della Nazione. Questa è la mia definitiva motivazione per aver votato SI…

Oppure NO… aspetta com’era? Un attimo che mi rileggo l’articolo…

Fermi… Non si scherza su questo, nonostante la copertina della nostra nuova artista, Ania Shi, lo possa suggerire… Non si scherza, io ho votato SI perchè voglio salvare il Paese, e combattere la Guerra che è in atto, per vincerla, dopo di che, i tanti problemi dell’M5s li discutiamo e risolviamo, non vi preoccupate, iniziamo a parlare di TAV, e del Referendum relativo? Chiamparino e le Madamine, lo volete? Anche io, ma lo facciamo fare a tutta l’Italia però, OK?

E’ cosa buona e giusta!!!

La vignetta di copertina è di Aina Shi,


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Alberto Marolda Blog

Go to Top