Il Futuro? Solidale…

Andrea Carri: pedala piano ma al piano va forte

Andrea Carri: pedala piano ma al piano va forte

in La Musica/Simonetta Santamaria Blog by

Ha inventato il pianoforte a tre ruote per portare la musica alla gente

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

A vederlo sembra il figlio che tutte le mamme vorrebbero avere, e anche il fidanzato che molte ragazze vorrebbero avere. Bello, col suo borsalino sempre calcato in testa; simpatico, con un sorriso che scioglie anche le anime più fredde. Talentuoso, che sprigiona musica dalle dita, con la stessa energia con cui Darth Sidious spara le sue saette. Sto parlando di Andrea Carri, il giovane pianista emiliano che sta facendo tanta strada suonando… e pedalando. Curioso vero?
Ho avuto il privilegio di ascoltarlo in concerto e oggi nella mia musicoteca ci sono tutti i suoi album. È stato un vero e proprio rapimento dei sensi, ecco perché voglio raccontarvi un po’ della sua storia: il resto ce lo dirà lui.
La sua passione – perché proprio di passione si tratta – per il pianoforte nasce agli albori, in una casa dove gruppi come i Genesis erano il pane quotidiano e Tony Banks deliziava i cuori e intanto gli plasmava la mente con i suoi assolo di Firth of Fifth e The Cinema Show. Ha iniziato a suonare a 6 anni e da allora non ha mai smesso.

– Ingegnere ambientale per lavoro, pianista per vocazione. Hai scelto di non seguire il percorso del Conservatorio ma quello della genialità, senza gabbie, senza cliché. Il Cammino dell’Arte, potremmo dire, o piuttosto consapevolezza che in Italia campare d’arte è pressoché utopistico?
AC: Più o meno entrambe le cose. In primis, cercavo una forma artistica che mi consentisse una totale libertà, lontano dalla logica del guadagno e del dover scrivere e produrre a tutti i costi. Non credo che campare d’arte sia utopistico, ma sicuramente ti costringe a compromessi. Compromessi che a volte ti portano ad odiare quello che stai facendo. Io non volevo che questo accadesse: voglio essere libero di suonare quando ho qualcosa da dire e quando mi comporta piacere, senza doverlo fare “per forza” sempre. Inoltre trovo che il Conservatorio dia una buona preparazione su alcuni ambiti musicali, mentre sia estremamente carente sotto altri aspetti. Io ho scelto il cammino che più mi interessava e stimolava, fatto di una grande esperienza live e tanti anni di gavetta. E devo dire che sono soddisfatto del percorso intrapreso, anche se invidio alcuni colleghi per la loro sicuramente maggiore preparazione tecnica.

La sua musica è di stile neoclassico, sulla scia di Ludovico Einaudi a cui Andrea si è molto ispirato nei primi anni del suo percorso artistico, per poi via via ricercare un suo stile che lui ama definire “autobiografico”: racconta sensazioni, fotografa momenti e li traduce in note. E preferisce pubblicarli in un tempo non troppo lontano dal momento stesso, perché il suo tempo è il presente.

– Come nasce un brano di Andrea Carri? Quali sono le dinamiche che danno vita alle tue creature?
AC: Ogni brano ha una storia a sé stante e parte da sensazioni, immagini, attimi che per un qualunque motivo mi catturano. È veramente complesso spiegare quello che accade… di certo posso dire che trovo molto difficile e forzato comporre quando non ho nulla da esprimere, ed il risultato in quel caso non mi soddisfa mai. Superato il primo ostacolo, quello istantaneo dell’idea nuda e pura, iniziamo mesi di affinamento e cura dell’arrangiamento. Quando inizio ad avere diverse storie nel cassetto, sufficienti per dare vita ad un album, cerco di creare un sound coerente e possibilmente uniforme, con il quale entro in studio di registrazione. Il percorso descritto è piuttosto lungo: mentre per l’idea base a volte mi occorrono anche solo 10 minuti, il completamento della stessa è frutto di diversi mesi. Di certo, quello che esce dal mio pianoforte mi riguarda sempre molto strettamente e racconta un periodo della mia vita.

E ora parliamo del singolare progetto che da circa un anno a questa parte gli sta rinforzando quadricipiti e polpacci, muscoli che con un pianista avrebbero in teoria ben poco a che vedere: Pedala Piano. Insieme con Daniele Leoni e Francesco Mantovani, anche loro pianisti, ha progettato una sorta di triciclo – verde come dovrebbe essere la natura – su cui è montato un pianoforte, e finanziato con il crowfunding attraverso MusicRaiser: oggi con quello girano per l’Emilia (ma non solo) per portare la musica alla gente. E la gente è felice di ascoltare un pianista di strada che gli arriva sotto casa, perché la musica ha anche questo magico potere.
Si muovono almeno in due per volta, i loro concerti si svolgono a tappe: quattro o cinque di una mezz’ora ciascuna e poi via verso una nuova piazza. La formula sta riscuotendo un enorme successo e ora li vogliono dappertutto.

– Nomen omen: Carri. C’erano delle ruote nel tuo destino. Com’è suonare per le strade in sella a una bici a tre ruote? Stare tra il pubblico, a contatto con la gente, è di certo emozionante ma rispetto al palcoscenico e un pianoforte a coda?
AC: È completamente diverso, ma non per questo privo di emozioni. Un palco ed un pianoforte a coda ti permettono di suonare un certo tipo di brani, creare di conseguenza un’atmosfera più intima e riflessiva, fatta anche di respiri e silenzi, in un luogo in cui il pubblico è lì per te. Suonare in mezzo alle strade invece ti porta in un qualcosa di completamente diverso, che sicuramente rappresenta un’ottima palestra. La gente infatti incrocia per caso le tue note e tu devi essere in grado di catturarli: a mio parere i feedback che si ricevono in strada sono di fondamentale importanza! In ogni caso, amo entrambe le situazioni, che mi regalano grandi emozioni!

Ha all’attivo quattro album da solista: Partire, Stanze Segrete, Metamorfosi e Chronos. E il quinto è in arrivo a fine aprile. Si chiamerà Shadows ed è prodotto dalla Memory Recordings di Fabrizio Paterlini. La novità sarà rappresentata dalla compresenza del batterista/percussionista Francesco Camminati. Nuove sonorità quindi…

– Shadows sembra voler disegnare una svolta nel tuo modo di fare musica: esigenza evolutiva, metamorfosi (giusto per citare un tuo album) o semplicemente istinto?
AC: Direi tutte e tre le cose insieme. Shadows nasce quasi per caso, così come l’idea di coinvolgere la batteria. Infatti un locale nel quale mi esibisco regolarmente mi chiese di preparare un duetto per la stagione estiva. Prendendo al balzo le loro esigenze, decisi di sperimentare e, anziché coinvolgere un cantante o un violinista, come si fa di solito dalle mie parti, mi sono buttato sulle percussioni di Francesco, perché a mio parere poteva nascere qualcosa di interessante. Le prime date sono subito andate benissimo, suscitando un buon interesse. Il naturale passo successivo è stato quello di iniziare a scrivere qualcosa insieme. E l’occasione si è presentata al momento giusto, in quanto sentivo che era giunto il momento di cambiare, di evolvermi verso un sound diverso, più ritmico e movimentato, senza però perdere gli elementi che mi hanno sempre contraddistinto. La direzione presa credo sia quella giusta e i concerti di presentazione del disco fatti fino ad oggi sembrano confermare tutto questo.

Aspettiamo Shadows, dunque. E sulle note di Universal Gravitation, uno dei brani dell’album che vi facciamo ascoltare in anteprima, facciamo un grande in bocca al lupo ad Andrea e ai suoi colleghi. Pedalerete pure Piano, ragazzi, ma andate davvero Forte.

Andrea Carri Official

Simonetta Santamaria, scrittrice di thriller e horror. Giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa…)
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Vuoi usare un Bonifico? Chiedici l’IBAN con una Mail.

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from La Musica

COMUNICATI_STAMPA

Madonna, fate luce!

Concerto di beneficenza a favore della scuola della Pace di Napoli L’INTERO
Go to Top