Il Futuro? Solidale…

Monthly archive

maggio 2020

CALCIO in provincia di Bergamo, il paese “dipinto”,

in Lucilla Corioni Blog/Ultimi Pubblicati by
CALCIO- 720 x 379

Calcio trova un modo per rispondere alla crisi del turismo internazionale e della cultura, con l’arte di strada e le opere murali degli illustratori senza tempo.

Una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto.

Un Articolo di Lucilla Corioni
Un Articolo di Lucilla Corioni

Spesso si sente parlare dei “paesi dipinti”, borghi in cui artisti più o meno famosi hanno lasciato le loro opere sui muri di case, palazzi, monumenti.

Uno di questi è Calcio, in provincia di Bergamo, sulle rive del fiume Oglio, equidistante sia da Bergamo sia da Crema e da Brescia, una meta ideale per una giornata o un weekend diverso, magari vicino a casa. I pittori e gli artisti di Calcio sono forse stati i più genuini interpreti della Storia del loro paese e delle tradizioni della loro comunità, rievocando momenti legati alla profonda religiosità e alle tradizioni dei loro avi; anche gli altri – se pur “non autoctoni” – ne hanno colto gli aspetti più significativi.

Con un’originale idea, l’Amministrazione Comunale ha deciso di trasformare le vie e le piazze di Calcio in una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto visitabile in autonomia e in piena sicurezza durante questo periodo particolare.                                                                                                                                                                                                                                    In questa esposizione – composta da quarantasette Murales – realizzati sia da artisti di calibro nazionale che internazionale (Bodini, Faini, Repossi, Migliaccio, Longaretti, Dragoni, Boni, Baggi, Gritti) sia da Accademie delle Belle Arti (Barcellona, Brescia, Sassari, Brera, Birmingham, Vienna) sia da pittori calcensi, parte dominante ha la storia di Calcio, il suo territorio e la sua gente; dai pastori che svernano lungo le rive dell’Oglio alla vita agricola e rurale, dalla processione del Santo Patrono alla costruzione del primo ponte sul fiume, da Regina della Scala al passaggio della ferrovia e dai mulini alle prime illuminazioni a petrolio, ci sono opere in ceramica e in legno, ma soprattutto colpiscono i giganteschi dipinti sui muri che vivacizzano le strade del centro; opere di accademie delle belle arti italiane ed europee e di artisti noti e meno noti provenienti da tutta Italia. Il comune di Calcio fa parte dell’ASSIPAD (Associazione Italiana Paesi Dipinti) e l’iniziativa è stata sostenuta da Mario Ragno Assicurazioni.

https://www.comune.calcio.bg.it

Ufficio Stampa a cura di LC Comunicazione tel. +39333 7695979

contatti.lccomunicazione@gmail.com

www.lccomunicazione@gmail.com

Sponsor ufficiale Mario Ragno Assicurazioni

 

 


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Marco Campus: lo stile delle grandi dive

in Gabriella Chiarappa Blog/Ultimi Pubblicati by
IMG-20191030-WA0226

Marco Campus è un fashion designer di 23 anni, originario di Sassari, un giovane talento che non si è mai arreso, per seguire il suo grande sogno quello di diventare un fashion designer a tutti gli effetti. Nonostante la difficoltà in questo settore non ha mai smesso di esternare la sua creatività e la sua grande passione, due elementi fondamentali per chi vuole perseguire un cammino nel mondo del fashion. L’amore incondizionato per la moda nasce per Marco da bambino, un’arte che ha ereditato dalla nonna paterna e che ha espresso a pieno ritmo nel andare degli anni, grazie al fatto di essere cresciuto in un ambiente sartoriale. Il suo percorso creativo nel passare del tempo ha trovato il giusto supporto attraverso la conoscenza di Antonella Fini, stilista conterranea che ha creduto da sempre nelle sue capacità e nella sua determinazione. Le sue fonti d’ispirazione possono essere varie, l’importante è dare libero sfogo alla fantasia, fondamentale per Lui la ricerca del dettaglio, che esprime più volte con l’inserimento di pizzi e bottoni gioiello.   Dietro ogni sua creazione si nasconde un lavoro di grande abilità e studio approfondito sul tema della collezione.

Il giovane designer adora viaggiare nel tempo, ispirandosi alle grandi dive di hollywood, come: Marilyn Monroe, Jacqueline Kennedy Onassis, Katherine Hepburn.

Donne diverse tra loro ma accomunate da uno stesso destino, quello di icone senza tempo con il pedigree del fascino eterno.

Loro sono fonti di ispirazione per Il giovane designer, semplicemente perché il loro fascino le ha rese immortali, ed ancor oggi sono icone di stile a cui far riferimento, magnifiche donne che continuano a farci sognare indipendentemente da mode e tendenze, motivo per cui sono punti di riferimento e muse ispiratrici per lo stilista.

Marco nel suo lavoro cerca sempre di identificare la tendenza, lo stile del momento e il trend della stagione. Uno stilista che ha come principale obiettivo, quello di creare abiti che non vogliono essere identificati ad un preciso momento storico, ma in realtà vogliono rispecchiare la femminilità di donna che non ha tempo, ne età, ma solo un ineguagliabile eleganza.  

G.L.

Intervista a Tommaso Fichele che esce con “Ancora e Ancora”

in Uncategorized by
TOMMASO FICHELE 720 X 379

Tommaso Fichele interprete impegnato e sensibile si colloca nell’ambito della “canzone civile”.

Un brano crudo e pieno di poesia.

Classe 1984, Tommaso Fichele ha iniziato la sua carriera artistica in teatro; è stato interprete in vari musical e spettacoli teatrali come canta-attore e nel 2012 è approdato, dopo aver girato i più famosi teatri italiani e l’Europa, in America.

Insegnante di canto, teatro e musical presso Accademia dello Spettacolo e Musical di Baronissi (Sa), è stato membro presso la giuria del Festival di Castrocaro, Vocalist presso Studi RAI, Speaker Radiofonico e Talent Scout presso Radio CRC.
Ha partecipato a programmi Mediaset e Rai (“Amici di Maria de Filippi”, “I raccomandati” con i Neri per Caso…. Ecc)

Ha ricevuto, tra gli altri riconoscimenti importanti, riceve il Premio della Critica al Festival di Napoli 2017 New Generation.

Un Articolo di Lucilla Corioni
Un Articolo di Lucilla Corioni

Buongiorno Tommaso, come prima cosa vorrei sapere l’impatto che ha avuto Napoli sulla sua crescita artistica.

Fondamentale sia per la crescita artistica che personale. Svegliarsi tra i colori, i profumi, i “rumori” e la gente di Napoli cambierebbe la vita a chiunque. Senza Napoli forse avrei fatto altro nella vita.

Come lavora di solito in fase di creazione dei brani?

Non ho una linea guida precisa, di solito vengono quando meno te lo aspetti nei momenti peggiori ti salta fuori il brano perfetto.

A quali tematiche è più legato e per quale motivo? Quali predilige più di altre?

Le tematiche sociali sono tra le mie preferite, come nel caso di Ancora e Ancora scritto da Mikele Buonocore e prodotto ed arrangiato da Ennio Mirra di #evergreen Musica Senza Tempo, ma gli intramontabili temi come l’amore sono sempre ben accetti. Importante è restare se stessi e trovare il modo giusto per far arrivare al pubblico il messaggio del brano.

Qual’è il ricordo più bello delle sue esperienze passate? Ritiene che queste l’abbiano aiutata a crescere come artista?

Noi siamo come una valigia che deve essere sempre riempita per fare il nostro più bel viaggio chiamato vita. Non ci sono esperienze di serie a e serie b perché tutte sono importanti e lasciano un segno nel nostro percorso. Le esperienze passate formano una persona e di conseguenza ne caratterizzano il lato artistico.

Il tema centrale del suo ultimo singolo “Ancora e Ancora” è la condizione della donna al giorno d’oggi. Come pensa si possa raggiungere una piena parità di diritti e comportamenti per entrambi i sessi con il passare degli anni?

Ancora e Ancora è un grido di speranza che tratta un tema purtroppo ancora attuale.
La cosa più difficile è far capire ad alcune “persone” il vero significato del termine “rispetto”. Ma è un discorso davvero complesso nella nostra società attuale ma se combattiamo tutti forse un risultato arriverà.
Una soluzione potrà esserci se si iniziasse a dare importanza a 2 punti fondamentali.
1 Garantire alla vittima una reale tutela, un reintegro sociale e sbocchi nel mondo del lavoro.
2 Pene più severe per il carnefice senza attenuanti.
Solo così si invoglierà a denunciare e forse qualcosa potrà cambiare.

Quali progetti ha per il futuro? Ha già in cantiere qualcosa di nuovo?

Con l’etichetta #evergreen stiamo lavorando al prossimo brano e poi chissà, spero il prima possibile, di riuscire nuovamente a lavorare in teatro, perché il contatto col pubblico manca come l’aria.

&nbsp

 

 


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Mario Dice lancia un appello con: #weworkalltogether

in Gabriella Chiarappa Blog/Ultimi Pubblicati by
PHOTO-2020-04-30-11-03-15-1

#WEWORKALLTOGETHER

E’ nei momenti difficili come quello che stiamo vivendo adesso,
Che l’unione che fa davvero la forza e la differenza.
Ne è convinto Mario Dice, che lancia l’appello
#weworkalltogether: un progetto che vede coinvolte le persone
con cui ha condiviso momenti belli e che lo seguono dai suoi inizi.
Designer, stylist, giornalisti, attori, cantanti, artisti, personaggi
dello spettacolo…tutti coloro che conoscono e amano Mario e la
sua filosofia: in poche parole, gli amici.
“Il medico di famiglia è una persona che fin da piccoli segue
Passo dopo passo ognuno di noi: ci insegnano a fidarci di lui, lo
Chiamiamo quando non ci sentiamo bene e abbiamo bisogno delle
Sue cure.” afferma lo stilista “Ora è il nostro turno: siamo noi ora
Che dobbiamo stare vicini a medici e infermieri, ma anche ai
Loro cari, diventando noi la loro grande famiglia. Aiutiamo chi ci
Aiuta!”
Gli amici di Mario riceveranno una t-shirt a testa che dovranno
personalizzare con una frase, un disegno o semplicemente una
firma dando vita ad una capsule di pezzi unici grazie alla creatività
Di chi vorrà rispondere all’appello di Mario.
Nel rispetto della tradizione e della sartorialità italiana che da
Sempre contraddistingue il brand, Mario ha affidato la produzione
Delle t-shirt a un piccolo laboratorio in Lombardia: mai come ora è
Importante sostenerci a vicenda.
Ogni t-shirt verrà successivamente messa all’asta sulla piattaforma
Charity Stars www.charitystars.com nella giornata di Martedì 21
Maggio: il ricavato verrà devoluto totalmente al fondo istituito
dalla Protezione Civile per le famiglie degli operatori sanitari che
Hanno perso la vita nella lotta al Coronavirus.

Lavoriamo uniti per rinascere: #weworkalltogether!
www.mariodice.com
IG@mariodiceofficial

Press Office – Giorgio Innocenti & C.
Maria Chiara Arona
chiara@giorgioinnocenti.com

Go to Top