Il Futuro? Solidale…

carola-rackele-sea-watch

Carola Rackete e Sea Watch, cosa c’è sotto? Destabilizzazione nazionale

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Ultimi Pubblicati by

Carola Rackete e la Sea Watch, in definitiva, una Buffonata Politica

Carola Rackete, il problema non sono più i suoi Migranti, ma nel frattempo, dove sta andando il nostro Paese?

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Una nota di Alberto Marolda

Io non credo che sia necessario riassumervi i termini della questione Carola Rackete, la Capitana tedesca che l’altra sera stava schiacciando con il suo “Schiaccianoci” di 500 Tonnellate, la Sea Watch, la piccola “noce” di alluminio di sole 7 Tonnellate, la Motovedetta “Classe 800” della Guardia di Finanza, contro il molo del porto di Lampedusa.

Abbiamo rischiato qualche morto, scampati solo grazie all’abilità del comandante dell’Unità militare che è riuscito a sgusciare via di sorpresa come il frutto umido di un Lupino. Qui il video

Credo che invece serva ricordarvi i reati di cui la Rackete è stata immediatamente accusata dopo l’evento,  imputazioni che avrebbero portato, poi, all’arresto in flagranza di reato dalla Guardia di Finanza, ponendola ai domiciliari stesso a Lampedusa. L’arrestata sembrava accusata di “violazione dell’articolo 1100 del codice della navigazione”, resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre ai 10 anni di reclusione, e “tentato naufragio”previsto dagli articoli 110 e 428 del codice penale, sanzionato con la pena massima di 12 anni.

Vogliamo ricordare che in “Notizia Criminis” esiste l’obbligatorietà della azione penale, e che quindi tutto ciò che sta accadendo alla giovane Comandante è atto dovuto?

La Sea Watch, la nave della Ong tedesca, viene nel frattempo posta sotto sequestro probatorio (Penale), provvedimento che dovrà essere anch’esso convalidato dal Giudice. Non è escluso che possa, però, per effetto del Dl Sicurezza bis (quello entrato in vigore il 15 giugno), venire poi sequestrata anche amministrativamente dal Prefetto.

Sembrava accusata la Rackete… sembrava, infatti, perché oggi, alle 13, orario nel quale vi scriviamo, le accuse sembrano essersi politicamente liquefatte con la protesta del Presidente tedesco, e con il PM Patronaggio che ora chiede, nonostante la gravità dei Reati contestati, solo il divieto di dimora in provincia di Agrigento, diminuendo la misura cautelare necessaria ad evitare la sicura fuga all’estero… questo è?

Dopo tutto quello che è accaduto, questo è? Divieto di dimora per una che appena potrà, con la sua missione di destabilizzazione politica ormai terminata, se ne scapperà?

Ma chi è il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio? E’ il PM che nei mesi scorsi era entrato in rotta di collisione con il vice premier Salvini, proprio sui migranti, è anche quello che ora ha avuto parole molto dure per la “Capitana“, “Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti”, ma è contemporaneamente quello che oggi in audizione alla Camera, ha dichiarato come inesistente l’emergenza Migranti, incluso il collegamento con le Ong, aggiungendo che “Il principio di respingimento di gruppi di immigrati in Libia” è vietato dal diritto internazionale, questo a commento della valenza del “Dl Sicurezza bis“… e poi viene abbassata la “Misura di custodia Cautelare” della “Pedina” Carola Rackete…

E non è un uso politico, questo, della propria posizione Giudicante? Vi ho chiesto cosa ci fosse sotto la Capitana tedesca, e la sua nave… Non siete mica così ingenui da non accorgervi che si tratta di una comandante tedesca, con una nave olandese, che crea dei problemi allo Stato italiano, in un momento in cui siamo con la Commissione Europea addosso, mentre si cerca di trovare un accordo sui nomi nuovi dell’establishment europeo… Ripeto quindi, cosa c’è sotto? Politica? Destabilizzazione? Lotta tra bande o gruppi di Potere? Non certo Migranti…

Sono molto aperto a commenti, fatemi sapere, tanto ne riparliamo, ora bisogna aspettare il tardo pomeriggio per sapere la “Capitana/Pedina” che fine farà… intanto, ultima ora, Mattarella si prende i fischi per lei, in Austria… come direbbero a Roma… annamo bene…

Lo Spettacolo, evidentemente, è solo iniziato, restate sintonizzati perché ne vedremo delle belle…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Alberto Marolda Blog

Go to Top