Il Futuro? Solidale…

Author

Simonetta Santamaria

Simonetta Santamaria has 58 articles published.

MIA: quando la violenza di genere si fa storia corale

in Il Sociale/La Cultura/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
Mia

In occasione della Festa della Donna, il romanzo di Federica Flocco

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Mi è sembrato il giusto modo per omaggiare l’8 marzo, giornata fin troppo banalizzata, ridotta a stupidi auguri e imbarazzanti serate per sole donne.
Voglio parlarvi di un romanzo che mi ha emozionata, colpita nel profondo. L’ho divorato. Buttato giù come un beverone amaro da cui, tuttavia, non vuoi staccarti. Sto parlando di Mia, il romanzo di Federica Flocco pubblicato da Alessandro Polidoro Editore.
Mia è un coro di dolore. Il dolore visto da diverse angolazioni, fuori dallo stereotipo che narra della donna violata, vilipesa. Dopo averlo letto ho voluto approfondirne con lei la genesi, perché non è da tutti saper scrivere e descrivere il dolore. Ma io l’ho sentito netto e forte, quindi lo ritengo un risultato letterario eccellente. Voglio quindi condividere con voi ciò che lei ha detto a me.

– Federica, Mia è un romanzo che inanella il dolore nelle sue sfaccettature. Tuttavia, nella mia chiave di lettura il suo focus non è tanto sulla donna maltrattata quanto sull’uomo maltrattante: perché questa scelta in controtendenza di usare il punto di vista maschile?

FF: Ho sentito parlare per la prima volta dell’uomo maltrattante durante un incontro con l’Aied, (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica, n.d.r) scoprendo come all’interno di questa associazione esista un consultorio con uno sportello di ascolto per tali uomini. Lì per lì sono rimasta destabilizzata, poi mi sono resa conto che, se la cura passa attraverso la prevenzione, è giusto partire dall’uomo maltrattante per evitare casi di violenza di genere. Ecco, allora, che ho stravolto il mio punto di vista iniziando a chiedermi cosa provi un uomo spinto dalla gelosia, quali gesti compia, come ragioni, se ci siano giustificazioni che lo spingano a delle reazioni. Da qui la mia voglia di parlare di un universo poco conosciuto, cambiando radicalmente l’angolo visuale.

Federica è una donna che sa come parlare del dolore. E con grande coraggio non fa mistero del suo bagaglio personale, sul quale svetta la perdita di uno dei suoi figli. La sua esperienza, umana e professionale, unita alla grande comunicativa ed empatia che genera con chiunque le parli, l’ha portata in giro per l’Italia come relatrice. Mia è nato in uno di questi periodi critici, frutto della richiesta dell’editore e di 4 racconti diversi ma legati dallo stesso filo conduttore.

– 5 settimane difficili: tuttavia, con Mia hai voluto aggiungere un ulteriore macigno alla tua catasta personale… Autoflagellazione o esorcismo?

FF: Nessuno dei due. O forse entrambi, chissà. Partendo dall’assunto che il dolore, qualsiasi forma abbia, sia unico per tutti, ne ho voluto scrivere come forma di condivisione. Perché il lettore e le lettrici, leggendomi possano dire “è proprio ciò che sento io” anche se non sono mai stati oggetto o soggetto di violenza di genere. E si sentano un poco meno soli.

Federica collabora con Canale 21 con la sua rubrica “Il libro della settimana”; oltre alla sua attività di giornalista, è vicepresidente e membro del consiglio direttivo di Iocisto, la prima libreria ad azionariato popolare, inaugurata a Napoli nel luglio 2014, e che è diventata un punto di riferimento per la città intera. Immaginate quindi la mole di libri che riesce a leggere… Nonostante ciò Mia è un risultato fuori dal coro, un romanzo che ha una sua personalità, una sua autonomia. I suoi personaggi sono reali almeno quanto i loro problemi. La forza del voler sovvertire un destino che pare segnato da anni di violenza è l’abbraccio che tutte vorremmo, è la spinta a non mollare mai, è il messaggio di speranza. E fa altrettanto riflettere il fatto che dietro l’uomo violento ci sia sempre una ragione. Un’analisi che andrebbe fatta sempre e comunque, in virtù del nostro essere umani e senzienti.

– La risultante finale di una violenza non è comunque giustificabile ma comprensibile. In quest’ottica, qual è il tuo personaggio maschile preferito e perché.

FF: Giustificabile mai, ma comprensibile, a volte, solo a volte, sì. È per questo che ho amato tanto Antonio, il protagonista principale del mio libro. Perché Antonio ne ha passate talmente tante nella vita, da non poter essere diverso da come è. Ho pianto moltissimo scrivendo la sua storia, raccontando il suo dolore, cercando nella sua anima. Ho sofferto con lui e gioito con lui. Antonio tuttavia, alla fine non si è fatto salvare, risultando, a tutti gli effetti un uomo maltrattante. Ma in un prossimo libro, chissà. L’amore, del resto, salva il mondo e vince su tutto. Io ci credo. Ci credo sempre.

La mia speranza è che sia sempre un buon 8 marzo. E se non lo fosse, che almeno sia un giorno di riflessione. Il romanzo di Federica Flocco è luce di speranza: combattere la violenza si può. Serve coraggio, è vero, ma ne serve anche per sopportare una vita di vessazioni, di costrizioni, di dolore, appunto
Un libro che tutti dovremmo leggere. MIA, ovvero degna: io degna di me, io degna di rispetto, io degna di essere.
Buona vita, amiche mie.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lucio incontra Lucio al teatro Augusteo

in La Musica/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
Lucio incontra Lucio al teatro Augusteo

Dalla e Battisti: due vite a confronto tra musica e parole

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

4 marzo 1943, 5 marzo 1943: solo un giorno di differenza per Lucio Dalla e Lucio Battisti, i due Lucio più amati e cantati nella storia della musica italiana. Uno bolognese, l’altro di Poggio Bustone, nel reatino, sono stati celebrati ieri sul palco del teatro Augusteo di Napoli con uno spettacolo davvero emozionante.
Scritto da Liberato Santarpino per la regia di Sebastiano Somma che ha dato anche voce ai due artisti: un 10 pieno per lui, per entrambi i ruoli. E un 10 anche per Santarpino, che immagina la loro nascita come un desiderio, più che un capriccio, degli dèi: da lì parte l’intreccio delle storie attraverso la narrazione mettendo a nudo il loro lato umano, oltre che artistico. Il percorso formativo, le resistenze, le difficoltà a emergere e la tenacia nel non mollare, i luoghi e i viaggi che hanno ispirato le loro canzoni più belle, il sodalizio con Paola Pallottino per Dalla e quello con Mogol per Battisti, la scelta di restare fedeli al loro modo di fare musica, di continuare a sperimentare, fino alla fine.
Chissà cosa sarebbe venuto fuori se i due avessero incrociato le loro carriere artistiche. Negli anni ’80 Dalla provò a proporre a Battisti di lavorare insieme a una tournée e un disco, ma quest’ultimo rifiutò, spinto anche dalla decisione di non calcare più le scene.
Il plus dello spettacolo è che tutti i brani sono stati arrangiati da Sandro Deidda (sax) e Guglielmo Guglielmi (pianoforte): niente cover quindi, il che per certi versi ha lasciato con la bocca amara alcuni nostalgici sentiti dopo lo spettacolo, ma che ha ampiamente soddisfatto gli estimatori della buona musica. Su un impianto che ha spaziato dal jazz al tango, hanno saputo contaminare molti dei classici dei due artisti, un paio meno coinvolgenti ma nulla rispetto al resto: uno su tutti, “Caruso”, la cui trama musicale è stata sapientemente sovrapposta al famoso “Libertango” di Astor Piazzolla. Hanno contribuito al successo del progetto Peppe La Pusata alla batteria, Aldo Vigorito al contrabbasso e Lorenzo Guastaferro al vibrafono.
E infine, standing ovation per lo straordinario quartetto di voci composto da Emilia Zamuner, Alfina Scorza, Paola Forleo e Luca Spina.
Essenziali ma molto evocative le scenografie di Luigi Ferrigno e Mauro Rea: quattro schermi verticali su cui si è proiettata la storia dei due artisti, spesso a confronto. Molto belle le immagini disegnate da Mariano Soria e Irene Servillo.
Non è mancato neppure l’impegno sociale: lo spettacolo infatti sostiene la ricerca dell’Istituto Tumori Napoli Fondazione G, Pascale.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Massimo Germini: una vita sulla corda. Anzi, su sei

in La Musica/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
Massimo Germini

L’artista milanese, braccio musicale armato di Roberto Vecchioni, si racconta

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Ho avuto il privilegio di averlo ospite una decina di anni fa in una rassegna musicale a Napoli, e ne rimasi incantata. Da come “abbracciava” la sua chitarra, da come sfiorava le corde… da ogni suo gesto traspariva la passione che generava la melodia. Ne ha fatta tanta di strada, da allora, ma quella passione è rimasta immutata. Lui è Massimo Germini, artista “delle corde”: chitarra, mandola, mandolino, charango e bouzouki sono il suo pane quotidiano. Musicista e compositore, ha lavorato con grandi nomi del calibro di Grazie Di Michele, Giorgio Faletti, Alda Merini, Lucio Fabbri, Kaballà, Giovanni Nuti, Rossana Casale e molti altri. Ma la collaborazione più lunga, quella che si è trasformata in un legame di amicizia oltre che professionale, è con Roberto Vecchioni; sodalizio iniziato nel 2001 e mai interrotto.

– Massimo, tu sei un “vecchio” musicista, non in senso anagrafico ovviamente ma per militanza. Hai iniziato a suonare la chitarra negli anni ’70 e da allora non hai mai smesso. Dalle serate nei locali all’incontro della vita con Lucio Fabbri (PFM, giusto per dire), alle collaborazioni eccellenti: sei uno che ancora cavalca l’onda dopo tanti anni. Com’è vivere IL sogno?

MG: Fantastico! Ancora dopo tanti anni, nonostante tutte le difficoltà essenzialmente legate alla precarietà di questo lavoro, anche se oggi molto categorie vivono il dramma dell’incertezza, non dimentico di essere un privilegiato, uno di quelli che può vantarsi di fare il lavoro che da bambino sognava.

Con Vecchioni ha collaborato (tra le tante) all’album Chiamami ancora amore, titolo tratto dall’omonimo singolo che vinse il Festival di Sanremo nel 2011 e contiene una serie di successi rivisitati. Il 2013 è l’anno di Io non appartengo più, una raccolta di inediti che sono poesia pura, sia dal punto di vista letterario che musicale (se andate sul sito ufficiale di Roberto Vecchioni potrete leggere gli splendidi testi). Nel 2016, allegato al libro La vita che si ama (Einaudi), esce l’album Canzoni per i figli, un discone secondo Massimo Germini, per contenuti e realizzazione. E in effetti…

MG: Canzoni per i figli è un album che raccoglie le canzoni che Vecchioni nella sua carriera ha dedicato appunto ai suoi i figli ma non è una raccolta: i brani sono stati ri-arrangiati in chiave più intima, acustica. In particolare la realizzazione di Figlia, che ha più di 40 anni e ascoltavo da ragazzo, mi ha profondamente emozionato.

Massimo Germini ha all’attivo anche due cd strumentali: Fuoco, con delle sonorità che a tratti mi ricordano il grande Pino Daniele, e Corde e Martelli, un incontro tra la sua chitarra (corde) e il pianoforte (martelli) di Diego Baiardi.

– Quanto è pressante, per un musicista con la tua maturità ed esperienza, l’esigenza di creare qualcosa di personale rispetto alla collaborazione? La febbre da palcoscenico è placata anche quando non si è il frontman?

MG: È proprio così. Anche da comprimario si vivono delle forti emozioni soprattutto in teatri pieni, non accadrebbe se proponessi brani miei (ride).

In apertura ho nominato personaggi come Alda Merini e Giorgio Faletti. Proprio con Faletti Massimo ha partecipato a Da quando a ora, un toccante spettacolo di teatro-canzone protagonista di un lungo tour nazionale. Insieme a Giovanni Nuti invece, che ha musicato le sue poesie, ha portato in scena Mentre rubavo la vita: Monica Guerritore & Giovanni Nuti cantano Alda Merini, e direi che al titolo non bisogna aggiungere altro. Inoltre Massimo partecipa tutt’oggi al progetto Co2 di Franco Mussida, il chitarrista della PFM, che consiste nel raccontare la musica nelle carceri, per ora Monza, Opera, Rebibbia e Secondigliano.

– Immagino un’esperienza molto forte, questa. Perché la musica nelle carceri? Qual è l’obiettivo di questo progetto?

MG: L’intento è monitorare la reazione dei detenuti all’ascolto della musica in modo da incoraggiare emozioni positive. Il mio contributo è commentare con loro i brani e creare un rapporto di fiducia. È stata ed è un’esperienza meravigliosa sia dal punto di vista professionale che umano.

Non credete sia facile stare su un palco. Avere il coraggio di fare quel passo che ti porterà davanti a migliaia di persone che sono lì per te, contenere l’emozione senza che il cuore ceda all’infarto, comandare alle mani di non tremare. Eppure a conoscerlo senza una chitarra tra le braccia, Massimo si direbbe un personaggio introverso e schivo, l’opposto di quello che ti immagini come il cosiddetto animale da palcoscenico. Lui stesso si definisce “un timido corretto”, e la sua nota preferita è il SOL perché gli piacerebbe essere più sol-are.

– Come hai conciliato la tua timidezza con il coraggio leonino che ci vuole a esibirsi su palchi di serie A come quelli che calchi tu?

MG: Non c’è come insistere, era tale la passione…

Massimo Germini oggi: è già in studio con Vecchioni per registrare un nuovo album di inediti che uscirà quest’anno, in occasione dei suoi 50 anni di carriera. Come arrangiatore e produttore invece, uscirà a giorni il secondo album di Icio Caravita, un cantautore emergente di grande talento. Mentre con Syria sta portando in scena in questi giorni Bellissime, uno spettacolo chitarra-e-voce omaggio alle grandi interpreti italiane.

– Certo che “ci vuole un fisico bestiale” per riuscire a reggere ritmi del genere… È lo scotto da pagare per essere un musicista di professione e mi pare che tu lo paghi bene e volentieri. Ma il tuo sogno è anche quello di tantissimi bravi musicisti che non riescono a staccarsi da quel palo a cui spesso sono costretti. Tu – competenza a parte – hai avuto la fortuna di incontrare Lucio Fabbri, cosa difficile se fossi nato qui al sud. Qui gli artisti non hanno vita facile, e i nomi che contano orbitano tutti al nord… Dai un consiglio a quelli che, come te, vorrebbero vivere il sogno.

MG: Questo è un bruttissimo periodo ma vedo che i ragazzi appassionati riescono comunque a trovare degli spazi, l’importante è non dimenticare mai che il talento non è sufficiente e che bisogna cercare la propria strada senza imitare, chi corre da solo arriva sempre primo.

Ci congediamo da Massimo Germini ringraziandolo della disponibilità, e dandogli appuntamento sul palco, ancora e ancora. Finché c’è musica.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Progetto ANATTA, laboratorio di teatro sociale

in Comunicati Stampa by
Progetto ANATTA

ARTESTUDIO presenta IL TEATRO DEL RAMMENDO: esercizi per attori in un Museo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Progetto ANATTA, laboratorio di teatro sociale
Performance IL TEATRO DEL RAMMENDO OVVERO ESERCIZI PER ATTORI IN UN MUSEO

SABATO 24 FEBBRAIO ORE 17.00
MUSEO DELLE ARTI E DELLE TRADIZIONI POPOLARI, Piazza G. Marconi, 8 Roma – EUR

Progetto ANATTA Laboratorio di teatro sociale

ARTESTUDIO per la conclusione del progetto ANATTA cofinanziato dalla PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE e dalla REGIONE LAZIO, presenta la performance IL TEATRO DEL RAMMENDO ovvero Esercizi per attori in un Museo.

ANATTA è un progetto di pratica teatrale dedicato alla figura dell’ATTORE SOCIALE.
Per ATTORE SOCIALE si intende un attore capace di intervenire con lo strumento del teatro in situazioni di criticità sociale come le zone di guerra, le comunità terapeutiche, il carcere, le periferie, i centri per immigrati in Italia e all’ estero.

La performance IL TEATRO DEL RAMMENDO OVVERO ESERCIZI PER ATTORI IN UN MUSEO sarà presentata in collaborazione con il MUSEO DELLE CIVILTÀ, SABATO 24 FEBBRAIO alle ore 17.00 presso il SALONE D’ONORE DEL MUSEO DELLE ARTI E DELLE TRADIZIONI POPOLARI a ROMA, in PIAZZA GUGLIELMO MARCONI, 8.

Performance a ingresso gratuito

Info e prenotazioni artestudiox@libero.it


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: piantati a Natale con ancora il suo regalo sotto l’albero? È mal comune

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
La sindrome di Nonna Papera: piantati a Natale con ancora il suo regalo sotto l’albero? È mal comune

Altro che amore e volemose bene: nel periodo natalizio c’è un’alta percentuale di coppie che scoppiano

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Le feste di Natale… tutto si tinge di oro e argento, e poi il rosso del vestito del Babbo panzone, il verde delle ghirlande appese alle porte. L’aria s’inebria di profumi di dolci, i bimbi finalmente si svegliano tardi e scorrazzano felici in pigiama, ubriachi di eccitazione e nuove speranze sotto gli occhi umidi di papà e mamma che pure si sentono più vicini, e rinnovano il loro legame condividendone i frutti. Le giovani coppie si scambiano regali e promesse di amori infiniti. Tutto a Natale assume un velo rosato che rende la realtà quasi surreale, come quando da bambini guardavamo attraverso la carta delle caramelle Rossana.
Bello, vero? Una descrizione degna del lato tenero del Canto di Natale dickensiano. Se quaggiù avessimo la neve avrei aggiunto i pattinatori sul lago ghiacciato, che pure fa tanto romantico… Finché qualcuno non prende quella carta rossa e te la straccia sotto il naso, distruggendone anche la magia.
Guardiamo dall’altro lato, ora.
Natale porta anche malinconia. I ricordi riaffiorano, i vuoti si amplificano, amarezza e dolore si annodano, cresce l’insofferenza, il rimpianto per ieri e la paura del domani. I rapporti agli sgoccioli stillano bile, il nervosismo si taglia a fette, basta una minima cosa per far partire un missile nucleare che al confronto la bomba H di Kim Jong Un è un peto di scarafaggio. Ed ecco che proprio in queste giornate di festa e amore, molte coppie scoppiano.
Sposati, fidanzati, amanti, trombamici… il Natale rivela lo Scrooge che è in noi, nessuno è in salvo, sappiatelo. Spirito natalizio una cippa.
E già… Molte unioni finiscono sotto Natale. La tristezza di affrontare le feste con un forte disagio interiore porta a dichiararne drasticamente il decesso. Oppure siete single e avete un trombamico occasionale? Be’, sparirà pure quello, e senza manco dirvi arrivederci e grazie. E l’amante? Avrà un rigurgito amoroso per il coniuge originario e voi sarete cancellati.
Orribile, vero? Niente a che vedere con Dickens, più uno scenario alla Lovecraft, direi…
Perché diciamocelo, non piace a nessuno essere lasciati a Natale, e che diamine. Un rapporto, sia esso di un mese o di trent’anni, sporadico o continuativo, merita rispetto. Non si può colpevolizzare qualcuno se non ama più, se non è più attratto, o se si è semplicemente stufato, è sufficiente una spiegazione. Due parole, ma dovute.
È sempre la condotta a fare la differenza. E molte condotte assomigliano a cloache più che a bucoliche grondaie. Perciò, se avete intenzione di mollare, portatevi avanti col lavoro e ricordatevelo con un mesetto d’anticipo. Almeno questo, cazzarola.
E quindi, amici miei, attenti al Natale. Alla via di dicembre, cominciate a guardare bene negli occhi il vostro partner, e se percepite che il livello di allerta è salito a DefCon 2, allora affrontate la cosa in tempo.
Se non altro eviterete di buttare soldi in regali inutili, e magari li spenderete per voi: un bel regalo di Natale consolatorio, e una caramella dalla carta rossa attraverso la quale guardare ancora il futuro.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: intelligente sì, ma meglio stupida

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
La sindrome di Nonna Papera: intelligente sì, ma meglio stupida

Gli uomini si sentono attratti dalle donne dotate di intelletto ma poi preferiscono quelle oca-giuliva style

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

La domanda è: perché? Perché???
Ci teniamo tanto a sfoggiare i nostri neuroni ma a quanto pare se si vuole far colpo sugli uomini bisogna (bisognerebbe) tenerli nascosti.
Sì, ma perché?
Il quesito ha scomodato tre famosi atenei americani: la University at Buffalo nello stato di New York, la California Lutheran University e la University of Texas. Gli studiosi hanno condotto un interessante esperimento pubblicato su Personality and Social Psychology Bulletin e di cui potete leggere l’abstract qui: a un campione di un centinaio di uomini, hanno chiesto di immaginare un appuntamento e di poter scegliere tra donne brave e meno brave a risolvere problemi matematici; la maggioranza ha scelto quelle più brave. In seguito hanno proposto di incontrare donne con un quoziente intellettivo più alto del loro: immediatamente l’atmosfera si è raffreddata. La maggioranza degli uomini le ha trovate poco attraenti, con scarso appeal, quindi ha manifestato un desiderio più che pallido di stringere un qualsiasi rapporto, fosse anche una semplice conversazione.
Dunque, questo perché?
Semplice. Perché il maschio Alpha si sente minacciato da tutto ciò che lo sovrasta o che potrebbe farlo. Deve comandarlo lui, il gioco, ed è più facile fare la parte dell’Eroe che mette tutti sotto la sua ala protettiva se la partner è una svaporata tutta meraviglia e gridolini.
Sto estremizzando, ma neanche tanto. Lo sapevo di aver ragione quando sostengo che le cosiddette Donne Mollicce vincono su quelle Toste. Vincono nel senso che troveranno sempre qualcuno che porti loro la valigia, che le accompagni a casa pure la notte del 31 dicembre sotto i botti con la macchina nuova, che risolva ogni rogna mentre loro se ne stanno sul divano a contemplare desolate l’unghia spezzata durante il corso di zumba.
Ma com’è, e qui mi rivolgo a voi, signori uomini: com’è ‘sta cosa? È vera? E se sì, come funziona? Ma davvero l’intelligenza fa così paura? E perché la considerate una sfida invece che una collaborazione? Ma davvero vi piace accompagnarvi a una con le sinapsi anestetizzate?
In genere funziona così: vi innamorate di una donna intelligente (perché sono quelle, che vi piacciono) ma scapperete da suddetta donna per finire nel becco di un’oca giuliva che spingerà al suicidio il vostro lobo frontale e infine vi farete come amante un’altra donna intelligente per sfuggire alla cretineria quotidiana. Che casino…
Ma si sa, mettervi nei casini è una vostra prerogativa che non rende giustizia a quell’Alpha che portate stampata in fronte con tanta protervia.
Le cretine (che poi in fatto di conservazione della specie sono delle temibili competitors), loro sì che l’hanno capito, e sfruttano la vostra intelligenza come comodo tornaconto; consideratelo un piccolo dazio da pagare per avere al vostro fianco una pianta grassa (anche se fa la dieta).
Ma tranquilli: le donne intelligenti (quelle davvero intelligenti) non vogliono scalzarvi dal trono. A loro piace che voi abbiate il ruolo che vi appartiene, che facciate gli uomini. Alle donne intelligenti non interessa prendere il vostro posto; anche se portano i pantaloni restano donne. Le vostre donne. L’intelligenza in una coppia sta proprio nel non creare competizione ma complicità.
E se dopo anni e anni di studi e psicoterapie ancora non avete afferrato il concetto, allora è logico chiedersi il cretino chi è.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: l’uomo ha perso il pelo… e pure l’osso

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: l’uomo ha perso il pelo… e pure l’osso

Il baculum, primitivo osso penico, perduto nel corso dell’evoluzione. Tutta colpa della monogamia.

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Una volta girava la leggenda metropolitana della ragazza che, all’esame di anatomia, disse che il pene era un osso. Invitata a lasciare l’aula sulla scia di un caustico “è evidente che Lei non ne ha mai visto uno”, la povera creatura in fondo non era andata così tanto lontana dalla verità.
Che il baculum, l’osso penico, sia ancora oggi in dotazione a diverse specie animali, anche a molti primati nostri lontani parenti come scimpanzé, gorilla, macachi, bonobo, è risaputo; quello che forse non si sa è il perché l’uomo lo abbia perso.
A svelare questo mistero evolutivo ci hanno pensato Matilda Brindle e Christopher Opie, due antropologi dell’University College di Londra che giusto un anno fa hanno pubblicato uno studio sul caso del baculum scomparso. Ed è venuto fuori che… è tutta colpa della monogamia.
Un’oggettiva perdita di cui molti avrebbero fatto volentieri a meno.
In sintesi (ma se vi incuriosisce potete leggere l’abstract qui), la funzionalità del baculum era dovuto al fatto che le specie poligame, per esigenze riproduttive, avevano bisogno di restare più a lungo all’interno della compagna occasionale e necessitavano di accoppiamenti più frequenti.
Ora, nell’era dello stress dove ansia da prestazione, fumo, alcool, eiaculazione precoce e qualche pippa di troppo davanti al poster di Charlize Theron (e poi ce la volete con noi comuni mortali che la sera – Dior o non Dior – vi accogliamo tra una torma di piccoli Voi urlanti e smucanti, e le pentole sul fuoco, e grazie al cacchio che poi c’abbiamo le pantofole con le recchie di cane), già creano qualche problema dopo la prima botta, il baculum magari avrebbe aiutato ma l’uomo intanto è diventato monogamo. Più o meno dai tempi dell’Homo Erectus, circa 1,8 milioni di anni fa.
Assicurandosi l’esclusiva su una sola femmina, l’homo (pover’homo…) non ha più necessità di stare sempre all’erta e neppure di sostare così tanto tempo dentro di lei per riprodursi. Della serie prima o poi ci cojo. I rapporti più brevi, e non solo in un preciso momento dell’anno, hanno suggerito a Madre Natura di eliminare un orpello ormai inutile. Un po’ come togliere le rotelle alla bici.
Ma anche le madri sono fallibili. Anche le madri possono sbagliare, benché l’esimio psichiatra Giovanni Bollea testimoniasse il contrario nel suo saggio Le madri non sbagliano mai. Perché se avesse saputo che oggi esistono la falloplastica, protesi idrauliche e pompe vacuum, forse ce lo avrebbe lasciato in dote.
Così, giusto per giocarci un po’ di più. Ché quatt’ rote are megl’ che uan.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

“Le Voci Celate”: tavola rotonda sul fenomeno della violenza di genere

in Comunicati Stampa by
Programma completo Le Voci Celate

Ancora Violenza sulle Donne… Un incontro organizzato da NomoΣ Movimento Forense in collaborazione con la II° Municipalità del Comune di Napoli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Napoli. Quali gli strumenti più idonei per contrastare il fenomeno della violenza di genere? Quali i linguaggi da adottare per comunicare a riguardo e nella maniera più adeguata alle nuove generazioni e quali le strategie comunicative che possano avere impatto sul modo di concepire il ruolo della donna nella società contemporanea? Questi, i temi che saranno affrontati in “Le Voci celate, Incontro – dibattito sul fenomeno della violenza di genere” che si svolgerà il giorno 30 novembre 2017, alle ore 9,30 nell’Aula Magna del Liceo A. Genovesi di Napoli, aperto alle scuole e alla cittadinanza.
L’incontro è organizzato da NomoΣ Movimento Forense in collaborazione con la II° Municipalità del Comune di Napoli. Porteranno i saluti Maria Filippone, Dirigente Scolastico del Liceo A. Genovesi, Francesco Chirico, Presidente della II Municipalità di Napoli, Genoveffa Rosaria Tramontano, Dirigente scolastico del VI I.C. Fava – Gioia e Argia di Donato, Presidente di NomoΣ Movimento Forense.
L’evento è articolato in due sessioni, “Le Voci Celate: linguaggi alternativi per contenere il fenomeno della violenza”, con gli interventi di Giuliana Covella, scrittrice e giornalista de Il Mattino, di Milena Miranda, avvocato, di Alessia Schisano, avvocato, e di Rosetta Cappelluccio, psicologa, psicoterapeuta e sessuologa. Modera Emanuela Monaco, avvocato, segretario di NomoΣ Movimento Forense.
Un incontro a più voci: avvocati, giornalisti, insegnanti, psicologi ed istituzioni cittadine, per individuare le cause della violenza di genere. “La violenza nei confronti della donna – spiega l’avvocato Argia di Donato, Presidente di NomoΣ Movimento Forense – può essere contrastata solo con una presa di coscienza reale. La cultura e l’educazione possono aiutare i ragazzi ad avere una “diversa” concezione del ruolo della donna all’interno della società contemporanea. Occorrono, pertanto, nuovi linguaggi per comunicare alle nuove generazioni”.
A questo scopo l’incontro è arricchito da performances e proiezioni artistiche: scene dal docufilm “MALAMORE” di Onofrio Brancaccio, proiezione delle fotografie della campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere #ognidonnahainseunadea, performance poetico/letteraria sul tema della violenza, dell’abuso, dell’abbandono a cura di Elena Varriale, poetessa e docente, proiezione del video “Scarpette Rosse”, proiezione del video “Rispettami!” ad opera degli alunni del IV – V pluriclasse scuola primaria – III B Scuola secondaria di I grado – Plesso Flavio Gioia – 6° I.C. Fava – Gioia (Napoli), nonché “Reading e Movimento”, a cura degli studenti del Liceo A. Genovesi con l’introduzione di Annamaria Bianco, professoressa del Liceo A.Genovesi.
La seconda sessione “Facciamo rete: associazioni a confronto”, ha per protagoniste le associazioni impegnate sul territorio. Il dibattito, condotto da Giovanna Farina, Presidente della Consulta delle Associazioni e delle Organizzazioni di Volontariato della Municipalità 2, è finalizzato alla costituzione di un tavolo permanente verso la “Costruzione della Tabula della non Violenza sulle Donne”. Intervengono le Associazioni: NomoΣ Movimento Forense (Presidente 
Avv. Argia di Donato), Psicologi in contatto (Presidente Dott. Salvatore Rotondi), Legambiente Parco Letterario del Vesuvio (Presidente Dott.ssa Paola Silvi), Associazione Donne Architetto (Presidente Arch. Emma Buondonno, Arch Giovanna Farina, Arch. Rossella Russo), Percorsi napoletani (Presidente Arch. Graziella Carotenuto), Maipiùviolenzainfinita (Presidente, Dott.ssa Virginia Ciaravolo), Aied Napoli (Dott.ssa. Mariaconcetta Mingiano), Onofrio Brancaccio, Regista del docufilm “Malamore”.

Ufficio Stampa
Argia di Donato
www.argiadidonato.it
argia_d@hotmail.com
mobile 0039 329.8023240


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Grande festa a palazzo San Teodoro (NA) per la presentazione del calendario 2018 della fondazione Affinita

in Comunicati Stampa by
Fondazione Affinita

I 13 artisti premiati con una borsa di studio di 500 euro. Il ricavato della vendita sarà destinato alla Casa dei Cristallini del Rione Sanità.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Napoli, 27 novembre 2017 – Grande festa a Palazzo San Teodoro a Napoli dove ieri è stato presentato il Calendario 2018 della Fondazione Angelo Affinita. La Fondazione, che si occupa di infanzia negata e di giovani in condizioni di necessità, ha lanciato per il secondo anno consecutivo il concorso “12 Artisti per il calendario della Fondazione Angelo Affinita Onlus”, aperto ai giovani dai 14 ai 30 anni, il cui tema era la gioia.
I 13 giovani artisti che hanno realizzato i quadri che rappresentano i 12 mesi e la copertina sono stati premiati con una borsa di studio da 500 euro ciascuna, mentre la somma raccolta dalla vendita dei calendari andrà alla Casa dei Cristallini del Rione Sanità. Questi i giovani premiati: Sara Martinelli, Rosa Vinciguerra, Angelica Moggio, Noemi Frezza, Maria Grazia Biasco, Serena Giamè, Giovanna Ferrara, Carmen Tedeschi, Simona Tedeschi, Martina Borghetto, Vincenza Topo, Iole di Costanzo, Michele Balletta.
“I 500 Euro che questi ragazzi hanno ricevuto questa mattina – spiega Giovanni Affinita, Consigliere della Fondazione – rappresentano per noi un modo di incentivare questi giovani all’inizio del loro cammino per incoraggiarli ad assecondare le loro aspirazioni artistiche e i loro desideri senza arrendersi mai. Non a caso il tema scelto quest’anno è la gioia: perché coincide con le convinzioni più profonde della Fondazione Affinita: donare per noi è gioia”.
I quadri sono stati esposti durante tutto l’evento all’interno di una mostra temporanea cui ha fatto seguito un aperitivo che ha visto una grande partecipazione di pubblico.

Ufficio Stampa
Simonetta de Chiara Ruffo
simonettadechiara@gmail.com
cell: 334-3195127

NOTE SULLA FONDAZIONE ANGELO AFFINITA ONLUS

“È l’uomo che fa la differenza”. Su questo principio si radica la Fondazione Angelo Affinita Onlus, la Fondazione che aiuta giovani e bambini in difficoltà tramite il lavoro e la formazione. La Fondazione nasce nel 2010 dalla volontà della famiglia Affinita di raccogliere l’eredità umana, spirituale di Angelo e continuare la sua opera, per diffondere nella società contemporanea i principi etici e le virtù che hanno ispirato la sua vita. Se è l’uomo che fa la differenza, è sull’uomo che bisogna puntare. Non donare pesci, ma insegnare a pescare, perché ogni uomo possa camminare con le proprie gambe. La Fondazione Angelo Affinita si fonda su questa nuova cultura del donare, che mette al centro la persona e tutti gli strumenti necessari per puntare all’autonomia personale e sociale.
Le aree d’intervento principali sono il sostegno all’infanzia, la formazione, l’educazione professionale e lo sviluppo della società civile. Questo impegno è radicato sia in Italia che all’estero. I progetti sono realizzati in collaborazione con Enti, Istituti specializzati e persone di alto profilo professionale.
In Brasile la Fondazione Angelo Affinita sostiene da tempo Casa do Menor, ONG brasiliana fondata da Padre Renato Chiera che in questi anni ha salvato 15.000 ragazzi, togliendoli dalla strada e dalla droga In Romania un altro progetto sostenuto dalla Fondazione è il Seminario Minore di Oneşti, dove tanti ragazzi privi di mezzi economici potranno accedere ai corsi di studio. In Camerun l’aiuto va all’emergenza delle zone rurali, dove per i giovani è stato creato un programma di formazione professionale, culturale e morale al servizio diretto dei loro concittadini più poveri.
In Italia l’attenzione va al territorio e ai più giovani. Da diversi anni la Fondazione Angelo Affinita finanzia il progetto MammutBus del Centro Territoriale Mammut di Scampia, che riporta i bambini nelle piazze delle città per riscoprire il territorio, la gioia di giocare assieme e sviluppare allo stesso tempo opportunità di formazione e lavoro. Inoltre finanzia il progetto di formazione professionale CreAttiva all’interno dell’Istituto penale minorile di Airola (BN), per dare un futuro concreto ai giovani anche fuori dal carcere. Anche la Casa dei Cristallini nel Rione Sanità di Napoli è tra i progetti sostenuti dalla Fondazione. A Frosinone sostiene Cittadella Cielo di Nuovi Orizzonti, l’associazione di Chiara Amirante.
Numerose sono anche le borse di studio finanziate dalla Fondazione a favore di studenti meritevoli: in particolare, per i Master dell’Istituto per ricerche e attività educative (I.P.E.) di Napoli.
Per saperne di più, per diventare Soci e per effettuare la propria donazione:
Fondazione Angelo Affinita
Fondazione Angelo Affinita – Canale YouTube.
Ogni donazione raccolta va interamente a sostegno dei progetti
Contatti: Fondazione Angelo Affinita Onlus
Via Appia Est, 1 – 82011 Arpaia

Tel. 0823 95 90 21
info@fondazioneangeloaffinita.org
www.fondazioneangeloaffinita.org


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Grande successo a Napoli per il primo workshop sulla Medicina Narrativa

in Comunicati Stampa by
COMUNICATI_STAMPA

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Il workshop intendeva fornire a operatori sanitari e pazienti gli strumenti per migliorare la comunicazione tra clinici, pazienti e caregivers, con particolare attenzione a Medicina Narrativa e Medical Humanities

 Napoli, 11 novembre 2017 – Grande interesse e partecipazione ha registrato il workshop dal titolo L’Ematologia, l’Oncologia e la Medicina del Dolore tra umanizzazione delle cure e Precision Medicine, svoltosi ieri nella sede della Croce Rossa Italiana a Napoli. La giornata è stata organizzata da Beniamino Casale, Responsabile IPAS Terapie Molecolari e Immunologiche in Oncologia – A.O. dei Colli e da Carlo Negri, Socio e Amministratore della società di consulenza marketing Napolilab, con il supporto di Nfc e Napolilab; inoltre è stata accreditata dal provider ecm Eubea, che opera da 15 anni nella formazione professionale dei medici – soprattutto in ambito onco-ematologico – e di tutti gli altri operatori sanitari. Scopo del workshop era fornire a operatori sanitari e pazienti le linee guida per arginare la mancanza di “dialogo” tra l’ammalato e chi deve curarlo, migliorando la comunicazione tra tutte le figure coinvolte nel processo di cura. Tutto ciò rimettendo al centro il paziente, che con i suoi racconti può fornire un importante aiuto agli “attori” del sistema salute.

Beniamino Casale
carlonegri
Carlo Negri
diananegri
Diana Negri

La giornata si è aperta con i saluti di Paolo Monorchio, Presidente Croce Rossa Italiana comitato Napoli e provincia; tra i relatori Marcello Gentile, Primario Urologia Casa di Cura Santa Rita di Avellino; Alfonso Papa, direttore U.O.S.D. Terapia antalgica A.O. Dei Colli; Giacomo Cartenì, Direttore U.O.C. Oncologia Medica A.O.R.N. A. Cardarelli; Giorgio Iaconetta, Direttore Cattedra e Clinica Neurochirurgica A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona. La sessione del mattino è stata a carattere scientifico, mentre nel pomeriggio il focus è stato tutto sulla comunicazione, con particolare attenzione a Medicina Narrativa e Medical Humanities. La prima è una metodologia d’intervento clinico-assistenziale basata su una specifica competenza comunicativa. La narrazione permette infatti di integrare i diversi punti di vista agendo in modo complementare con le direttive dell’Evidence-Based Medicine (EBM). Le Medical Humanities, con il loro approccio multidisciplinare, forniscono alla medicina e ai soggetti coinvolti gli strumenti per comprendere le malattie e la salute in un contesto sociale e culturale più esteso.

Paolo Monorchio
Paolo Monorchio

Medicina Narrativa

“Siamo molto soddisfatti – afferma Beniamino Casale e speriamo di aver dato un forte incentivo alla corrente di pensiero favorevole all’ “umanizzazione” delle terapie e al dialogo tra operatori sanitari, pazienti e caregivers. Purtroppo a causa della cattiva comunicazione i pazienti a volte abbandonano le terapie, con conseguenti danni non solo per la loro salute, ma anche in termini di costi dovuti a ricoveri d’urgenza che potrebbero essere evitati. In casi estremi si arriva anche alla denuncia”.  Gli fa eco Carlo Negri:Abbiamo già numerose richieste di “replica”, il che ci fa capire quanto sia grande il “vuoto formativo” che evidentemente va colmato con  urgenza. Il nostro obiettivo è sanare questi gravi gap di comunicazione che si creano tra chi cerca sostegno, cure ed empatia, e chi può offrire tutto questo alimentando un rapporto di fiducia che può solo innescare circoli virtuosi nel percorso terapeutico”

Ufficio Stampa
Simonetta de Chiara Ruffo – 3343195127 – simonettadechiara@gmail.com

————————————-

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Prevenire per vivere: fondazione Pro e Arpac Insieme contro il tumore della prostata

in Comunicati Stampa by
COMUNICATI_STAMPA

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Napoli, 10 novembre 2017-  Al via la terza edizione del progetto “prevenire per vivere”, nato dalla collaborazione tra la Fondazione PRO (Prevenzione e Ricerca in Oncologia), presieduta dal Prof. Vincenzo Mirone e l’Arpac, l’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania. Il progetto si pone come obiettivo quello di raggiungere gli uomini inseriti nell’organico di Napoli, Caserta, Salerno, Benevento ed Avellino, attraverso una campagna di informazione e di prevenzione urologica. L’Unità Mobile PRO, con a bordo i suoi specialisti, a partire dal 13 novembre e per tutto il mese farà tappa presso le sedi ARPAC per visitare i dipendenti durante l’orario lavorativo. Con questa iniziativa la Fondazione Pro cerca di andare sempre più incontro alle esigenze dei cittadini e dei lavoratori che a volte usano gli orari di lavoro come pretesto per “rimandare” un appuntamento importante con la prevenzione.

La Fondazione Pro è quindi a disposizione di tutte le Aziende, Enti e Istituzioni che raccolgono grandi collettività maschili, e che volessero fare richiesta di una tappa del camper nella propria sede. Basta andare sul sito www.fondazionepro.it o info@fondazionepro.it.

Ufficio stampa
Simonetta de Chiara Ruffo
Comunicazione – Eventi – Marketing
Cell +39 334.3195127
Email: simonettadechiara@gmail.com
 

fondazione Pro
NOTE SULLA FONDAZIONE PER LA PREVENZIONE E RICERCA IN ONCOLOGIA (PRO) E SULLA UNITA’ UROLOGICA MOBILE

La Fondazione per la Prevenzione e Ricerca in Oncologia (PRO) è nata nel Gennaio 2011 da un’idea del Professor Vincenzo Mirone, Ordinario di Urologia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e Presidente di PRO, e dell’Avvocato Antonio Mancino. La scelta nasce dalla consapevolezza che gli uomini dedicano poca attenzione alla propria salute e che esiste, ancora oggi, una scarsa cultura della prevenzione; per cui si registra una maggiore incidenza ed aggressività delle malattie tumorali. Anche per questo motivo la Fondazione ha attivato nel maggio 2013 una Unità Urologica Mobile, che tocca le principali piazze delle città visitando gratis il pubblico maschile per sensibilizzarlo al controllo. Oltre alle piazze, il Camper opera anche presso Enti, Aziende e Istituzioni che facessero domanda per programmare delle tappe presso le loro sedi. Info e contatti: info@fondazionepro.it o www.fondazionepro.it

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Tumore allo stomaco, una sfida da vincere insieme

in Comunicati Stampa by
COMUNICATI_STAMPA

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Diagnosi precoce, alterazioni genetiche, trattamenti clinici avanzati, team multidisciplinare esperto, centri di eccellenza ed alimentazione sono alcuni dei temi affrontati oggi al 2° Congresso nazionale di carcinoma gastrico

Roma, 13 novembre 2017. Il tumore allo stomaco, conosciuto anche come Tumore di Napoleone, figura all’ottavo posto tra gli uomini e al sesto tra le donne, con 13mila nuovi casi attesi nel 2017 in Italia e con una mortalità, ai 5 anni, del 31,8%. In occasione del mese di sensibilizzazione del tumore gastrico, l’Associazione pazienti “Vivere senza stomaco si può” ha organizzato il 2° Convegno “Tumore allo stomaco, una sfida da vincere insieme” al quale hanno partecipato partecipano clinici, studiosi, rappresentanti delle istituzioni tra cui Ministero della Salute e Regione Lazio e, naturalmente, pazienti e familiari per testimoniare la propria esperienza.

“Il tumore allo stomaco, quando operabile, non offre moltissime possibilità di sopravvivenza. – afferma Claudia Santangelo, Presidente dell’Associazione Pazienti – risulta quindi estremamente importante poter contare su una diagnosi precoce, sulla possibilità di essere presi in carico in Centri di eccellenza da un team multidisciplinare ed esperto e sull’ accesso alle migliori cure disponibili in modo uguale in tutta Italia. Inoltre è fondamentale una corretta alimentazione, sia in termini di prevenzione che di qualità di vita per i pazienti durante e dopo i trattamenti. Da non dimenticare infine l’importanza dell’indagine genetica per quelle famiglie colpite da più tumori gastrici (a partire da due) o che abbiano un componente con meno di 40 anni.”

Richieste non utopiche quelle dei pazienti, come dimostra il caso di Forlì, che detiene il primato della diagnosi precoce del tumore dello stomaco in Occidente. Dal 2000 al 2003 i tumori diagnosticati in fase iniziale andavano dall’8 al 18% di tutti i tumori operati. Già nel 2013 tale percentuale era salita al 36%. “Tutto ciò – dichiara Luca Saragoni, Dirigente Medico U.O. Anatomia Patologica Ospedale G.B.Morgagni – L.Pierantoni – è stato reso possibile grazie al coinvolgimento dei medici di medicina generale, i quali, adeguatamente formati e sensibilizzati, anche in presenza di una sintomatologia blanda e, apparentemente aspecifica, indirizzano i pazienti alla endoscopia digestiva. Inoltre, l’esistenza in ospedale di un team multidisciplinare dedicato ed esperto garantisce ai pazienti un corretto inquadramento diagnostico-terapeutico, anche ai fini di trattamenti endoscopici mini-invasivi ad intento curativo.”

“La maggior parte dei cancri gastrici sono sporadici, – riferisce Stefania Gori, Presidente Nazionale AIOM – ma si stima che l’1-3% siano forme ereditarie, legate a varie alterazioni genetiche. Più recentemente è stata definita una rara forma di cancro gastrico diffuso ereditario, legata a mutazioni germinali del gene CDH1 che aumentano il rischio di sviluppare il carcinoma gastrico diffuso e nelle donne, il carcinoma lobulare della mammella. È possibile ricercare le mutazioni germinali del gene CDH1 attraverso un test genetico su sangue o su tessuto tumorale che viene effettuato dopo un’adeguata consulenza genetica. Identificare le mutazioni è fondamentale, perché permette di mettere in atto misure preventive volte a diminuire il rischio di insorgenza neoplastica: gli individui sani con mutazioni patogenetiche del gene CDH1 sono infatti candidati ad una gastrectomia totale profilattica. Si stima che nei portatori di mutazione CDH1, infatti, il rischio cumulativo di cancro gastrico diffuso, prima degli 80 anni d’età, sia del 70% per gli uomini e del 56% per le donne. Si stima inoltre che, nelle donne con mutazione CDH1, il rischio cumulativo di carcinoma lobulare della mammella prima degli 80 anni sia pari al 42%. È necessaria pertanto la condivisione di una gestione condivisa dei portatori di mutazioni germinali del gene CDH1 per identificare un’altra piccola fetta di tumori “prevenibili” con screening genetico.” Aggiunge Franco Roviello, Presidente GIRCG “A tutt’oggi la firma ereditaria rappresenta una percentuale minima (<1 %) dei pazienti affetti da questa neoplasia, pur trattandosi di un punto molto importante per comprendere i meccanismi che stanno alla base della malattia. La possibilità di ereditare una predisposizione al cancro dello stomaco rimane ancora una questione di nicchia… pochissimo diffusa tra i clinici.”

“Vivere senza stomaco si può” è un’associazione senza scopo di lucro, con sede a Ferrara, unica sul territorio nazionale, nata nel 2013. Si rivolge a chi ha subito una gastrectomia totale o parziale per cancro, ai parenti, familiari e amici delle persone colpite da tumore allo stomaco e cerca di dare risposta agli innumerevoli problemi che vengono quotidianamente evidenziati dal FORUM in essa contenuto, cuore pulsante dell’Associazione.
È federata Favo (federazione dei volontari oncologici) a livello nazionale membro a livello europeo di Ecpc (european cancer patient coalition).
L’intento dell’Associazione è di sensibilizzazione, informazione, divulgazione, prevenzione e sostegno pratico, umano e psicologico sulla patologia del tumore allo stomaco, spesso poco conosciuta dalla maggior parte delle persone. Desideriamo inoltre contribuire a sostenere la ricerca relativa a questo tipo di cancro.

CONTATTI:
Claudia Santangelo
Vivere senza stomaco si può
Phone: 3888812566 – 3393179830
Email: info@viveresenzastomaco.org
www.viveresenzastomaco.org
Facebook: cancro allo stomaco. Vivere senza stomaco si può
Oncoline “Questione di stomaci” Blog

TUMORE DELLO STOMACO
FONTE I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2017 AIOM-AIRTUM
Incidenza
Quasi 13.000 nuovi casi di carcinoma gastrico sono attesi nel 2017, attualmente all’ottavo tra gli uomini e al sesto per le donne. Questo ordine di frequenza è per la quasi totalità da attribuire all’incidenza in età avanzata (oltre i 70 anni). Si tratta di una forma tumorale la cui frequenza è in calo da tempo in entrambi i sessi: 1 -3,4 e -3,0% all’anno nell’ultimo periodo esaminato rispettivamente tra uomini e donne. La presenza in Italia di un’area geografica tradizionalmente ad alto rischio (Appennino tosco-romagnolo e marchigiano) e di abitudini dietetiche protettive al Sud condiziona le differenze territoriali osservate. Rispetto a un’incidenza annuale al Nord di 35,9 casi/100.000 abitanti nei maschi e di 11,0 nelle femmine, il Centro presenta un aumento del 9% negli uomini e del 17,7% nelle donne, mentre il Sud fa registrare una riduzione del 31% tra gli uomini e del 28% tra le donne.
Mortalità
Nel 2014 sono state osservate 9.557 morti per questa neoplasia (ISTAT) (delle quali il 60% nei maschi). Con il 6% tra i decessi per tumore sia nei maschi sia nelle femmine il carcinoma gastrico occupa il quinto posto, con una presenza più incisiva nell’età medio-avanzata. Negli ultimi anni la tendenza del fenomeno appare in netta diminuzione (-3,9%/anno nei maschi, -2,7% nelle femmine) analogamente a quanto avviene per l’incidenza. A livello nazionale i tassi più alti si osservano, coerentemente con i dati di incidenza, al Centro-Nord mentre le Regioni meridionali appaiono nettamente più protette (-29% nei maschi, -20% nelle femmine rispetto al Nord).
Sopravvivenza
La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con tumore dello stomaco in Italia è pari al 31,8%. Presenta valori decrescenti all’aumentare dell’età: la sopravvivenza a 5 anni è pari a 39,9% tra i giovani (15-44 anni) e a 21,6% tra gli anziani (75+). Tra le diverse aree geografiche italiane non si osservano sostanziali differenze di sopravvivenza.
Prevalenza
Circa 81.000 persone (59% uomini) vivono in Italia con una diagnosi di carcinoma gastrico, il 2% di tutti i soggetti con tumore. Il 19% di questa coorte si trova a meno di due anni dalla diagnosi, il 36% entro i 5 e il 43% oltre i 10 anni. Si tratta, per lo più, anche per questo tumore di pazienti oltre i 75 anni di età, tra i quali si osservano 630 persone ogni 100.000 residenti (il doppio rispetto ai 60-74enni, quasi 9 volte rispetto ai 45-59enni). Le differenze tra aree geografiche sono, anche in questo caso, sensibili e determinate in primis dalle differenze di incidenza tra il Centro-Nord (137 persone ogni 100.000 nel Nord-Ovest, 162 al Nord-Est, 180 al Centro) e il Sud, con una proporzione di “sole” 70 persone/100.000, conseguenza principalmente di una minore incidenza della malattia.

————————————

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: molestie, accettazioni e giochi di potere

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: molestie, accettazioni e giochi di potere

Il caso Weinstein sta scatenando un vespaio. E dividendo l’opinione pubblica in Pro e Contro

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria


Dopo lo scandalo degli esami comprati ecco alla ribalta il produttore che pretende favori sessuali in cambio di ingaggi. Roba vecchia come il cucco che ancora ci fa saltare dalla sedia e gridare all’onta. Un po’ come spacciare la scoperta dell’acqua calda per la novità dell’anno.
Quando ero bambina e cinguettavo di voler fare l’attrice perché riuscivo a imbrogliare i miei alla grande, mio padre diceva che nel cinema c’erano gli “uomini cattivi”; più tardi, in età adolescenziale, quegli stessi si sono trasformati in “uomini che sfruttano il loro potere per portarsi a letto le aspiranti attrici, molte delle quali non lo diventeranno mai, quindi levatelo dalla testa” (l’ultima parte, perentoria, non ammetteva repliche). Erano gli anni ’60 ahimè, un tempo tutt’altro che recente.
Di che ci scandalizziamo? E perché? Per un porco che sa di avere il coltello dalla parte del manico e lo maneggia a suo uso e consumo? Non è il primo, non sarà l’ultimo purtroppo. Harvey Weinstein, uno dei produttori più potenti di Hollywood, ha allungato le mani sul fior fiore delle star della celluloide del calibro di Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow, Mira Sorvino, Rosanna Arquette e, più di casa nostra, Asia Argento. C’è chi ha reagito negandosi, chi ha avuto la forza di dire no, di rischiare di perdere tutto (o quel poco di tutto, è sempre questione di misure) e chi invece ha subìto. Quindi, mentre l’eroina di Tomb Raider e la timida Pepper di Iron Man pare siano sfuggite al polpo grasso e laido della Miramax, la Argento non ce l’ha fatta. E ora, in questo mondo falsomoralista e ipocrita, la vittima diventa imputata.
Leggo che negli USA, scoperchiato il vaso di Pandora e sfondato il muro dell’omertà che aveva protetto il personaggio fino a oggi, gran parte delle attrici (il perché poi si siano tenute la posta per così tanti anni mi stuzzica il lato maligno) – ma anche personaggi di spicco come Michelle Obama e Hillary Clinton (che, accidenti, uno che di abuso di potere ne sa ben qualcosa se l’è tenuto nel letto) – hanno fatto corpo unico andando dritte come un caterpillar con i loro anatemi contro Weinstein.
Che poi (aperta parentesi): ma siamo sicuri che si tratti proprio di abuso di potere? Uno come Weinstein, Clinton, Hefner, Berlusconi, Briatore et similia che ci prova con star e starlette, chiamalo fesso… Lui propone, se poi ci stai sono fatti tuoi. Certo, se incombe la minaccia del “non lavorerai più da nessuna parte” allora la cosa si fa seria. E lì vorrei proprio vedere quante di quelle donne che oggi s’indignano per un pompino girerebbero sui tacchi e uscirebbero dalla stanza a testa alta (chiusa parentesi).
Qui da noi ci si scaglia contro la Argento volendo a ogni costo analizzare il perché e il percome, sul quanto sia deprecabile sfruttare il proprio corpo per fare carriera, su come sia biasimevole darla (solo) a scopo di lucro, sul come sia facile sfuggire alle avances e perché no, magari pure a un’aggressione (perché a parole siamo tutti eroi), una come lei che ha due pistole tatuate sull’inguine, una come lei dai trascorsi tutti sesso-droga-rock ’n roll, una come lei che di certo non le manda a dire, una come lei che…
Una come lei.
Ecco come il passato (e un’occhiata superficiale) disegna con inchiostro indelebile ciò che siamo, anche se non lo siamo.
E allora vi dico la mia: ognuno dovrebbe essere libero di pensare e agire come diavolo gli pare e piace quando si tratta del proprio corpo e della propria vita. La Argento non ha fatto male a nessuno se non a se stessa (forse). E che lo confessi solo oggi (come le altre, del resto) non cambia il peso di qualcosa eseguito non proprio per scelta bensì per condizionamento. Non dico costrizione, qui non si parla di stupro. E poco me ne cale se la cosa disturba la morale di chi non la dà o non l’ha data (o dato, s’intende).
Penso a chi non ce l’ha, una scelta, e a chi ce l’ha e la fa perché vuole a ogni costo quel barattolo in cima alla scala (che poi diciamolo, pure a darla così ci vuole coraggio, diamine). E non mi sento di giudicare nessuno. Sarà la saggezza dell’età. O forse è la vecchiaia.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

in Il Sociale/In Evidenza/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

Il quotidiano Libero pubblica stralci del verbale e tutti a gridare al razzista. Ma…

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Se ne sta parlando tanto ed è bene che se ne parli perché la voce delle donne e di chi sta dalla loro parte non è mai abbastanza incisiva. Stupro. Già la parola mette i brividi, figuriamoci a viverlo. Stupro di gruppo: il peggio del peggio. Se hai anche una sola possibilità di salvarti in una lotta pari (che pari non è mai), quando ti attacca il branco la probabilità di sfuggirgli è a zero.
È quello che è capitato alla turista polacca sulla spiaggia di Rimini e, poco dopo, alla transessuale peruviana nella notte dello scorso 26 agosto.
Di questo orrore ne hanno parlato tutti i giornali, alcuni ne hanno riportato dettagli che sono duri e crudi come pugni nello stomaco. Tra questi il quotidiano Libero, che ha stralciato le dichiarazioni delle vittime dai verbali di denuncia. E tutti a gridare al razzista, fascista, nazista e svariati altri ista, proprio come scrivo di me in calce agli articoli.
Non sono d’accordo.
È l’ottica di chi vede l’azione di Libero sotto la luce razzista a essere distorta. Perché dovrebbe essere razzista uno che riporta fatti, non lancia strali infuocati verso chicchessia, non fa illazioni, non tenta di radunare il KKK. Riporta fatti. Spietati, è vero. Orribili, senza dubbio. Inutili. No.
Perché è ora di spostare questo dannato riflettore sul vero mostro della storia: LO STUPRO.
Lo stupro non ha razza, non ha colore sebbene io un colore glielo attribuisco, ed è il viola. Viola come i lividi dei calci e dei pugni, come le ecchimosi che si formano in una vagina e in un retto violati oltre ogni umana ragione. Viola, appunto. Lo stupro ha il colore viola.
“Che cosa aggiunge a questa storia di orribile cronaca il fatto che l’abbiano trascinata dalla sabbia nell’acqua, e poi ancora nella sabbia, e poi di nuovo girata, e violentata in un altro modo?” si chiede oggi Il Foglio. Aggiunge cruda consapevolezza. Mette a fuoco quello che fino a ieri è stato definito “un fatto spiacevole”, “una ragazzata” e altre definizioni simili: basta leggere il post  del sedicente “mediatore culturale” Abid Jee per comprendere a cosa mi riferisco. Ecco, sono queste chiose superficiali a non rendere giustizia alle vittime. Come ho già scritto, brutto è quando ti becchi un cazzotto, spiacevole è quando il cane ti piscia sul tappeto. Lo stupro è un crimine tra i più efferati.

Lo stupro non ha pelle né colore. O forse sì

Fin troppe volte abbiamo assistito a stupri irrisolti, con vittime senza giustizia e colpevoli bellamente impuniti o accarezzati da una pena che li vede liberi dopo poco. Se fossi io, la vittima, lo griderei ai quattro venti quello che mi hanno fatto affinché nessuno possa più ignorarmi, nessuno possa chiudere gli occhi. Né ora né mai più.
Che oggi sia una banda di extracomunitari francamente non m’importa. Io non vedo il marocchino o il nigeriano ma CRIMINALI. Loro, schifosi delinquenti senza colore.
Non è razzismo, questo. E se lo ritenete tale, continuerete voi a fare le differenze, a scavare fossati. Non sono, non devono essere loro i protagonisti, è quello che hanno fatto il focus della storia, ed è per quello che spero con tutta l’anima che siano puniti.
In maniera spietata, proprio come lo stupro che hanno perpetrato.

Simonetta Santamaria, è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Micaela Piccoli: quando la chirurgia è donna

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog/Super evidenza by
Micaela Piccoli: quando la chirurgia è donna

È Primario, è conosciuta e stimata in tutto il mondo. È un’eccellenza, eppure i bastoni tra le ruote non le mancano.

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Classe ’67, è un Primario relativamente giovane secondo lo standard della sanità italiana. Per la precisione, è Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove Tecnologie dell’Ospedale Civile Sant’Agostino Estense (OCSAE) di Baggiovara, Modena. La prima donna in Italia a ricoprire un incarico di tale importanza.
La sua è una delle U. O. di chirurgia più grandi e importanti d’Italia; giusto per citare qualche numero: 44 posti letto, 15 sedute operatorie a settimana di cui il circa il 40% condotto con tecniche mininvasive e robotiche, per un totale di oltre 2000 interventi l’anno. Dirige un’équipe di 15 chirurghi di cui altre due donne, entrambe con un ruolo rilevante, non relegate quindi alla classica chirurgia di superficie che in genere viene destinata (loro malgrado) alle donne: la dottoressa Fouzia Mecheri è responsabile di Chirurgia Mininvasiva Bariatrica, mentre la dottoressa Barbara Mullineris è la responsabile di Endocrinochirurgia nonché istruttrice ATLS (Advanced Trauma Life Support).
Lei è Micaela Piccoli, modenese d’adozione, cresciuta professionalmente sotto la guida del professor Gianluigi Melotti, uno dei pionieri della chirurgia laparoscopica in Italia.
Ha sempre sognato di fare il chirurgo, e ha concentrato ogni sforzo sul raggiungimento del suo obiettivo. Ha studiato in Italia e all’estero dove è conosciuta e stimata, ha ricoperto cariche via via più importanti tirandosi addosso molti consensi ma anche “qualche” malumore. L’abbiamo intervistata per conoscere l’altro lato del successo, come chirurgo e come donna.

– Dottoressa Piccoli, rompiamo gli indugi con la prima domanda d’obbligo: com’è fare il Primario? Cosa vuol dire per una donna ricoprire una carica così importante in un settore storicamente (oggi ancora troppo) maschilista?

MP: Un compito senz’altro non facile, come per un uomo. Oggi il primario non deve solo sapere operare, ma deve essere anche un vero e proprio manager in grado di gestire risorse economiche e soprattutto umane. Una donna può essere un buon manager? Penso proprio di si! La donna è pragmatica, mette al primo posto la visione strategica, va dritta al risultato, grazie alla tenacia e a una buona dose d’intuito. Una donna Primario riesce probabilmente meglio di un uomo a favorire la collaborazione e i rapporti umani mantenendo un minimo di sana competitività. In un certo senso cerchiamo di individuare in tutti le qualità da far emergere, motiviamo, incoraggiamo, rendiamo l’ambiente di lavoro piacevole e stimolante. L’obiettivo è indirizzare e inserire. Che la cosa funzioni lo testimoniano gli ottimi risultati che stiamo ottenendo, il ritorno professionale è alto grazie a un efficace (e sereno) lavoro di squadra.

Micaela Piccoli
Micaela Piccoli

In Italia ci sono soltanto 7 primari donna in Chirurgia Generale di cui 5 sono di U. O. Complesse di Senologia, campo già più tipicamente femminile. La sua è una chirurgia laparoscopica mininvasiva, che comporta migliori risultati in tempi postoperatori di gran lunga ridotti rispetto alla chirurgia “aperta” tradizionale. Micaela Piccoli, tra le varie, è stata il primo chirurgo italiano a eseguire un intervento di tiroidectomia robotica transascellare: in soldoni, è l’asportazione della tiroide attraverso un’incisione sotto l’ascella, in modo da non lasciare cicatrici antiestetiche sul collo; il tutto eseguito con l’ausilio del robot, il fantascientifico Da Vinci, che si manovra attraverso un visore ottico 3D ad alta risoluzione e due joystick; quasi come un videogame, che però comporta un lungo e accurato training. Non solo: grazie all’esperienza sulla tiroide, la sua equipe vanta i primi 15 casi al mondo di resezione robotica transascellare di diverticolo dell’esofago cervicale: sempre in soldoni, si tratta di un’estroflessione della parete dell’esofago a livello cervicale. Un bel palmarès, non c’è che dire, ma non è finita: la Piccoli forma chirurghi italiani e stranieri. È anche Direttore della Scuola Nazionale ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) di chirurgia laparoscopica e mini-invasiva e pertanto ogni anno ospita presso il suo reparto circa 120 chirurghi provenienti non solo da tutta Italia ma anche da tutto il resto del mondo per istruirli alla videolaparochirurgia e alla robotica. Quando non va di persona a istruire sul posto chi non ha le possibilità di spostarsi.

– Formazione sul campo ma anche a distanza: tutoring e proctoring di chirurgia laparoscopica e robotica mininvasiva in tutto il mondo, dalla Cina alla Palestina; addirittura collegamenti in streaming con i paesi più disagiati: lei mi sembra in controtendenza con alcuni dei cosiddetti “maestri” che mi risultano essere abbastanza gelosi del loro sapere e del loro livello di specializzazione, quindi tendenti a non lasciar mai decollare chi gli sta a fianco…

MP: Be’, io non condivido l’interesse a tenere sotto chiave tutto quello che abbiamo imparato, sarebbe solo uno spreco di forze, intelletto e sacrifici. Com’è stato fatto con me, io faccio con i miei allievi e collaboratori, e vederli decollare è solo motivo di grande orgoglio. Anche il collegamento in streaming con ospedali di frontiera, tipo quello di Hebron, tanto per citarne uno di paese disagiato, potrebbe in apparenza non avere un senso e invece ce l’ha: è vero, probabilmente loro non riusciranno mai ad avere un robot ma almeno non si sentiranno messi da parte dal futuro. Partecipare comunque alle evoluzioni scientifiche delle tecniche chirurgiche è come farne parte, ed è di certo meglio di niente.

Ascoltandola, la prossima domanda (per dirla alla Antonio Lubrano) nasce spontanea:

– Ha mai avuto difficoltà a far digerire ai suoi colleghi uomini la sua autorità e a far rispettare le sue decisioni?

MP: No, perché non ho mai mirato all’autorità ma solo all’autorevolezza conquistata passo dopo passo, essendo cresciuta tra e con loro. E poi c’è sempre spazio per il confronto: non perdo mai di vista l’obiettivo principale che è il benessere del paziente, quindi se qualcuno è in grado di dimostrare che la sua idea è più efficace della mia non ho problemi ad adottare la strategia suggerita.

Nota dolente: bastoni tra le ruote. Essere il successore del professor Melotti l’ha trasformata in un personaggio troppo ingombrante, difficile da “gestire”, quindi qualcuno s’è messo di buzzo buono per farla fuori. Ma per chiarezza vi riepilogo un po’ la sua storia: dopo un anno e mezzo in cui ha ricoperto la carica di direttore facente funzione (FF), nel luglio 2016 (unica donna contro 7 uomini) vince il concorso a primario con un ampio divario di punteggio; tuttavia il Direttore Generale della USL di Modena ne sospende la nomina motivandone la causa con l’unificazione dell’azienda ospedaliera con il Policlinico e mettendo finanche in dubbio la persistenza del posto messo a bando, quindi passa la palla al Direttore Generale della nuova Azienda Ospedaliera Universitaria. La diatriba vede la fine solo nel gennaio 2017 quando la Piccoli finalmente ottiene la meritata nomina di Direttore della sua U.O.

– Dottoressa Piccoli, lei come la vede, la situazione della sanità italiana oggi?

MP: Non voglio rilasciare inutili commenti sulla mia “storia” personale, probabilmente simile a molte altre, in varie fasi di carriera. Alla fine, comunque, il merito ha trionfato: questa è l’unica cosa che conta. Per quanto riguarda la situazione della sanità italiana non posso che definirla complicata e preoccupante. Tagli lineari, non sempre fatti solo sul superfluo, minore attenzione all’innovazione tecnologica, rallentamento del cambio generazionale, chi va in pensione non viene sostituito, organici ridotti e chirurghi allo stremo delle forze sottoposti a turni di lavoro allucinanti. Ecco, si pensi a una donna costretta a tali ritmi: che vita familiare potrebbe mai avere?

Problemi. L’unificazione col Policlinico ha fatto sì che l’U. O. di Chirurgia Generale diretta dalla Piccoli stia subendo una riorganizzazione che prevede forti cambiamenti…

– È come se la sua nomina fosse stata accolta da un tifone: come sta gestendo tutto questo?

MP: Le riorganizzazioni a seguito delle unificazioni sono sempre complesse, ma il consenso si ottiene solo se tutto è fatto rispettando e valorizzando le professionalità, analizzando volumi di attività e gli esiti. Purtroppo, a volte, entrano in gioco dinamiche complesse non sempre facilmente comprensibili tra mondo universitario, ospedaliero e altro che rendono il cammino arduo. Io non mi oppongo al cambiamento, mi aspetto solo che sia teso al miglioramento e non all’appiattimento. Questa non è una pretesa ma una reale necessità; del resto andiamo avanti con tutta l’energia e la passione che ci ha spinti a scegliere questo lavoro e questa vita, sperando in tempi migliori.

È vero, la sua scelta professionale ha un prezzo. E anche abbastanza caro per certi versi. Infatti la dottoressa Piccoli ha rinunciato a una quota della famiglia per la carriera. Ha un marito molto paziente che rasenta la santità, un gatto ma niente figli. Più che rinunciato diciamo che ha perso quel treno perché, se l’avesse preso allora, probabilmente sarebbe stata messa da parte e scavalcata. Una scelta obbligata, costretta dall’andazzo che vede sempre la donna in una posizione di sudditanza, dove basta una gravidanza per venire retrocesse al Via. Le chiediamo di parlarci di persona di quest’aspetto meno entusiasmante dell’essere al top.

MP: Per una donna chirurgo, decidere se e quando di avere un figlio è un dramma. Col senno di poi, consiglio a tutte le mie specializzande di fare un figlio subito in modo da essere alla pari quando entreranno nel mondo del lavoro. E comunque è difficile gestirne più di uno, ovviamente se sei intenzionata a seguire un certo tipo di carriera. Nei primi anni dell’ACOI, quando avevo contribuito a realizzare una Commissione delle Donne Chirurgo, ho cercato di capire se le leggi che ci tutelano durante la gravidanza potevano essere modificate: veniamo allontanate dalla sala operatoria pur mantenendo il posto di lavoro ma, per un chirurgo, restare mesi senza operare è un danno enorme. Considerato che oggi le tecniche anestesiologiche sono cambiate, non si usa più gas anestetico ma si fa tutto per via endovenosa, i rischi per una gestante sono di gran lunga ridotti. Per quanto mi riguarda, lo ammetto: se avessi avuto la possibilità di restare in sala operatoria in gravidanza, probabilmente un figlio lo avrei fatto. Ma avendo in mente e nel cuore un certo tipo di carriera, mi sono resa conto che sarebbe stato un elemento frenante. Poi ti accorgi che il tempo è passato più in fretta di quello che pensavi… e alla fine non lo fai più. Mio marito, è vero, è un santo, (sorride). È un ingegnere elettronico, capace più di me di differenziare vita lavorativa e vita personale; io faccio fatica ad essere qualcosa di più di un chirurgo, lui riesce ad essere molto di più di un ingegnere. Mi ha accompagnato durante tutti questi anni sostenendomi e sopportandomi, in tutti i modi possibili. È la mia roccia ferma, la mia casa.

Da donna e profonda ammiratrice di una tale dedizione che solo se sei motivata da grande passione puoi reggere in questo Bel Paese, ringrazio la dottoressa Micaela Piccoli per il tempo che ci ha concesso e le faccio un grande in bocca al lupo. Penso che un bel metalupo a fianco (questa è per gli appassionati de Il Trono di Spade) le farebbe molto comodo.
E chiudo con un’ultima domanda.

– Dottoressa, ma… Chirurgo o Chirurga?

MP: Beh: Direttore o Direttrice? Primario o Primaria? Capo o Capa? Rispondo alla Obama: Yes I can be a surgeon!

Simonetta Santamaria, è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: morbide come dee

in Il Sociale/In Evidenza/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: morbide come Dee

Attacco a Vanessa Incontrada e alle sue forme. E la parte sana del web le fa scudo.

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Nonna Papera 2.0, un occhio al forno e uno al web. E tra le varie spunta come un fungo velenoso l’attacco contro Vanessa Incontrada e le sue forme morbide.
Reduce dai Wind Music Awards, la showgirl è stata presa di mira sui social per aver perso la sua forma fisica, per essersi appesantita dopo il parto e non aver mai recuperato.
Un vero e proprio attacco mediatico.
Tutte là, le serpi, dritte sulla coda e pronte scagliarsi contro il primo che capita. Parte una e giù tutte le altre. E allora forza, seguiamo il capintesta che ha il coraggio di dire cose orribili così ci sentiamo un po’ fighi e onnipotenti anche noi, che in realtà siamo l’esatto contrario. Lo specchio ci rimanda un’immagine che non ci piace, un’immagine debole, sfocata, di nessun impatto, da elettrocardiogramma piatto. Ma non possiamo ammetterlo perché non a tutti piace far parte della Banda dei Perdenti (tanto per citare Sthephen King, uno che da perdente s’è preso una bella rivincita). Se però ci nascondiamo dietro il capofila potremmo riuscire a imbrogliare. Anche noi stessi. Almeno nello spazio di un post.
Sono imbestialita. È incredibile quanto livore è celato dietro questi schermi. Dietro questi social che, come dico sempre, sono molto poco social. O meglio, sono affollati di gente a-social.
Ma, giusto per restare nei panni di Nonna Papera, vi dico una cosa a modo suo.
Sono state fatte imponenti campagne mediatiche contro l’anoressia, contro quell’orribile stereotipo che vuole le donne filiformi, rinsecchite come cardi nel deserto, buone giusto per essere appese nello studio di un antropologo. E voi eravate tutti lì, sempre dietro il primo della fila, a battere le mani, a plaudere al servizio sociale, a sentirvi utili.
Poi è arrivato il boom delle modelle curvy. E allora tutti a dire curvy è bello, curvy è glam, viva le modelle Ashley Graham ed Elisa D’Ospina e il loro corpo burroso, viva Gesù e viva Maria.
Viva, davvero. È grazie a loro che abbiamo cominciato a guardare con meno disgusto i nostri rotolini di ciccia anziché tentare il suicidio prima di ogni doccia.
Vanessa Incontrada incarna tutto questo. Una donna stupenda a mio parere, carica di energia, bellezza, humour. È bella, oggi quanto ieri, perché la bellezza se la porta dentro, non come voi che avete sepolto la vostra per seguire un branco di pecore castrate.
Plaudo a Selvaggia Lucarelli (che di attacchi alla sua persona ne sa bene qualcosa), a Carlo Conti, suo partner sul palco dei Wind Music Awards, a tutti i colleghi e a coloro che si sono schierati dalla sua parte.
Quanto a voi, patetici detrattori, mi fate pena. Siete stupidi, che è peggio di essere cattivi. Costruite difetti intorno agli altri perché tremate di fronte ai vostri. Vi lanciate a corpo morto tra la folla perché vi confondete, perché non avete un’identità, perché presi singolarmente siete zero.
Dopodiché, per disintossicarmi da tutto questo fiele e per la gioia del mio giro vita, vado a scofanarmi di ciliegie. Belle, tonde, estive, zuccherine, sensuali.
Alla salute di Vanessa, e di tutte quelle come lei che tirano sempre avanti a testa alta.
Voi, là sotto, siete solo fanghiglia autunnale.

Simonetta Santamaria, è scrittrice di thriller e horror. Giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: a che serve l’orgasmo femminile?

in In Evidenza/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera

Ennesimo mistero dell’Universo Donna

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Ci dev’essere sempre qualcuno che si arrovella in cerca di risposte quando ci si trova di fronte a un mistero. Esiste Dio? Esiste la vita dopo la morte? E la Particella Fantasma? Tra questi profondi quesiti esistenziali (e post-esistenziali) c’è la Donna. La sua psiche, il suo corpo, ci vogliono svelare a tutti i costi… Dopo l’ancora oscuro Punto G ecco che ne arriva un altro: a che serve l’orgasmo femminile?
Domanda del secolo.
Mentre quello maschile, tecnicamente, associato all’eiaculazione assolve alla sua funzione riproduttiva, il nostro che scopo ha?
Sfatato il mito che le contrazioni vaginali avrebbero favorito il viaggio degli spermatozoi verso l’ovulo (con o senza spinta, only the best per i futuri umani caudati); superata anche l’ipotesi che un tempo (poi l’evoluzione ha fatto il suo) l’orgasmo stimolasse il rilascio dell’ovulo: della serie tromba oggi tromba domani prima o poi ti becco. Certo, Neanderthal magari si accoppiava come un paleoconiglio ma oggi c’è l’emicrania, lo stress da superlavoro e la pay tv.
La biologa evoluzionista Elisabeth Lloyd ha espresso la sua teoria nel libro The Case of the Female Orgasm (voi eravate rimasti al caso del cane ucciso a mezzanotte e a quello del dr Jekyll e mr Hyde, dite la verità): in soldoni quel fantasmagorico prodigio è un incidente di percorso, una sorta di felice errore evolutivo. “Come i capezzoli dell’uomo”, dice, che non servono certo per l’allattamento.
Intanto, lascerei per un attimo i vari studiosi ad accapigliarsi per evidenziare il mero dato di fatto che l’orgasmo fa bene. Di seguito, cinque buoni motivi per cedere al divertissement:
1) Secondo il dottor David Weeks, psicologo clinico del Royal Hospital di Edimburgo, su 3.500 pazienti, quattro o più orgasmi a settimana asfaltano una palata di rughe meglio del botox: si ringiovanisce di ben sette anni, e senza spendere un euro;
2) L’orgasmo ha delle taumaturgiche doti antidolorifiche (ottimo per l’emicrania di cui sopra e meglio di una spalmata di Voltaren per chi soffre di dolori vari), fa lievitare l’autostima e l’ottimismo: una sana iniezione (è il caso di dire) di joie de vivre;
3) Notizia extra per coloro che non usano il preservativo: secondo uno studio della State University di New York, lo sperma possiede delle proprietà antidepressive; il desiderio di menarci di sotto sarà quindi di gran lunga inferiore se abbiamo rapporti non protetti;
4) L’orgasmo aiuta a combattere l’insonnia, favorendo il rilascio di melatonina. Camomilla, ignatia e valeriana è roba da sfigati: chi tromba addormenta anche te, digli di prestarsi.
5) Dulcis in fundo, notiziona per noi donne over 50: l’orgasmo migliora con l’età. Quindi se pensavate di imbustare la vostra vagina e appenderla al chiodo perché il brizzolato laggiù non rende, sappiate che ben il 75% delle donne ha avuto i suoi migliori (e plurimi) orgasmi dopo i 60 anni. Finché c’è vita c’è sempre speranza.
E, per concludere, anche Nonna Papera ha redatto la sua teoria in merito: in coppia o in solitaria, in collaborazione o in fai-da-te, l’orgasmo è (e resta, al di là di ogni studio o scoperta) l’unico dono paradisiaco rimastoci dopo che Dio buttò i nostri progenitori fuori dall’Eden a calci in culo.
E siccome erano nudi, è la sola cosa che sono riusciti a fregarsi senza farsi scoprire.

Simonetta Santamaria, è scrittrice di thriller e horror. Giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: La Champions, il Napoli e il senso sportivo

in In Evidenza/La Cultura/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: La Champions, il Napoli e il senso sportivo

Cari merengues, mi levo una pietra dalla scarpa. E vi dico che…

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Premetto che oggi, 8 marzo, non ho una cippa da festeggiare perché questa cosa della Festa della Donna la trovo una cazzata retorica, un contentino che dai a soreta perché io voglio tutto il pacchetto 365giorni-all-inclusive altrimenti stattene dove stai che stai bene.
Detto ciò, voglio riparlare di un argomento (apparentemente) maschile: la Champions League!
Ieri s’è giocata la partita di ritorno tra Napoli e Real Madrid. Ci abbiamo sperato, noi napoletani inside, dint’o core, che il nostro tridentino (“ino” di statura ma “one” in quanto a bravura) facesse il miracolo, magari accompagnato non dalla Madonna (che non credo sia tifosa) ma dal nostro San Gennaro che in questi giorni sta pure tutto contento che il popolo festeggia la mobilitazione dello scorso anno quando lo ha sottratto alle mani ingorde della Curia… E in effetti un paio di manine sante ce le ha messe pure lui, specie quando ha benedetto al 29’ il palo di Reina (noi donne siamo certe che Reina abbia il palo benedetto…)
Abbiamo giocato un primo tempo strepitoso e anche di più, il nostro Dries Mertens ha fatto un gol strepitoso, insomma siamo riusciti a tenere a bada il Gigante, lo abbiamo messo in difficoltà. Non a caso ha segnato due gol di testa. Su calcio d’angolo. Su palla inattiva. Niente azioni mirabolanti, il famigerato CR7 (che ieri sera pareva più quello che dalle nostre parti si definisce “’nu pesce pigliat’ c’a botta”) e compagni sono rimasti a bocca (quasi) asciutta fino alle due cornate di Sergio Ramos, faccia di peste e 1.83 di altezza, che hanno spiazzato il nostro portiere. Tutto questo al 51’ e al 57’: fino ad allora niente da dire, abbiamo dominato noi.
Diciamocelo, i colpi di testa non sono proprio il nostro forte, né a darli né tantomeno a prenderli.
Il gallo sulla munnezza lo ha fatto Álvaro Morata, entrato come un pirito al 77’…
E caro mio, avrai fatto pure gol ma l’ha fatto al 91’ a una squadra ormai demoralizzata che ormai aveva smesso di lottare quindi il tuo gol vale meno di quel pirito sull’onda del quale sei entrato a partita già praticamente chiusa, peraltro su respinta di Reina quindi manco questa grande azione di cui vantarsi.
Per cui quel tuo gesto, quel dito sulla bocca con cui hai voluto zittire la tifoseria napoletana te lo puoi pure ficcare lì da dove (sempre lui) quel pirito è partito. Sei Odioso e Antisportivo. Perché non mi pare che a casa tua noi ci siamo comportati male, Mertens non ha sbeffeggiato nessuno quando ha segnato…
Per cui, caro il mio Álvaro – Grande Pirito – Morata, antisportività per antisportività, ecco che ti dico: ammesso che tu sia il grande calciatore che credi di essere, come sportivo fai veramente schifo.
E pure come uomo non se granché, va’. Perché se vuoi saperlo hai la faccia di culo. E noi donne, noi donne partenopee, tutte sangue e anima, preferiamo uomini come Pepe Reina. Lui almeno ha il palo benedetto mentre tu hai solo una palla.

Simonetta Santamaria, è scrittrice di thriller e horror. Giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Andrea Carri: pedala piano ma al piano va forte

in La Musica/Simonetta Santamaria Blog by
Andrea Carri: pedala piano ma al piano va forte

Ha inventato il pianoforte a tre ruote per portare la musica alla gente

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

A vederlo sembra il figlio che tutte le mamme vorrebbero avere, e anche il fidanzato che molte ragazze vorrebbero avere. Bello, col suo borsalino sempre calcato in testa; simpatico, con un sorriso che scioglie anche le anime più fredde. Talentuoso, che sprigiona musica dalle dita, con la stessa energia con cui Darth Sidious spara le sue saette. Sto parlando di Andrea Carri, il giovane pianista emiliano che sta facendo tanta strada suonando… e pedalando. Curioso vero?
Ho avuto il privilegio di ascoltarlo in concerto e oggi nella mia musicoteca ci sono tutti i suoi album. È stato un vero e proprio rapimento dei sensi, ecco perché voglio raccontarvi un po’ della sua storia: il resto ce lo dirà lui.
La sua passione – perché proprio di passione si tratta – per il pianoforte nasce agli albori, in una casa dove gruppi come i Genesis erano il pane quotidiano e Tony Banks deliziava i cuori e intanto gli plasmava la mente con i suoi assolo di Firth of Fifth e The Cinema Show. Ha iniziato a suonare a 6 anni e da allora non ha mai smesso.

– Ingegnere ambientale per lavoro, pianista per vocazione. Hai scelto di non seguire il percorso del Conservatorio ma quello della genialità, senza gabbie, senza cliché. Il Cammino dell’Arte, potremmo dire, o piuttosto consapevolezza che in Italia campare d’arte è pressoché utopistico?
AC: Più o meno entrambe le cose. In primis, cercavo una forma artistica che mi consentisse una totale libertà, lontano dalla logica del guadagno e del dover scrivere e produrre a tutti i costi. Non credo che campare d’arte sia utopistico, ma sicuramente ti costringe a compromessi. Compromessi che a volte ti portano ad odiare quello che stai facendo. Io non volevo che questo accadesse: voglio essere libero di suonare quando ho qualcosa da dire e quando mi comporta piacere, senza doverlo fare “per forza” sempre. Inoltre trovo che il Conservatorio dia una buona preparazione su alcuni ambiti musicali, mentre sia estremamente carente sotto altri aspetti. Io ho scelto il cammino che più mi interessava e stimolava, fatto di una grande esperienza live e tanti anni di gavetta. E devo dire che sono soddisfatto del percorso intrapreso, anche se invidio alcuni colleghi per la loro sicuramente maggiore preparazione tecnica.

La sua musica è di stile neoclassico, sulla scia di Ludovico Einaudi a cui Andrea si è molto ispirato nei primi anni del suo percorso artistico, per poi via via ricercare un suo stile che lui ama definire “autobiografico”: racconta sensazioni, fotografa momenti e li traduce in note. E preferisce pubblicarli in un tempo non troppo lontano dal momento stesso, perché il suo tempo è il presente.

– Come nasce un brano di Andrea Carri? Quali sono le dinamiche che danno vita alle tue creature?
AC: Ogni brano ha una storia a sé stante e parte da sensazioni, immagini, attimi che per un qualunque motivo mi catturano. È veramente complesso spiegare quello che accade… di certo posso dire che trovo molto difficile e forzato comporre quando non ho nulla da esprimere, ed il risultato in quel caso non mi soddisfa mai. Superato il primo ostacolo, quello istantaneo dell’idea nuda e pura, iniziamo mesi di affinamento e cura dell’arrangiamento. Quando inizio ad avere diverse storie nel cassetto, sufficienti per dare vita ad un album, cerco di creare un sound coerente e possibilmente uniforme, con il quale entro in studio di registrazione. Il percorso descritto è piuttosto lungo: mentre per l’idea base a volte mi occorrono anche solo 10 minuti, il completamento della stessa è frutto di diversi mesi. Di certo, quello che esce dal mio pianoforte mi riguarda sempre molto strettamente e racconta un periodo della mia vita.

E ora parliamo del singolare progetto che da circa un anno a questa parte gli sta rinforzando quadricipiti e polpacci, muscoli che con un pianista avrebbero in teoria ben poco a che vedere: Pedala Piano. Insieme con Daniele Leoni e Francesco Mantovani, anche loro pianisti, ha progettato una sorta di triciclo – verde come dovrebbe essere la natura – su cui è montato un pianoforte, e finanziato con il crowfunding attraverso MusicRaiser: oggi con quello girano per l’Emilia (ma non solo) per portare la musica alla gente. E la gente è felice di ascoltare un pianista di strada che gli arriva sotto casa, perché la musica ha anche questo magico potere.
Si muovono almeno in due per volta, i loro concerti si svolgono a tappe: quattro o cinque di una mezz’ora ciascuna e poi via verso una nuova piazza. La formula sta riscuotendo un enorme successo e ora li vogliono dappertutto.

– Nomen omen: Carri. C’erano delle ruote nel tuo destino. Com’è suonare per le strade in sella a una bici a tre ruote? Stare tra il pubblico, a contatto con la gente, è di certo emozionante ma rispetto al palcoscenico e un pianoforte a coda?
AC: È completamente diverso, ma non per questo privo di emozioni. Un palco ed un pianoforte a coda ti permettono di suonare un certo tipo di brani, creare di conseguenza un’atmosfera più intima e riflessiva, fatta anche di respiri e silenzi, in un luogo in cui il pubblico è lì per te. Suonare in mezzo alle strade invece ti porta in un qualcosa di completamente diverso, che sicuramente rappresenta un’ottima palestra. La gente infatti incrocia per caso le tue note e tu devi essere in grado di catturarli: a mio parere i feedback che si ricevono in strada sono di fondamentale importanza! In ogni caso, amo entrambe le situazioni, che mi regalano grandi emozioni!

Ha all’attivo quattro album da solista: Partire, Stanze Segrete, Metamorfosi e Chronos. E il quinto è in arrivo a fine aprile. Si chiamerà Shadows ed è prodotto dalla Memory Recordings di Fabrizio Paterlini. La novità sarà rappresentata dalla compresenza del batterista/percussionista Francesco Camminati. Nuove sonorità quindi…

– Shadows sembra voler disegnare una svolta nel tuo modo di fare musica: esigenza evolutiva, metamorfosi (giusto per citare un tuo album) o semplicemente istinto?
AC: Direi tutte e tre le cose insieme. Shadows nasce quasi per caso, così come l’idea di coinvolgere la batteria. Infatti un locale nel quale mi esibisco regolarmente mi chiese di preparare un duetto per la stagione estiva. Prendendo al balzo le loro esigenze, decisi di sperimentare e, anziché coinvolgere un cantante o un violinista, come si fa di solito dalle mie parti, mi sono buttato sulle percussioni di Francesco, perché a mio parere poteva nascere qualcosa di interessante. Le prime date sono subito andate benissimo, suscitando un buon interesse. Il naturale passo successivo è stato quello di iniziare a scrivere qualcosa insieme. E l’occasione si è presentata al momento giusto, in quanto sentivo che era giunto il momento di cambiare, di evolvermi verso un sound diverso, più ritmico e movimentato, senza però perdere gli elementi che mi hanno sempre contraddistinto. La direzione presa credo sia quella giusta e i concerti di presentazione del disco fatti fino ad oggi sembrano confermare tutto questo.

Aspettiamo Shadows, dunque. E sulle note di Universal Gravitation, uno dei brani dell’album che vi facciamo ascoltare in anteprima, facciamo un grande in bocca al lupo ad Andrea e ai suoi colleghi. Pedalerete pure Piano, ragazzi, ma andate davvero Forte.

Andrea Carri Official

Simonetta Santamaria, scrittrice di thriller e horror. Giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa…)
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: oje vita, oje vita mia! Napoli vs Real Madrid, che sfida!

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: oje vita, oje vita mia!

Il Napoli nel cuore, sempre. Anche fuori porta

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Ieri si è giocata una partita di calcio. Non una qualsiasi ma l’andata degli ottavi di Champions League. Non un’andata qualsiasi, perché giocava il Napoli. Non contro un avversario qualsiasi, perché ha giocato contro il Real Madrid.
Lo so che quei “qualsiasi” che per me sono un’affermazione dell’opposto per alcuni di voi potrebbero sembrare, al contrario, dei veri “qualsiasi” ma vi assicuro che anche solo a nominarlo, il Gigante, fa paura. Campione del Mondo, campione d’Europa, oggi prima in classifica nella Liga. 32 titoli nazionali, 11 vittorie – e primato assoluto – proprio in Champions. 19 Coppe di Spagna, 9 Supercoppe di Spagna, 1 Coppa de la Liga, 2 Coppe UEFA, 3 Supercoppe europee, 3 Coppe Intercontinentali, 2 Coppe del mondo per club e 1 Coppa Iberoamericana…
Il Napoli a confronto è un Davide con la fionda, rappresentata dai suoi 2 scudetti, 5 Coppe Italia, 2 Supercoppe italiane, 1 Coppa UEFA e 1 Coppa delle Alpi.
Ma, excursus storici e palmarès a parte, la fede calcistica per il Napoli è incrollabile, passando per crisi, sconfitte e scivoloni fino alla serie C1. E quindi l’evento di ieri sera andava celebrato in ogni caso perché Davide stava per affrontare con la sua fionda il Gigante che, per ventura o sfortuna che sia, gli era capitato in sorte. In casa sua, per giunta. Io ci sono stata, al Santiago Bernabéu, e vi assicuro che è roba da mozzare il fiato a entrarci da spettatore, figuratevi da protagonista.
E, a proposito della sottoscritta…
La sottoscritta iersera si è trovata nella capitale per motivi di lavoro ma mai avrebbe potuto perdersi la partita: così si è aggirata tra le pizzerie della zona, dove le probabilità di beccare un pizzaiolo napoletano erano più alte della doppietta di Mertens auspicata da molti tifosi, ed è finita da un napoletano doc con doppio schermo e collegamento a Mediaset Premium. Nonché un’interessante storia da raccontare che, come gli ho promesso, mi farò raccontare una prossima volta, “senza partita però, che così stiamo più quieti.”
È stato fantastico, come essere a casa. Eravamo tutti napoletani, lì dentro, per nascita e fede calcistica. Per una sera, quel locale è stato nostro. Tra un trancio di ottima pizza e una jastemma, tra un chitemmuorto e un crocchè di patate, la mia ansia è stata quella di altre 50 persone, la mia gioia pure, l’amarezza per la sconfitta anche.
E, durante l’intervallo, il proprietario fa partire la base, prende il microfono e intona ‘O surdato ‘nnammurato con una voce degna di Caruso. Perché dal lontano ’75 il vero, unico e solo inno del Napoli è e resta lui.

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si’ stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll’urdemo sarraje pe’ mme!

I Righeira si possono fottere, per quanto mi riguarda. Non c’è storia, oje vita, oje vita mia. E tutti lì a cantare a squarciagola, chi con la mano in petto, chi battendole a ritmo… Il calore del popolo napoletano è incredibile, coinvolgente, travolgente. È amore carnale, è passione.

Ce la siamo giocata con orgoglio, al di là del risultato (come recita il sempiterno striscione della Curva B) e ora aspettiamo il Gigante, a casa nostra stavolta. Dove lo faremo sentire meno grande, ne sono sicura. Perché una fionda sarà pur sempre una fionda, ma il nostro cuore azzurro in quanto a grandezza non lo batte nessuno.
Ah, per cronaca (e per i soliti detrattori che vogliono donne e calcio su due pianeti diversi, come per la guida e la meccanica), molte di noi del gentil sesso sanno di pallone quanto voi maschietti: fuorigioco, palle inattive, ruoli e zone; sappiamo pure distinguere il primo palo dal secondo, pensa un po’…
Non ci sottovalutate, signori, le donne possono riservare delle splendide sorprese, e non necessariamente sotto i vestiti.

Simonetta Santamaria, è scrittrice di thriller e horror. Giornalista, irriducibile motociclista, amante dei gatti e delle orchidee.
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.
1 2 3
Go to Top