Il Futuro? Solidale…

Author

Federica Pansadoro - page 2

Federica Pansadoro has 30 articles published.

Le chiamavano “colonne sonore” Golden 70’s Franco Micalizzi e i suoi temi per cinema

in Eventi/Il Cinema/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/La Musica by
17434934_1357986480907064_6729183251872140186_o

L’Auditorium Parco della Musica, in collaborazione con il M° Franco Micalizzi, è lieto di presentare presso la Sala Petrassi di Roma, il prossimo 28 Aprile, un concerto unico e raffinato, che guarda con un filo di nostalgia e anche di ironia ai memorabili temi musicali che il celebre compositore e direttore d’orchestra ha creato negli anni ‘70 e ‘80 per tanti film di successo (Lo chiamavano Trinità – L’ultima neve di Primavera – Napoli violenta – Non c’è due senza quattro – Italia a mano armata…).

A riproporre questi temi sono per l’occasione stati chiamati molti di quei cantanti che all’epoca li eseguirono con successo, come ad esempio EDOARDO VIANELLO e WILMA GOICH (Roma parlaje tu); confermata l’adesione di una grande concertista come GILDA BUTTA’; si sono aggiunte autorevoli presenze canore che corrispondono ai nomi di VALENTINA DUCROS, MIKY INTRONA, DOUGIE MEAKIN e del tenore internazionale Gianluca Paganelli.

Considerato che i temi musicali destinati al cinema e composti da Micalizzi hanno suscitato un forte interesse perfino nel mondo dell’hip hop, che ha attinto a larghe mani nel suo repertorio musicale, campionando e rappando sulla sua musica, durante il concerto si farranno cenni anche a queste partecipazioni.

Altri ospiti a sorpresa, seduti in platea, saliranno in serata sul palco, a ricordare e raccontare pezzi di vita cinematografica del nostro Paese, a cui le Musiche del Maestro hanno fatto da indimenticabile cornice.

A sostenere il concerto, una grande orchestra dal vivo e la partecipazione come pubblico di tanti fedelissimi appassionati.

Inizio concerto: ore 21.00

 

Gaia Caramazza e Asia Neri protagoniste del progetto “ I LOVE Via Margutta”

in Eventi/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/Pianeta Donna/Uncategorized by
I LOVE 1[1884]

Serata magica in Via Margutta, con le tante iniziative del progetto “Benvenuta Primavera” ideato dalla Casa Editrice “Progetto Editoriale Editions” patrocinato dalla Regione Lazio da Roma Capitale e realizzato in collaborazione con l’Associazione Internazionale di Via Margutta.

 

Nei tantissimi appuntamenti, che si sono succeduti durante la serata, riflettori accesi su l’arte, il design, l’antiquariato e il food. Per il mondo della moda di particolare rilievo il vernissage ideato da Grazia Marino che nella sua galleria P&G Events al civico 86, ha presentato in anteprima le nuove proposte della Collezione “Petra” della design di gioielli Gaia Caramazza. Anelli, bracciali, collane, tutte creazioni handmade realizzate in bronzo e in argento abbinate alla cromaticità delle varie pietre e che vanno a completare le nuove parure che tanto successo hanno riscontrato nell’ultima edizione di AltaRoma.

 

Nuove anche le proposte moda del Brand Asia Neri by Irene Mattei, creazioni nelle quali si fondono eleganza, estro e linearità che puntano su quei dettagli che solo la tradizione artigianale sa offrire. Outfits sia d’alta moda “black&white” che della collezione, Kintsugi Collection, realizzata in tessuti naturali ed ecosostenibili come fibre di cotone 100%, mais e lino. Per l’occasione la giovane stilista senese ha creato tre “t-shirt” della collezione #ItTimeTo, dedicate a Via Margutta.

 

A completare le proposte che si sono potute vivere nella  Galleria  i Tattoo artistici ispirati alle decorazioni floreali della Primavera gli interventi “Live” di RomEur Academy; le delizie della Pasticceria Giovannetti di Roma e i vini spumanti brut dell’Azienda Vitivinicola CIU’ CIU’.

 

Grande riscontro di pubblico anche per il format fotografico “I Love Via Margutta” che “Progetto Editoriale Editions”, ha riproposto sulla storica strada, un’iniziativa che dall’estate 2016 spazia nel web, con centinaia di persone che hanno continuato a farsi fotografare con l’oramai mitico claim.  Shooting fotografico a cura di Sabrina Raschioni. gaia caramazza 5[1882] gaia caramazza 3[1880] 0 IRENE MATTEI asia neri[1871]marino - falanga[1887]

 

Il M° Sipari e gli artisti del festival Pucciniano ricevuti dal Presidente Ortega

in Eventi/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/La Musica/La Politica by
IMG_7281[1867]

Managua. “Un emozione incredibile e inaspettata” così il giovane direttore abruzzese, Jacopo Sipari di Pescasseroli, direttore principale ospite della Fondazione Festival Pucciniano commenta l’incontro personale avuto, unitamente agli artisti del Festival Pucciniano, con il Presidente della Repubblica del Nicaragua, il Comandante Daniel Ortega a conclusione della spettacolare tournée che ha visto il Festival presieduto dal maestro Alberto Veronesi conquistare ancora una volta il cuore del popolo del Nicaragua con la realizzazione delle due maestose opere di Giacomo Puccini, Tosca e Madama Butterfly presso il Teatro Nazionale Ruben Dario nel cuore della Capitale Managua.

Per il secondo anno consecutivo il maestro Sipari è stato invitato a dirigere un’opera nel Secondo Festival Pucciniano Latinoamericano creato dal progetto del direttore generale Franco Moretti, del tenore Laureano Ortega, del Console Onorario Moreno Gabrielli e del Maestro Veronesi, lo stesso che, insieme al CDA, ha confermato Sipari nel ruolo di direttore principale a Torre del Lago anche per la stagione 2017. Quest’anno Sipari ha diretto Madama Butterfly interpretata dalla nota soprano nicaraguense Elisa Picado, mentre il ruolo di Pinkerton era affidato al bravissimo tenore messicano Hector Mendoza. Lo stesso Sipari ha poi diretto due importanti concerti sinfonici nelle citta’ di Granada e Leon. Tutte le rappresentazioni sono state caratterizzate da immenso successo di pubblico e critica.

“E’ bellissimo pensare come sia possibile lavorare insieme uniti per la pace e la cultura” dice il direttore generale Franco Moretti, presidente onorario della Fondacion Incanto, al Presidente Ortega, sottolineando come il progetto della Fondazione Festival Pucciniano ormai in atto dal 2010 sia stato davvero fonte di grandissimo benessere culturale.

“L’incontro con il Presidente Ortega è stato incredibile. È difficile poter avere il privilegio di incontrare una persona così straordinaria dal punto di vista storico-sociale non solo per quanto egli abbia fatto per l’evoluzione generale del Nicaragua ma per la socialita’ stessa di tutto il centro America. Indimenticabili i suoi occhi, profondi come mai avevo visto prima. Unico il suo modo di parlare carico di un carisma fuori dall’ordinario. Un capo di Stato che non ha paura di parlare di cultura, musica e investimento nei giovani, un uomo che con coraggio sostiene un progetto culturale e sociale che negli ultimi anni ha creato un incredibile turbinio di sviluppo culturale nel paese. La mia piu’ grande riconoscenza al direttore Franco Moretti, al tenore Laureano Ortega, al Console Gabrielli e al mio Presidente Alberto Veronesi”.

Il Comandante Daniel Ortega e’ l’attuale presidente della Repubblica del Nicaragua, dopo esserlo già stato dal 10 gennaio 1985 al 25 aprile 1990, durante il governo sandinista; è entrato in carica il 10 gennaio 2007.

Sposato con la poetessa Rosario Murillo, politicamente è vicino alle posizioni di Fidel Castro e Hugo Chávez. Dirigente del partito sandinista FSLN, è stato deputato all’Assemblea Nazionale del Nicaragua.IMG_7313[1866]

 

 

Tour in Sud America per il M° Sipari di Pescasseroli e la sua orchestra

in Eventi/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/La Musica by
MADAMA BUTTERFLY

In Nicaragua dilaga la ‘Puccini mania’. Tutto esaurito il teatro di Managua
IL SUD AMERICA torna a inchinarsi a Puccini. E’ già sold out infatti per Tosca e Madama Butterfly proposte quest’anno nella seconda edizione del Festival Pucciniano dell’America latina al teatro Nazionale Ruben Dario in Nicaragua. Sul podio delle recite di Madama Butterfly e dei due concerti sinfonici nelle citta’ di Granada e Leon il direttore abruzzese, direttore principale ospite della Fondazione Festival Pucciniano, maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli. La regia è affidata a Luca Ramacciotti, profondo conoscitore della cultura giapponese che proporrà una lettura molto tradizionale del capolavoro pucciniano.
Nei ruoli principali si segnalano per il ruolo di Cio Cio San il soprano nicaraguense Elisa Picado mentre Pinkerton sarà il messicano Hector Lopez. Claudio Ottino vestirà i panni di Sharpless. Alla tournèe partecipano, oltre agli artisti solisti e musicisti dell’Orchestra del Festival Puccini, tecnici della Fondazione Festival Pucciniano che in Nicaragua ha portato anche i costumi dei due allestimenti.
Quello della Fondazione Festival Pucciniano con il Nicaragua è un sodalizio culturale nato nel 2009 grazie alla passione per l’opera di Laureano Ortega, figlio di Daniel Ortega, Presidente della Repubblica del Nicaragua,  che ha inteso dar vita ad appuntamento annuale per la messa in scena di opere e la realizzazione di concerti per la promozione dell’opera lirica e anche per dare opportunità a giovani artisti del Nicaragua di coltivare la propria passione per il canto e per la musica e che ha portato alla nascita della Fondazione culturale InCanto, dedita alla promozione dei giovani artisti.
«Un progetto che la Fondazione Festival Pucciniano ha sposato in pieno – commenta Veronesi – poiché riflette gli stessi obiettivi che perseguiamo con tenacia e impegno a Torre del Lago con il Festival dedicato a Giacomo Puccini A fianco dei giovani del Nicaragua, ho voluto Jacopo Sipari di Pescasseroli che sono certo riuscira’ insieme ai musicisti ed ai solisti, italiani e del Nicaragua, a rendere memorabile anche questa seconda edizione del Festival Puccini a Managua». Una collaborazione sostenuta anche dal console onorario del Nicaragua in Italia Moreno Gabrielli impegnato in numerosi progetti di scambi culturali ed economici tra la Toscana ed il Nicaragua che coinvolgono sia la Fondazione Festival Pucciniano che la Fondazione Carnevale.
“Sono profondamente onorato e riconoscente al Maestro Alberto Veronesi e al direttore generale Franco Moretti per questo prezioso invito in questa meravigliosa terra. Gia’ lo scorso anno con La Boheme ho potuto vivere emozioni straordinarie che non vedo l’ora di rivivere anche oggi”.
Il Maestro Sipari che e’ reduce da prestigiosi impegni con l’Opera Nazionale di Belgrado e con l’Orchestra Sinfonica della Radio e Televisone di Serbia, e’ atteso al ritorno per una prestigiosa tournee in Messico con l’Orchestra di Stato.

ALBERTO VERONESI E JACOPO SIPARI IN NICARAGUA

 

La Grande Bellezza degli Italiani, il nuovo libro della giornalista Paola Zanoni con Mario Scaffidi Abbate

in Eventi/Il Cinema/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/Pianeta Donna by
AM1X6330

Presentato con successo il 6 marzo 2017, nella piccola protomoteca del Campidoglio, “La Grande Bellezza degli Italiani”, il libro di Paola Zanoni e Mario Scaffidi Abbate edito dalla Curcio Editore.

Un viaggio dalle origini ai giorni nostri, che illustra i tratti distintivi della nazione italiana. “La grande bellezza degli Italiani” non sono soltanto i loro beni esteriori, i monumenti, i paesaggi e le opere d’arte, ma anche i loro beni interiori, i loro pregi, accanto ai quali naturalmente si collocano anche i difetti. Lo scopo del libro è quello di dare un ritratto quanto più obiettivo ed esauriente possibile di questo magnifico popolo. Ciò che colpisce degli Italiani è infatti il carattere, nel senso di indole e natura, ma anche di cuore: non c’è popolo che si distingua dagli altri quanto l’italiano per come parla, gestisce, cucina ma soprattutto per generosità, altruismo e spirito di sacrificio. Tra vizi e virtù, il quadro illustrativo che ne risulta, anche attraverso ciò che dicono di noi gli stranieri, è un’armonia di chiaroscuri dai quali deriva l’interrogativo finale: “Quanto sono felici gli italiani nella loro grande bellezza?”.

Un lavoro a quattro mani, quella della giornalista Paola Zanoni, già direttore della rivista “My Time” e condirettore del periodico di cultura “Il Conciliatore”, e di Mario Scaffidi Abbate, ordinario d’Italiano e Latino nei Licei che ha collaborato per più di vent’anni con la Rai. Non sono mancati relatori di eccellenza intervenuti alla presentazione del 6 marzo in Campidoglio: Enrico Stefàno, Vice Presidente Vicario dell’Assemblea Capitolina, Tito Lucrezio Rizzo, Consigliere titolare dell’Organo centrale di Sicurezza – Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, Arturo Diaconale, consigliere Rai, e gli attori Mita Medici e David Gramiccioli che hanno letto passi del libro.

Presenti all’evento diverse personalità illustri: le attrici Linda Battista, Ami Codovini, Luciana Frazzetto, Antonella Ponziani, Iolanda Gurrieri, Michelle Ferrua e l’attore Marco di Stefano con la coreografa Tanya Khabarova. E ancora: le stiliste Nayra Lase e Eleonora Altamore e la modella Elisabetta Viaggi; il pluricampione mondiale di apnea Stefano Makula; il prefetto del Vaticano Salvatore Festa; il marchese Luis Benigno; la dott.ssa Cescotto dell’Ambasciata del Brasile; la soprano Adriana Morelli; l’architetto Marika Bollea; l’artista Salvo Ardizzone; la scrittrice Barbara Carniti; il cardiologo Eugenio Morgia e il chirurgo plastico Daniele Spirito

 AM1X6563

AM1X6555

SpazioCima – “Tagli di luce”: il genio di Dario Argento in mostra con le foto di Franco Bellomo”

in Eventi/Il Cinema/Il Sociale/L'Arte/La Cultura/La Musica by
Tagli di luce LQ

Comunicato stampa

Franco, celebre fotografo che ha collaborato anche con Monicelli e De Sica, Fellini e Antonioni, omaggia il Maestro dell’horror italiano. Il progetto è di Claudio Lattanzi, con la cura di Roberta Cima, Giuliano Graziani.

 

Una trentina di foto di scena, scattate sui set dei film più celebri, da Profondo Rosso a La terza madre, con un approfondimento dedicato a Suspiria, in occasione dei suoi 40 anni. Fotografie immortali, ristampate su carta, che ripropongono le visioni di Dario Argento, nonché gli incubi di generazioni di italiani. Negli scatti di Franco Bellomo i punti di vista più celebri e crudi delle grandi pellicole del Maestro ridisegnano un nuovo confine tra razionale e irrazionale, paura e ossessione, finzione e paranormale.

IL VERNISSAGE – Franco Bellomo, celebre fotografo che ha collaborato anche con Monicelli e De Sica, Fellini e Antonioni, omaggia il Maestro Dario Argento. Il progetto è di Claudio Lattanzi, con la cura di Roberta Cima, Giuliano Graziani. La mostra “Tagli di luce”, presso Galleria SpazioCima (via Ombrone 9, Roma) inaugurerà il 15 marzo alle 18:30 (vernissage ad ingresso libero sino ad esaurimento posti) e sarà visitabile sino al 22, dal lunedì al venerdì, dalle ore 15:30 alle 19:30. Al vernissage interverrà non solo Dario Argento, ma anche gli attori e gli addetti del settore che hanno contribuito a scrivere una delle pagine più belle del cinema italiano.“A colloquio con il Maestro, per l’occasione, Antonio Tentori, sceneggiatore e collaboratore di Dario Argento.” 

 

I SOGGETTI – Profondo rosso (1975), Suspiria (1977), Inferno (1980), Tenebre (1982), Phenomena (1985), La terza madre (2007): questi i sei film che saranno riproposti dall’occhio artistico di Franco, con alcuni scatti storici, e tanti altri inediti. Sarà presente anche una sezione con le foto di backstage, con gli scatti “rubati” di Dario con artisti e staff.

Salvo Cagnazzo

“Trama Aurunca” …Emozioni e Creatività di un Territorio”

in Eventi/Il Sociale/L'Arte/La Cultura by
TRAMA

Museo delle Civiltà, presso il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari ospiterà dal 10 marzo al 30 aprile 2017, la Mostra “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”.

L’iniziativa ideata dalla stilista Lisa Tibaldi e realizzata in collaborazione con il Parco Naturale dei Monti Aurunci, prende ispirazione dalla magica natura della catena montuosa del Lazio meridionale, un’area naturale protetta istituita nel 1997 e situata al confine tra le province di Frosinone e Latina.

Il progetto della mostra, concepito da Lisa Tibaldi, prevede l’esposizione di una serie di creazioni di moda e di design, realizzati attraverso la lavorazione dei filamenti della “Stramma”, una tipica pianta spontanea a cespuglio frondoso presente sui Monti Aurunci dal nome scientifico “Ampelodesmos mauritanicus”, utilizzata nei secoli per gli usi più diversi, dalle corde per le imbarcazioni alla produzione di ceste e cestini, fino all’arredamento per le case di campagna.

Grazie al suo “know-how” nel campo della moda e al supporto tecnico degli artigiani del laboratorio di arti e mestieri del parco, la stilista romana tramite un percorso ben mirato, presenterà una serie di manufatti artigianali: collane, bracciali, orecchini e borse che ben si integreranno nelle varie aree del Museo delle Civiltà di Roma, uno dei Musei più esclusivi della capitale dove è possibile ammirare oggetti e testimonianze delle arti e delle tradizioni popolari che vanno dalla fine del XIX secolo alla prima metà del XX.

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso”, sosteneva Aristotele. La tradizione e la suggestione emotiva nel quale il progetto “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”, si identificherà e troverà la sua massima espressione nell’esposizione del quadro moda finale, due abiti scultura realizzati interamente in “Stramma”, due opere d’arte che avranno il privilegio di rappresentare a livello internazionale, i valori e l’essenza dell’artigianato Made in Italy.

Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”

Opening 10 Marzo 2017 – ore 17:30

Museo delle Civiltà – Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari

Piazza Guglielmo Marconi, 8/10, 00144 Roma

Ufficio Stampa: Together eventi comunicazione

Antonio Falanga togethercomunicazione@gmail.com

Pubbliche Relazioni: P&G Events

Grazia Marino info@pgevents.it

1 2 3 4 5 6

 

Adriana Soares in mostra a Roma nella sede di Banca Generali

in Eventi/Il Cinema/L'Arte/La Cultura/La Musica/Pianeta Donna by
PercorsidiASoares-678x381

“Percorsi” è la nuova esposizione di Adriana Soares, ex modella di origine brasiliana, mamma di due splendidi bambini, che ha volutamente lasciato le passarelle per dedicarsi alla famiglia e alla sua passione per la fotografia . L’esposizione si terrà nella sede romana di Banca Generali a Via Bissolati 76.  Si chiama ” Percorsi” perché la mostra tratta di due percorsi professionali , nello specifico l’incontro tra la Soares e la private banker Stefania Borrelli di Banca Generali.

Adriana Soares ( www.adrianasoares.com),  è un’artista eclettica che ha saputo sviluppare, in primo luogo con se stessa e poi con le toccanti immagini che ci propone, una crescita espressiva che colpisce inevitabilmente. Elemento di novità rispetto alla sua precedente produzione creativa, l’artista realizza per questa mostra Percorsi è una opera  dedicata alla Musica. L’immagine del Maestro Andrea Morricone ( www.andreamorricone.com) esprime in quest’opera, il suggestivo e colorato messaggio che la Musica evoca in tutti noi. L’opera “si staglia” rispetto alle precedenti più, crepuscolari ed intimiste, regalandoci un tripudio di note colorate, un inno alla vita. Banca Generali, ha subito colto le potenzialità di quest’artista e quale leader tra gli Istituti particolarmente votati al risparmio gestito, ha inteso sostenere questa iniziativa artistica. Di Stefania Borrelli , https://consulente.bancagenerali.it/web/STEFANIA.BORRELLI, parlano invece i suoi  risultati professionali, nonché quelli dell’Istituto che rappresenta, in quanto tra i tanti requisiti che connotano la professionalità di questa private banker  vi è anche  la riservatezza, un vero mantra per un Consulente finanziario di fiducia.

Molti gli invitati illustri sia del mondo dell’arte che della finanza, tra questi ultimi l’economista Fabio Verna, la giornalista Rai Antonietta Di Vizia e Cristina Mechilli, segretario generale Accademia Angelico Costantiniana(www.accademiacostantiniana.com). Ospite d’onore della serata inaugurale sarà il Maestro Andrea Morricone. ” Percorsi” sarà visitabile fino al 30 maggio 2017

A-515886-1359277537-2436_jpeg

11159498_586545664820605_5858437275454098550_n

16640545_1280424868687971_1877841868100192929_n

.

Urban Mission Training, il 4 marzo a Roma

in Eventi/Il Sociale/La Cultura/Pianeta Donna/Uncategorized by
Urban-Mission-Trining-Roma-piazza-del-Popolo

Dopo il grande successo dell’anteprima mondiale, lo scorso 18 dicembre, “Urban Mission Training”, il primo fitness tour itinerante che consente di allenarsi tra i luoghi più belli della città, torna nella Capitale con un nuovo ed eccitante percorso: dal Circo Massimo attraverserà il Parco della Caffarella, toccando il Colosseo, via dei Fori imperiali, piazza Venezia, piazza Navona, Campo dei Fiori, il Teatro Marcello, il Giardino degli Aranci, per concludersi al punto di partenza.
“Lo sport dà alla vita un maggiore equilibrio psicofisico e l’arricchisce di serenità e coraggio”
Così Gabriella Dorio, l’atleta italiana medaglia d’oro nei 1500 metri piani alle Olimpiadi di Los
Angeles ’84, definisce l’attività sportiva. Parole fatte proprie da “Urban Mission Training”, il fitness tour
mondiale organizzato da Plank-on!, l’azienda americana di abbigliamento sportivo con produzione
rigorosamente made in Italy.
Dopo l’esordio del 18 dicembre e la seconda tappa a Napoli il 12 febbraio, il tour torna nella capitale il
4 marzo, con partenza alle ore 9.30 dal Circo Massimo, per attraversare di corsa i luoghi più belli e suggestivi
del centro storico, sposando l’attività fisica alla contemplazione delle incomparabili bellezze artistiche della
città.
“Urban Mission Training” è il primo evento itinerante al mondo di fitness all’aria aperta. Un insieme di
attività sportive con diversi livelli di esercizio, praticabili da tutti per mantenere la forma fisica, che dopo
Roma e Napoli proseguirà a New York, Nizza, Vancouver, San Francisco e molte altre città del mondo. Ciò che
fa di “Urban Mission Training” un evento inedito è il fatto di svolgersi per le vie cittadine, secondo itinerari
prestabiliti che attraversano luoghi di grande interesse artistico e architettonico.
Il tour del 4 marzo toccherà alcuni fra i più bei luoghi di Roma, quelli che tutto il mondo conosce e ammira,
per una durata di circa 90 minuti. Dopo la partenza dal Circo Massimo, i partecipanti attraverseranno il Parco
della Caffarella, toccando poi il Colosseo, via dei Fori imperiali, piazza Venezia, piazza Navona, Campo dei
Fiori, il Teatro Marcello, il Giardino degli Aranci, per ritornare infine al Circo Massimo.
“Urban Mission Training – dichiara Gianluca Petrai, Sales Manager and Development di Plank-on e personal
trainer UMT – È nato con l’idea di portare nel mondo la nostra passione per lo sport, la nostra filosofia di vita…..e
non a caso ”believe in your core™” è parte del nostro logo, perché solo credendo in te stesso potrai raggiungere i
tuoi obiettivi e non solo nello sport. La vita ci riserva molte sfide e bisogna affrontarle con la giusta
determinazione, la stessa che necessita qualsiasi tipo di allenamento. Plank-on! UMT vuole portare nel mondo
proprio questa filosofia e far vedere con occhi diversi le bellezze che ci circondano che spesso non ammiriamo nel
giusto modo. Tutto al ritmo della bella musica che scandisce i nostri momenti piu belli. Enjoy your
training….believe in your core!
FARE SPORT CON L’ALLENAMENTO A INTERVALLI AD ALTA INTENSITÀ”.
“Urban Mission Training” è il nuovo allenamento urbano che fa il giro del mondo nelle più belle e caratteristiche
città e consiste in un insieme di tecniche studiate per consentire agli sportivi di raggiungere il proprio obiettivo
partendo dal concetto base che lo sport è salute. Una di queste tecniche è l’ High Intensity Interval Training
(HIIT), traducibile in italiano come “allenamento a intervalli ad alta intensità”, una metodologia di allenamento
che alterna periodi brevi ad alta intensità di lavoro con periodi di recupero attivo in cui si svolgono esercizi blandi.
Il percorso romano di “Urban Mission Training” è di 9 km e abbina la corsa alla camminata veloce, sfruttando i
benefici degli allenamenti intervallati che hanno la caratteristica di agire sulla massa grassa, agli esercizi specifici
svolti in tre distinte stazioni a intensità graduale: si raggiunge la prima stazione fissa di Body Wake con esercizi
mirati al risveglio muscolare e alla preparazione del corpo in vista della stazione successiva, UrbanFeptyBand in
cui si utilizzano innovative bende per lavorare sulla mobilità articolare e sulla flessibilità per ripartire e raggiungere
la terza stazione di 3Kamp, un insieme di esercizi funzionali studiati per potenziare e aumentare la prestazione
fisica.
Il format “Urban Mission Training” è adatto agli sportivi e l’allenamento che si esegue presso le stazioni fisse, pur
essendo intenso, è adattabile alla propria preparazione e al proprio stato fisico.
I tre trainer di “Urban Mission Training” sono sempre presenti per seguire i partecipanti e correggerli
nell’esecuzione degli esercizi, dando anche preziosi consigli sulla nutrizione più adatta per sostenere
opportunamente il corpo durante l’allenamento.
Partecipare a “Urban Mission Training” è un’esperienza di allenamento unica; chi lo ha provato ne ha
confermato i benefici sia dal punto di vista fisico che emozionale ed energetico, due aspetti fondamentali nello sport,
che richiede di credere in se stessi per spingersi oltre i propri limiti e raggiungere un risultato.
Per iscriversi a “Urban Mission Training” basta collegarsi al sito www.plank-on.com, sezione UMT, selezionare
il luogo preferito e la data, quindi acquistare il biglietto al costo di 15 euro oppure pre-registrarsi scrivendo a
info@plank-on.com e pagare sul posto. Per i tour che si svolgono all’estero sono disponibili dei pacchetti viaggio
tramite l’agenzia convenzionata Plank-on!
SOLIDARIETA’ PER COMBATTERE LA VIOLENZA SULLE DONNE E IMPEGNO PER
L’AUTISMO
Sempre in tema sociale, al tour romano parteciperanno le attrici che hanno posato per le fotografie della mostra “No
Violence” di Michele Simolo, contro la violenza sulle donne. Un modo per contribuire a stigmatizzare questo
drammatico fenomeno.
E solidarietà rinnovata anche per la Onlus “Divento Grande” – che si occupa della inclusione sociale di bambini e
ragazzi autisti – alla quale sarà devoluto parte del ricavato dell’evento.
Plank-on! (Maple Tree Ln, Sparta – NJ, Usa) è un’azienda americana produttrice di abbigliamento sportivo
rigorosamente “made in Italy”. Con il claim “Believe in your core” dichiara le proprie radici che affondano nella
passione per lo sport fatto di impegno e dedizione.
Ufficio Stampa  Rossana Tosto

redazione@rossanatotosto.com

 

Plank-onUrbanMissionTrainingWorldwideTour2017

Passioni d’opera

in Eventi/L'Arte/La Cultura/La Musica by
danza

Un bel dì vedremo. Levarsi un fil di fumo…”

Parafrasando una delle arie più note e poetiche del repertorio lirico italiano, anche noi “un bel dì vedremo” uno spettacolo di grande fascino culturale, in cui lirica e danza si fondono in un unico linguaggio teatrale per raccontare i sentimenti attraverso il bel canto e il movimento del corpo.

Nel suggestivo spazio del Teatro di Documenti, nel quartiere Testaccio a Roma, sabato 4 marzo alle ore 20.45 e domenica 5 marzo alle ore 18.00, va in scena Passioni d’Opera” – Le più belle pagine operistiche dedicate all‘amore – per la regia e le coreografie di Anna Cuocolo. Un recital appassionato e appassionante, un viaggio musicale nei sentimenti che agitano l‘animo umano. Da “Madama Butterfly” di Puccini alla “Traviata” di Verdi, da “L’elisir d’amore” di Donizetti alla “Norma” di Bellini, dalla “Cavalleria rusticana” di Mascagni al “Don Giovanni” di Mozart, alla “Carmen” di Bizet e molto altro ancora.

Le arie saranno interpretate dalle voci di Marta Bianco, Elena Nicotera, Angela Romeo, Francesca Soriano, Raffaele Tassone, Matteo Torcaso, allievi del Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia, con la partecipazione straordinaria del soprano Alessandra Rezza. Ad accompagnarli al pianoforte, il Maestro Antonio Condino. La progettazione e la realizzazione dei costumi è stata curata dagli allievi della Accademia di Belle Arti di Frosinone. I testi di Anna Ceravolo che fanno da raccordo tra un brano e l’altro delle opere liriche sono interpretati da Pacifica Artuso, mentre l’allestimento e i costumi sono affidati a Carla Ceravolo.

L’ideazione e la regia dell’intero spettacolo sono opera di Anna Cuocolo, che ha curato anche le coreografie dei balletti. Sul palco, infatti, oltre alla voce e alla musica, sarà protagonista la danza, con i ballerini del corso di Perfezionamento Professionale dell’Associazione Italiana DanzatoriMiBACT, che interpretano con mirabile grazia la potenza delle passioni.

Le note di regia, firmate da Anna Cuocolo, spiegano bene lo spirito che anima l’iniziativa: “Le passioni umane, parte di una dimensione divina, che si raccontano e si elaborano attraverso la ricerca interiore del personaggio dell’Opera, creando un ponte emotivo con chi ascolta e guarda la scena teatrale. Gli stati d’animo si scandagliano e si proiettano sullo spettatore con il gesto che diventa conseguenza dei moti dell’anima e il corpo ne amplifica l’espressione”.

L’idea progettuale nasce proprio dalla volontà di portare all’attenzione del pubblico il nuovo linguaggio espressivo degli interpreti attraverso il multi-language e il body-language, che più facilmente permette allo spettatore di entrare in comunione con le dinamiche emotive dell’opera.

“Passioni d’Opera” è prodotto dal Conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia, dal Teatro di Documenti di Roma e dall’Associazione Italiana Danzatori. Arie memorabili che rappresentano lo specchio di sentimenti ed emozioni che accompagnano l’essere umano e che, oggi come ieri, sono incredibilmente e quanto mai vive e attuali.

Immagine incorporata 2

Anna Cuocolo è definita dalla critica internazionale “coreografa di tendenza spiritualista”. Ha studiato pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, quindi danza presso l’Accademia Nazionale di Danza e sceneggiatura cinematografica con autentici maestri come Age e Suso Cecchi D’Amico. Attualmente è docente di Arte Scenica presso il Conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia.

Al suo attivo ha numerosi incarichi in ambito cinematografico, tra cui “Il cuore altrove” e “Gli amici del bar Margherita” nel ruolo di assistente alla regia di Pupi Avati.

Ha portato le sue coreografie in molti teatri italiani e festival internazionali. E’ stata invitata a creare per Sua Santità Giovanni Paolo II una coreografia in occasione del quarto centenario della morte di San Filippo Neri, interpretata da Toni Candeloro. Ha ricevuto numerosi premi alla carriera, tra cui il “Premio Positano “Leonid Massine” 2003 per l’Arte della Danza.

Go to Top