Il Futuro? Solidale…

andrea-scanzi-salvini-di-maio

Andrea Scanzi, a Salvini e Di Maio dico che… il Salvimaio for Dummies

in Alberto Marolda Blog/Eventi/La Politica/Ultimi Pubblicati by

Scanzi… Salvini, Di Maio, il Governo, l’Italia… il Salvimaio, come finirà?

Guardiamo nella Palla di Vetro con Andrea Scanzi prima del suo prossimo Spettacolo a Breno (Bs)

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Scanzi, una “Mente bollente” come qualcuno lo definisce, un piacere incontrarlo, vieppiù se poi lo si fa, trovandolo bello carico, nell’imminenza di uno spettacolo con annessa presentazione di libro. Preparatevi le papille alla massa di stimoli che ne verranno fuori…

AM: Ciao Andrea, ben ritrovato davanti ai nostri microfoni, per noi è sempre un grande piacere ragionare con te sull’attualità, argomento in grado di fornirci continui motivi per farlo, e se è con una “Mente bollente”, meglio ancora, no?

AS: Vai vai, parti, non servono convenevoli, ci conosciamo… gettiamo i contendenti nell’Arena…

…sempre essenziale l’uomo… bene, partiamo allora, gettiamoli davvero nell’Arena…

AM: Dal Renzusconi al Salvimaio è un salto carpiato, o c’è un flusso continuo?

… sorride sornione, e parte veloce…

AS: Ah non saprei, è stato scelto dall’elettorato, la maggioranza degli italiani ha scelto di saltare nel buio, nel senso che il ragionamento è stato, i politici professionisti hanno sbagliato, di loro non ci fidiamo più, allora affidiamoci a quelli che non hanno mai governato, nel caso più specifico ai 5 Stelle, quelli rigidi, o a quelli che sembrano un po più nuovi degli altri, la Lega… è sicuramente un fallimento della Politica Professionista, ed è la dimostrazione che il 4 Marzo 2018, si è preferito un vero salto nel buio, piuttosto che tornare indietro ed affidarsi a “quelli di prima”… allo stato attuale, non so dirti se sia stato meglio o peggio, diciamo che è ancora troppo presto per decidere, se vuoi una mia valutazione, sta sul cinque e mezzo, sei menomeno…

… il “menomeno” è detto con una smorfia… ma il ghiaccio è rotto, andiamo avanti… incalziamo…

AM: Senti ma questa coabitazione di due spiriti così differenti, Salvini e Di Maio, Lega e Cinque Stelle, con un Salvini in perenne campagna elettorale… io ho fatto il calcolo, la Gabanelli prima di me, di quanti giorni il “Verdone” si dedica a fare il Ministro degli Interni, e sono pochissimi, il vero Ministro è Piantedosi, il sottosegretario…

Qui sembra un gatto con un topo bello ciccio davanti… risponde subito…

AS: Senza dubbio, almeno per quanto riguarda la presenza al Viminale, lui è perennemente in giro a fare Campagna per la Lega… d’altronde è bravo in questo, ha esperienza da vendere, è mediaticamente bravo, nella gestione dei social è il più bravo di tutti, ed è dovuto prevalentemente a questo, il motivo per cui i sondaggi oggi lo danno al 30%, una cifra onestamente spaventosa… ed è anche per questo che nel mio libro nuovo, lo chiamo “il Furbo”, lui è uno dei più scaltri nella gestione della comunicazione con gli elettori di qualunque strato sociale siano… ho la sensazione che questa coabitazione forzata tra Lega e Cinque Stelle, sia già arrivata alla fine, perché non si sopportano, sono troppo differenti, la pensano troppo diversamente, ed il comportamento di Salvini accentua le differenze… basterebbe ricordarsi cosa dicevano poco più di un anno fa, l’uno dell’altro, e secondo me un obiettivo possibile di Di Maio, oggi, è anche la spaccatura… dalla “Via della Seta” in poi, la misura è ormai colma, la saturazione è raggiunta, lo vedi come reagisce ogni volta agli attacchi di Salvini?

AM: Beh, forse se però… possiamo dire che quando due fanno a botte chi tira il primo pugno è in vantaggio? E quindi possiamo dire che Di Maio, lo ha fatto tirare sicuramente prima a Salvini ed oggi deve rincorrere?

… fa una pausa, mi guarda con attenzione…

AS: E’ vero, quello che dici è vero, ma ci sono due cose da aggiungere, la prima è che Salvini è molto più politico di Di Maio, più scafato, più smaliziato e quindi non mi stupisce che il primo pugno sia stato suo, questo gli va riconosciuto, d’altra parte nella vita ha fatto solo il politico quindi ha venti, venticinque anni di vantaggio rispetto Luigi, non sono cose queste che possano essere prese sotto gamba, e quindi era davvero avventato aspettarsi altro… altra cosa è che Di Maio ed i Cinque Stelle devono stare molto attenti ad inseguirlo sullo stesso campo, ora, se ti metti a fare la gara al proclama, o allo slogan, lui è senz’altro più bravo e diretto… temo che sia il Paese a perdere… guarda, è un po quello che dice Marco Travaglio, in maniera certo più brutale, e nello spettacolo lo cito, se fai la gara di rutti con Salvini, vince lui, è sicuramente il più bravo di tutti… non per niente, al Fatto Quotidiano, lo chiamiamo il “Cazzaro Verde”… detto questo però, il fatto che Di Maio abbia finalmente iniziato a mettere i puntini sulle “I”, sui temi Etici, su quelli Economici, o su quelli Sociali, mi sembra una cosa positiva, come è positivo, e dobbiamo sottolinearlo, il fatto che lui abbia spiegato al “Verdone” ed ai suoi, che se va avanti questa Guerra in Libia, e ti arrivano 800 mila persone, puoi fare quello che vuoi, ma quelli entrano comunque e forse è meglio pensarci e decidere prima…

AM: non solo ma a quel punto sono persone che scappano da una Guerra, mica puoi rifiutarli…

AS: infatti, non sono “Rifugiati Economici” ma “Profughi di Guerra” devi accoglierli, devi risolvere i loro reali e gravi problemi di sopravvivenza fisica, mi sembra ovvio, la Comunità internazionale ci salterebbe alla gola altrimenti… a noi? Beh, a Salvini, tutto sommato, non sarebbe meglio? 

Si ferma, sorseggia una bibita, prende fiato per l’ultimo attacco… siamo pronti, di paglia da bruciare c’è n’è parecchia, dobbiamo ancora parlare del Mondo dell’Informazione, della Sinistra di Zingaretti, e del mito “Dibba”, al secolo Alessandro di Battista, ma ci fermiamo, ci viene in mente che se vi raccontiamo tutto lo Scanzi pensiero prima dello Spettacolo, voi poi, che ci andate a fare? 

Allora, facciamo cosi, noi ora registriamo il resto dell’Intervista, poi ci incontriamo tutti fra due giorni, il 16, a Breno (Bs), per gustarci lo spettacolo e dopo ci risintonizziamo sulle nostre colonne per gli schiaffi finali, perché Andrea Scanzi, sicuro, mica le manda a dire, nono, lui te le spara direttamente in faccia!!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from Alberto Marolda Blog

Go to Top