Il Futuro? Solidale…

Monthly archive

marzo 2019

20 anni senza Faber.

in Eventi/Lucilla Corioni Blog by
Faber 720 x 379

Faber -Faber, un concerto in ricordo del grande cantautore.

Vent’anni senza di lui.

Un Articolo di Lucilla Corioni
Un Articolo di Lucilla Corioni

 Uno spettacolo con la partecipazione straordinaria del Maestro Mark Baldwin Harris. I Mercantinfiera 2.0 (gruppo musicale veronese, attivo ne panorama musicale da più di vent’anni) propongono uno spettacolo incentrato su alcuni brani tratti dal vasto repertorio di Fabrizio de Andrè . Si tratta di una attenta selezione di canzoni che parte dagli esordi con “La città vecchia” e finisce con alcuni lavori dell’ultimo album  “Anime Salve”, passando ovviamente attraverso il live realizzato da De Andrè con la PFM. Gli arrangiamenti, riproposti nel modo più fedele possibile a quelli originali, rappresentano uno dei tratti distintivi del gruppo. A due anni dall’abbandono dello storico cantante dei Mercantinfiera, è entrato nel gruppo Ninè lngiulla. Avvocato per professione ed artista per passione, che il 7 febbraio scorso è stato ospite al Festival di Sanremo proprio per ricordare il ventesimo della scomparsa di Faber. Tale ricorrenza verrà ricordata anche da EventiMacramé, con una serata speciale, nella cornice del Teatro Santa Giulia di Brescia, con la straordinaria partecipazione del Maestro Mark Baldwin Harris, musicista di Fabrizio De André per molti anni e arrangiatore di diversi suoi capolavori. Collaboratore di artisti quali Edoardo Bennato, Tony Esposito, Antonella Ruggiero, Laura Pausini, Sergio Caputo, Eros Ramazzotti, Giorgio Gaber, Skiantos, Massimo Riva, Mia Martini, Enzo Jannacci, Pino Daniele, Roberto Vecchioni, Eugenio Finardi e Renato Zero.

comunicato stampa 6 aprile Faber

Ninè Ingiulla è nato a Biancavilla (Catania) nel 1985, nutre fin da tenera età una grande passione per il canto e per la canzone d’autore italiana. Parallelamente agli studi scolastici, approfondisce lo studio delle opere letterarie classiche e medioevali, in particolare della Divina Commedia di Dante Alighieri, di cui ha imparato a recitare a memoria numerosissimi canti. È diplomato al liceo classico Arnaldo da Brescia, laureato presso l’Università degli Studi di Brescia, e diplomato alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali. Oggi è anche uno stimato avvocato.

Dal 1995 al 2000 ha preso lezioni private di chitarra classica e acustica. Dopo aver suonato e cantato da solista in numerose feste private, teatri e locali pubblici, nel 2007 scrive il suo spettacolo: “ Dante e De AndrèIL SOGNO: INFERNO”. Poi successivamente ìdea la rappresentazione dedicata alla cantica del Purgatorio, intitolato “Dante e De Andrè – Dove l’umano spirito si purga e di salir al ciel diventa degno.” Egli è, inoltre, autore dello spettacolo “ Voci da Spoon River.” Ad oggi si esibisce anche in numerose interpretazioni di pezzi inediti (di cui è autore –arrangiatore e paroliere) e tributi ai grandi della musica leggera italiana e internazionale, lavorando con numerosi musicisti, tra cui Giorgio Cordini, già chitarrista di Fabrizio De André dal 1991 al 1998, anno della morte del cantautore genovese.

Dal 2013 è iniziata una proficua collaborazione col maestro di violino DANILO ARTALE, versatile polistrumentista (pianoforte, mandolino, ukulele), che collabora a sua volta con giganti della musica mondiale come ENNIO MORRICONE, NICOLA PIOVANI. Con l’amico Danilo Artale, Ninè ha formato un gruppo cui ha dato il nome di “SOGNO NUMERO 2“.

Mark Harris, nato in Connecticut (Stati Uniti) da una famiglia di musicisti non professionisti, si avvicina alla musica attraverso lo studio del pianoforte classico. Più tardi si cimenterà nei più vari generi musicali, dalla “new music” contemporanea al rock e al jazz, dando prova di grande eclettismo.

Nell’estate del 1967 si trasferisce insieme alla famiglia in Italia, dove lavora nell’ambito della musica leggera, continuando parallelamente il suo percorso di sperimentazione. Dal 1974 al 1975 ha fatto parte dei Napoli Centrale.

Ha collaborato tra gli altri con Fabrizio De Andrè, Edoardo Bennato, Tony Esposito,Antonella Ruggiero, Laura Pausini, Sergio Caputo, Eros Ramazzotti, Giorgio Gaber, Skiantos, Massimo Riva, Mia Martini, Enzo Jannacci, Pino Daniele, Roberto Vecchioni, Claudio Chieffo, Eugenio Finardi e Renato Zero.

Sua è la voce del brano Ave Maria, in lingua sarda, presente nel disco Fabrizio De Andrè del 1981, suonata anche in occasione del funerale del cantautore genovese.

Si è impegnato anche nella didattica. Nel campo della musica pop è da ricordare il successo che ha lanciato gli Articolo31: Oi Maria (Maria Maria). Ha inoltre accompagnato musicisti stranieri come Al Jarreau, Dee Dee Bridgewater,  Randy Crawford e altri.

È stato direttore musicale della produzione milanese di Grease con Lorella Cuccarini

 

Prevendite on line

www.eventimacrame.it   www.vivaticket.it 

Caffé Letterario Eden – piazza garibaldi – ISEO Lalibreria Battioni – via  Duomo – ISEO

Edicola Cartoleria LILLI – via Sebino – PROVAGLIO Ricevitoria Non solo Fumo – via De Gasperi – PROVAGLIO Bar Sport – via Seradina – CORTE FRANCA

Libreria Tarantola – via Porcellaga – BRESCIA Pierre 2000 – via Da Vinci – REZZATO

  Platea numerata:  20 euro   –   Galleria:   15 euro

                                                                                                                                         

Ufficio Stampa LC Comunicazione tel. 333 7695979

contatti.lccomunicazione@gmail.com

www.lccomunicazione.com

in collaborazione con  Long Digital Playing srls Edizioni Musicali 


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Intervista a Riccardo Bassi scrittore.

in La Cultura/Lucilla Corioni Blog/Ultimi Pubblicati by
Riccardo Bassi scrittore 720 x 379.- 2jpeg

RICCARDO BASSI“Sognando Bologna” è l’ultimo Romanzo di Riccardo Bassi, in questi giorni in libreria.

E’ un romanzo tra tinte gialle e risvolti noire, edito da Gilgamesh Editrice.

Un Articolo di Lucilla Corioni
Un Articolo di Lucilla Corioni

 

Dopo due anni di silenzio e due romanzi “rosa” (l’amore sempre in prima linea), ecco il rientro narrativo di Riccardo Bassi, scrittore e imprenditore milanese.

Questa volta il colore è il giallo. Un po’ come i gialli Mondadori che, nelle giornate di relax e di pausa, accompagnavano le giornate dei nostri papà e delle nostre mamme. Io ho voluto saperne di più, ed ho quindi voluto incontrare Riccardo Bassi per farci raccontare di questa sua nuova opera.

 

Buongiorno Riccardo Bassi, grazie di concederci questa intervista

Buongiorno a voi, sono io che vi ringrazio.                                                                                                                                               

Da poco è uscito il tuo terzo romanzo “Sognando Bologna”. Ti ha dato soddisfazione questa nuova opera?

Si… In questi giorni stanno arrivando i primi riscontri.

La settimana scorsa mi è capitato addirittura – nei social oppure in rete – di leggere delle citazioni provenienti dai miei libri. Curioso.

Credi ti spingerà a continuare a scrivere?

Mi piace molto scrivere, più scrivo e più vorrei scrivere… un circolo vizioso dal quale faccio, con tanto piacere e altrettanta fatica, ad uscirne…

Sicuramente l’intento è quello di dare continuità ai miei appunti di vita quotidiana.

Descrivimi il tuo libro, e se è vero che scrivere è esprimere ciò che si ha dentro, vorrei sapere quando e perché hai sognato Bologna.

Bologna è la mia seconda città, l’isola che c’è ma che io mi immagino come un piccolo Paradiso delle Arti e della Cultura.

L’ho sempre sognata, tanto più che uno dei miei cantautori preferiti è Luca Carboni che, guarda caso, è bolognese.

Mentre buttavo delle idee qua e là, appunti sparsi e disordinati, è passata alla radio “Piazza Grande” di Dalla. Ho iniziato a girare con la testa tra le Torri e i colli bolognesi, fino a Piazza Maggiore dove, nella mia fantasia, ho incontrato Carboni e Dalla. 

Lì, ho ideato il set, sul quale – in un battibaleno – è scivolato tutto il resto.

Come hai scelto i personaggi del tuo ultimo libro, prendi spunto da persone realmente conosciute?

Quando scrivo, tutto si confonde. La realtà supera l’immaginazione finché la fantasia diventa nuova verità.

I personaggi dei miei racconti sono fumettistici, disegnati come degli eroi di strada, dal volto quotidiano, ma al tempo stesso portatori di esperienze profonde e di cicatrici indelebili.

Nonostante io abbia sempre fatto l’imprenditore, ho sempre avuto una sensibilità importante verso i più deboli. Forse in una vita precedente ero uno di loro…

Qualcuno ha detto che il piacere nello scrivere, è tutto concentrato nella preparazione, una specie di “Aspettando Godot”, sei d’accordo?

Beckett non ha tenuto conto del Digital Factor!

Oggi si vola, non si cammina.

L’attesa sarebbe il top, aspettare qualcosa che non arriva mai oppure in fondo come premio.

Ma la velocità ci frega – per citare Nuvolari – in curva e noi, se non sappiamo sintetizzare e prenderci le cose, rischiamo di scomparire.

Ci vorrebbe qualche Smartphone in meno e qualche App. meno perfetta.

Effettivamente mi sembra strano quando il mio PC è in stand By e scrivo su dei tovagliolini di carta…

Quanto pensi possa essere importante la scrittura, e perchè? (Immagina di spiegarlo ad un giovane)

Viviamo in una società che dà poche certezze e molti dubbi, forse bisognerebbe fermarsi a riflettere.

Scrivere aiuta molto a liberare la mente e leggere crea quel circolo d’aria che sta tra la realtà e l’immaginazione.

Apro “Sognando Bologna” e leggo: “……..Il mare” come mai ti riferisci al mare in quanto in grado di regalarti un abbraccio, quando è risaputo che Riccardo Bassi ama la montagna? 

Amo molto la natura, mi aiuta a rilassarmi e a cercare un equilibrio interiore per poter affrontare meglio la vita…

Vado in montagna da quando sono nato e ho avuto la fortuna di vivere anche negli Stati Uniti (esattamente nel Texas a Houston) dove mio papà, imprenditore, aveva una fabbrica.

Spesso io, lui e mio fratello Stefano, ci rifugiavamo nella casa al Mare (Galveston TX): non ho mai dimenticato la voce melodiosa e inquietante delle onde dell’Oceano.

E poi come canta il grande Gaetano Curreri (Leader del gruppo musicale Gli Stadio) “Perché quelli come noi hanno voglia di sognare e io dal passo del Pordoi chiudo gli occhi e vedo il mare”!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Solo artiste donne per la rassegna milanese “Fabbrica di note in rosa”

in La Musica/Lucilla Corioni Blog/Ultimi Pubblicati by
Fabbrica di Note in Rosa 720 x 379

Fabbrica di note. 660 x 330Tre eventi che premiano la genialità artistica al femminile, chiamata “Fabbrica di note in rosa”.

Una rassegna dedicata alle attività creative di artiste donne: letterarie, poetiche, pittoriche e non solo.

Un Articolo di Lucilla Corioni
Un Articolo di Lucilla Corioni

La musica dal vivo, di cui Isolamusicaingioco è promotrice da anni, sarà presente e accompagnerà ogni serata. Sul palco dello Spazio TAL si esibiranno jazz band composte da musiciste o in cui la band leader è una donna. Isolamusicaingioco desidera, con questa iniziativa, far conoscere il ricco e fecondo panorama artistico femminile lombardo e milanese, in cui tante talentuose artiste creano opere di pregio, non sempre seguite o valorizzate al meglio. Spesso le artiste hanno dovuto conciliare una vita familiare e professionale con la propria indole artistica, che non sempre ha trovato i giusti canali per venire allo scoperto ed esprimersi al meglio. Inoltre, ancora oggi, in molte iniziative culturali, musicali e artistiche, la presenza femminile è spesso una minoranza (si pensi, per esempio, ai jazz festival). Con queste motivazioni, e conoscendo il ricco mondo artistico femminile, Isolamusicaingico ha voluto strutturare le tre serate in due momenti: la prima parte della serata è dedicata alla presentazione di un libro o di un’attività artistica, la seconda parte vede l’esibizione di band al femminile, o con la leader donna.

Nell’evento “Fabbrica di note in rosa” si esibiranno:La scrittrice Primula Galantucci, che presenterà la sua opera prima, fresca di stampa: “Accade tutto in un attimo”, romanzo autobiografico struggente, pieno di emozioni, colpi di scena e speranza.

La poliedrica artista Nicoletta Magnani, che oltre ad essere una nota pittrice, presenterà, con un monologo recitato, la sua opera prima letteraria:”Biannario”, una raccolta di prose liriche dal carattere diaristico-epistolare.

La creativa Maura Bozzali, biologa, ricercatrice, chef, che nel suo blog:”Rata Tuja”, affronta tematiche inerenti la nutrizione e presenta le ricette vegane da lei create. Verrà a parlarci, come biologa e come chef, del suo blog e degli effetti che ha sulla nostra salute la nostra alimentazione.

L’accompagnamento musicale di ogni serata sarà affidato a musiciste milanesi molto conosciute ed apprezzate nel mondo musicale.

Deborah Falanga (voce) e Rosella Cazzaniga (chitarra) formano un duo molto affiatato, il cui repertorio spazia tra vari generi musicali, offrendo uno spettacolo dove, oltre alla loro bravura come musiciste, si apprezza un gusto e un’ironia molto piacevole.

Irene Natale è una giovane musicista, pianista e cantante jazz, formatasi alla Civica di Milano e al Conservatorio di Milano. Presenta un repertorio ‘al femminile’ che prevede brani di famose cantanti e compositrici, e brani come cantautrice, accompagnata dal batterista Giacomo De Bona.

Désirée Niero, cantante milanese, insieme al chitarrista Dario Napoli, presenta un repertorio di brani manouche francesi e brani jazz americani, evidenziando gli influssi e le contaminazioni tra i due generi jazz al di qua e al di là dell’Atlantico.

I tre eventi in rassegna si terranno presso lo Spazio TAL un venerdì al mese, da marzo a maggio: il 22 marzo, il 5 aprile e il 17 maggio, dalle ore 20 alle 23 circa. Dalle 20 alle 21,30 vi sarà la presentazione di un libro o di un’attività artistica, dalle 21,30 alle 23 vi sarà un concerto.

Il 22 marzo nella prima parte della serata Primula Galantucci presenterà il suo libro ‘Accade tutto in un attimo’ e a seguire vi sarà lo spettacolo musicale di Irene Natale.

Il 5 aprile si parlerà di nutrizione e di cucina naturale con la biologa/chef Maura Bozzali (in arte Rata Tuja) che presenterà il suo blog e le sue ‘artistiche’ ricette, mentre la parte musicale sarà affidata alla cantante Désirée Niero in trio.

Il 17 maggio la pittrice/scrittrice Nicoletta Magnani presenterà il suo libro ‘Biannario’ con un monologo recitato e vi sarà anche una mostra della sua produzione artistica. Lo spettacolo musicale sarà proposto da Deborah Falanga e Rosella Cazzaniga.

Tre serate ricche di proposte culturali e musicali ‘al femminile’.

Obiettivo dell’Associazione Isolamusicaingioco, attiva in zona Isola dal 2004, è divulgare la musica in tutte le sue espressioni e diffondere la sua conoscenza ad un pubblico vasto e variegato, sia per età, che per competenze e conoscenza musicale.

Isolamusicaingioco, nel 2017, ha vinto il bando triennale per la gestione di un lotto all’interno della ‘Fabbrica del Vapore’ ed il suo intento è di far ‘risuonare’ di musica questo ex polo industriale recuperato, sia con i corsi musicali per tutte le età, sia con i concerti per bambini e per adulti.

In particolare, un venerdì al mese, la Fabbrica del vapore diventerà “Fabbrica di note in rosa”, rassegna che prevede un connubio tra arte in senso ampio e musica, in un contesto in cui la Fabbrica diventa un luogo dove fruire cultura ed ascoltare brani insieme ad artiste e musiciste dello scenario contemporaneo milanese e lombardo.

INFORMAZIONI UTILI

SPAZIO TAL – THE ARTLAND, FABBRICA DEL VAPORE, RASSEGNA FABBRICA DI NOTE IN ROSA (Via Giulio Cesare Procaccini, 4, 20154 Milano).


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

No TAV, chi è la CMC e perché torna il Compagno Primo Greganti?

in Alberto Marolda Blog/Grandi Opere/La Politica/No Tav/Ultimi Pubblicati by
cmc-primo-greganti

Primo Greganti e la CMC, Cooperativa Muratori e Cementisti… a volte ritornano…

La CMC, come vi abbiamo detto in altri articoli, è l’azienda di costruzioni più grossa del quartetto che dovrebbe gestire la TAV, sia nella parte francese, che nella parte italiana.

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Gli italiani però hanno la memoria corta, e quindi ci vediamo costretti a ricordarvi chi sia questa azienda, e che cosa ci sia dietro. In Italia la CMC, colosso cooperativo delle costruzioni di Ravenna, ha un ruolo da asso piglia tutto negli appalti per le grandi opere italiane. Fra i suoi appalti più importanti potremmo nominarvi la Metropolitana di Cosenza o l’Ospedale Camerano di Ancona, o anche l’adeguamento a quattro corsie della statale Agrigento Caltanissetta, o l’ammodernamento della nuova Aurelia a Savona, o l’Expo 2015 di cui parleremo dopo, ma anche, all’estero per esempio, potremmo parlarvi di due Lotti della Metropolitana di Singapore o degli impianti idroelettrici in Cile, India e Kenya, per concludere con 2 gallerie stradali della tangenziale di Stoccolma. La gloriosa Cooperativa Muratori e Cementisti, nata nel 1901 a Ravenna, è un gigante che però, a quanto pare leggendo tutte le inchieste, le tante inchieste che ci sono state negli ultimi 15 anni, è un gigante, dicevo, con grandi gambe di argilla. Partendo dalla attualità che vede la CMC aver appena chiesto il concordato preventivo con tutti i fornitori, traduzione, “…quanto ti devo 100? Facciamo così ti do 20, sennò faccio fallimento e poi a quello che ti rimane… “… la CMC con il suo fatturato di 3,4 miliardi ed i suoi 7500 operai, che se mancherà la TAV faranno parecchio rumore, è più famosa alle cronache per essere stata la cassaforte del PD, con i suoi continui scambi con il famoso Primo Greganti, lo ricordate?
Alzi la mano chi ricorda il famoso “Compagno G” protagonista, a sinistra, del periodo di Tangentopoli a cavallo del 1993, arrestato da Di Pietro insieme a tanti altri corrotti di altri partiti allora al governo DC, PSI, PSDI, PLI e PRI. Il signor Greganti come lo chiamò il PDS, nuova sigla del Partito Comunista Italiano, fu accusato dall’allora magistrato Antonio Di Pietro di essere destinatario di una tangente di ben 621 milioni di lire versata dall’allora ancora aperta Ferruzzi, grande società agroalimentare, che si era appena mangiata il gruppo Montedison. E perché Raul Gardini avrebbe versato questa enorme, per l’epoca, tangente trovata su un conto corrente denominato “Gabbietta“, del quale Greganti non seppe mai spiegare l’esistenza pur essendone l’intestatario?

Montedison, Ferruzzi, Enimont, Cuccia e Gardini, con il suo strano suicidio mai spiegato, le tangenti enormi, e tutto il periodo di Tangentopoli, un’enorme verminaio dal quale Greganti uscì dopo 3 anni e mezzo di carcere senza aver mai confessato. Confessato il pagamento di una tangente da un miliardo e 246 milioni di lire che gli sarebbe stato fatto, secondo Di Pietro, da un intermediario di Gardini per una serie di ingenti lavori sulle centrali Enel. Greganti non confessò mai, come detto, ma fu comunque condannato a 3 anni e 7 mesi per finanziamento illecito al suo partito, Il Partito Comunista Italiano, poi PDS. Nel Maggio del 2014, Greganti viene di nuovo arrestato per tangenti legate all’Expo 2015. Questa nuova inchiesta della procura di Milano era denominata la “Cupola degli Appalti“, ed è in questa inchiesta che Greganti viene definitivamente unito al nome della CMC al quale era legato con un contratto di consulenza insieme alla società delle figlie denominata Seinco. la CMC realizzò all’interno dell’Expo, fra le altre opere, anche il padiglione della Francia… Ma guarda un po’… Nelle 628 pagine di ordinanza che ha portato al nuovo arresto di Greganti nel 2014, emergono equilibrismi degni del miglior Circ du Soleil, fra il “Compagno G” e gli altri partiti del momento, ricordiamoci che Maurizio Lupi in quel periodo era il ministro per le infrastrutture…

Equilibrismi che vedono la CMC, la ditta consulenziata da Greganti, navigare in acque molto tranquille nonostante un atteggiamento nelle gare di appalto decisamente sfacciato. nel 2011 la CMC si era aggiudicata l’appalto per la bonifica del terreno dove avrebbe dovuto sorgere l’Expo 2015, con un maxi ribasso del 42,83%.
Anziché 96,8 milioni a base d’asta la CMC si era aggiudicata l’appalto con un’offerta di soli 58 milioni. Bene, cosa ci sarà di male direte voi? Beh, se lo era domandato anche il Sindaco di Milano, Pisapia, cosa ci sarebbe potuto essere di male in un ribassone, ma sta di fatto che la CMC, negli anni, ha poi presentato ben tre richieste di adeguamento dei costi a causa di difficoltà emerse, e non previste, nella realizzazione dell’opera. Ad ogni richiesta di aumento corrispondeva regolarmente un “ricatto” (…possiamo chiamarlo così? Decidete voi…) con rinvio nella consegna del cantiere terminato. Ritardi talmente importanti, e coperti al pubblico, che avrebbero dovuto portare il termine della bonifica del terreno su cui per emergenza era sorto nel frattempo tutto l’Expo 2015, alla dopo chiusura dello stesso…

Avete capito bene? I ritardi avrebbero dovuto portare la bonifica a finire dopo lo svolgimento della manifestazione per la quale si era resa necessaria. Dovette intervenire l’Anac di Raffaele Cantone per fare la fretta necessaria, e la CMC ebbe perfino un premio per la tempestività dei lavori.

Un costo finale pagato alla CMC di ben 127 milioni e mezzo di euro, circa 30 milioni in più della base d’asta originaria, che vi ricordiamo era 96,8 milioni… Per carità, ne sono usciti puliti, ma certo, oggi, leggendo queste cronache, i dubbi vengono fuori a pacchi… Quindi, ma che bravi potremmo dire, certo ora devono gestire la TAV, loro, e voi, invece, dopo aver letto questo articolo e la massa enorme di fonti autorevoli presenti sul web, vi sentite così sicuri che i costi, ed i tempi, verranno rispettati dalla Rossa Cooperativa Muratori e Cementisti? Quella che avrebbe appena chiesto il Concordato Preventivo con i Creditori?
Poi qualcuno si domanda perché Chiamparino sia così a favore per la prosecuzione della TAV
Ah, il 20 Settembre 2017, il giovane ingegnere Pier Francesco Boschi, fratello più piccolo della più famosa Maria Elena Boschi, sisi, quella di Renziana memoria, viene assunto nella CMC… non sappiamo se sia ancora li, ma se ve lo dico poi mi chiamate “Complottista”, per cui, sapete che c’è? Cercatevelo voi…

P.s.: sia detto ad evitare querele a perdita di tempo… questo articolo è farcito di coincidenze rilevate su Internet da articoli, siti ufficiali e cronache di processi… solo coincidenze per carità… però, poi, su Chiamparino e Primo Greganti ci torniamo, non vi preoccupate…

P.P.s.: Ehi Salvini, tu, con la tua Lega stai proteggendo questi signori…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

Costi e Benefici No Tav, l’Analisi la trovate qui

in Alberto Marolda Blog/Grandi Opere/La Politica/No Tav/Ultimi Pubblicati by
No Tav analisi costi benefici

Costi e Benefici No Tav, l’Analisi, quella originale della Commissione Ponti, non si parla di altro…

Ora la potete leggere anche qui così vi fate una vostra opinione libera…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Costi Benefici, gli usi e costumi degli italiani cambiano… stamane, dal Salumiere: “Signora, che dice, oggi abbiamo del buon Pecorino Romano, appena arrivato, fresco fresco, questo, i Pastori Sardi, non sono riusciti a fermarlo… stasera, lo grattugiate a neve fiotta-fiotta sulla Gricia a vostro Marito, ci mettete il Guanciale, e via, chi lo ferma più… che dice, impacchetto?”…. “Antò… sai che non lo so? Ma una Analisi Costi e benefici, l’hai fatta? A Ponti l’hai chiesto?”….

Che ci crediate o no, ormai nel Paese non si parla di altro, nessuno sa cosa sia veramente una Analisi Costi e Benefici, ma, qualsiasi cosa sia, è entrata nel Lessico Familiare, e, cari miei, rassegnatevi, fra il Provolone ed il Pecorino Romano, vi trovate anche questo oggetto strano a dirvi la sua mentre il Salvimaio scricchiola sempre di più…

Ma Salvini e Di Maio, non potevano farla un anno fa, una bella Analisi Costi e Benefici, prima di farlo questo benedetto e sibillino Contratto di Governo?

analisi costi benefici tav Torino – Lione

Relazione tecnico-giuridica Torino-Lione

Ora avete dei dati in più, certo se riuscite a leggerli fino alla fine, perché sospettiamo siano cosi lunghi e prolissi, proprio per farci stancare, e non raggiungerla questa benedetta fine, se non con un rassegnato… “E basta, sapete che c’è? Fatevela questa stramaledetta TAV!!! “…

… Il reinvio di questi giorni, senza prendere una definitiva decisione, con la Telt che comunque ha aperto i “Bandi“, no, scusate, sottilmente ora li chiamano “Manifestazioni di Interesse“, non porterà alla fine, dopo le Europee, proprio a questo?

Restate sintonizzati, perché noi lo faremo…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

No Tav, Marco Scibona, perché No alla Tav Torino Lione

in Alberto Marolda Blog/Grandi Opere/La Politica/No Tav/Ultimi Pubblicati by

No Tav, la posizione del M5S, è sempre stata molto chiara

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Una intervista di Alberto Marolda

No Tav… Il 10 Aprile del 2013 abbiamo fatto questa intervista con il Senatore No-Tav-Marco-Scibona. Questo era il commento sotto il video, crediamo serva ricordare e riascoltare…

Molti ormai addossano a Beppe Grillo ed ai suoi Grillini il blocco del paese, la mancanza di un Governo, il crollo dell’economia italiana. Noi siamo convinti che per l’enorme lack di comunicazione che il gruppo dell’ex comico ha, di fatto l’unico contatto con l’opinione pubblica è ormai rimasto solo il suo blog, e qualche volenteroso VideoMaker esterno, noi, unici giornalisti, le vere informazioni non arrivano alla gente, agli elettori, provocandone l’allontanamento sdegnato. C’è bisogno…

Siamo ad oggi, 08/03/2019, non sembra sia cambiata molto la situazione…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

No Tav… c’è ancora convinzione? M5S resistenza ad oltranza?

in Alberto Marolda Blog/Grandi Opere/La Politica/No Tav/Ultimi Pubblicati by
tav-costi-benefici

La TAV Torino Lione è un treno che ancora non esiste, eppure va velocissimo e con una motrice alla cui guida non si capisce chi ci sia veramente…

La TAV torino-lione, nella sua folle corsa, rischia davvero di travolgere il governo 5 Stelle Lega, per cui cerchiamo di fare un punto della situazione senza annoiare i troppi distratti fuori dal Piemonte.

La buffonata dei Tecnici della Lega…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un articolo di Alberto Marolda

I tempi sono strettissimi, e vi assicuriamo che per noi che cerchiamo di tenerci al corrente leggendo tutte le note di agenzia e confrontandosi con i colleghi, gli eventi si muovono in maniera decisamente troppo convulsa, tanto che diventa difficile fare una cronaca ragionata. Tutti seguono solamente gli eventi di questa maledetta Tav… Alzi una mano chi si ricorda più del latte dei Pastori Sardi per esempio? Caro Partito Sardo di Azione, caro Solinas, siete avvertiti, questo significa governare con la Lega…

Chi vi scrive, credo sia importante dichiararlo, è fermamente convinto che non servirebbe nemmeno entrare nel merito dei cosiddetti costi benefici che sono alla base, che sarebbero alla base, permettetemi il condizionale, della scelta Tav sì, oppure Tav no.

Credo che con il paese Fermo nelle sue opere pubbliche più importanti, risanamenti e manutenzioni comprese, non sia etico, morale, opportuno, perdere tutto il tempo che si sta perdendo per capire e conseguentemente decidere, se fare o non fare un’opera che comunque ha una sua linea sostitutiva già perfettamente funzionante, più lenta, meno lenta, più capiente, meno capiente, ma una linea che fa, che percorre la stessa direttiva già c’è, ed è quella che passa per il Frejus. Estremamente sottoutilizzata.

Non è morale, in un paese dove per andare a Matera non c’è un treno, o dove per scendere sotto Bari, non c’è una super strada decente, o linea ferroviaria doppia, o dove per andare da Messina a Palermo, devo fare strade comunali, e non c’è un treno diretto, o anche banalmente se devo andare da Terracina a Latina, oggi dopo le piogge smottamenti e morti dei mesi scorsi, devo percorrere per forza solo la pericolosissima Fettuccia di Terracina, vecchia strada a due corsie rimasta tecnicamente aggiornata al 23 Marzo 1951, quando lo spericolato pilota Piero Taruffi provò a battere il record del chilometro lanciato con la sua Maserati bisiluro 4 cilindri…

Non è morale pensare di investire soldi in una linea ferroviaria per il trasporto merci tra l’Italia e la Francia, linea che ne doppia un’altra preesistente, lo ripeto, tra l’altro sottoutilizzata, quando in Italia ci sono ancora persone che vivono nelle tende dopo i vari tristi terremoti degli ultimi anni.
La linea TAV Torino Lione non è morale per le molte opere pubbliche che mancano nell’intero Paese, troppe, anche al Nord, opere che però vi elencherò in un altro articolo, ora andiamo avanti, perché un giornalista serio deve cercare di mantenersi asettico, ed elencarvi i fatti in modo tale che voi possiate farvi una vostra opinione.

Quello che ci sembra estremamente importante farvi notare, fra tutte le ribollenti notizie, è che ieri sera, SEI marzo 2019 a Palazzo Chigi c’è stata una riunione fiume proprio su questo argomento, magari lo avrete letto, magari no, ma quello che è stato complicato leggere, o ascoltare dalle varie note televisive, era la composizione delle compagini tecniche che si sono confrontate con i vertici Lega – Cinque Stelle sino a tarda notte, per tentare di dipanare il ponderoso Dossier Tav NO preparato dalla Commissione guidata da quel Marco Ponti che è Professore ordinario di Economia e Pianificazione dei Trasporti, al Politecnico di Milano. 

Attenzione, prima di andare avanti a leggere, segnatevi che Ponti, alla riunione di ieri, non c’era, non c’è andato, e proprio ieri è uscito con un focoso articolo sul Fatto Quotidiano, ed un intervista sulla Rai, sulla assoluta necessità di non fare la TAV, e di dedicarsi invece a tutte le altre opere pubbliche che servono al Paese. Lui che tra l’altro è un noto pessimista sulle opere pubbliche.

Comunque dicevo che è stato complicato trovare l’elenco dei tecnici che sono intervenuti alla riunione di ieri sera, e solo una nota della Presidenza del Consiglio uscita in mattinata è servita a far cadere il velo su chi è uscito dalla riunione Ieri sera, addirittura rifiutando di dire il proprio nome e cognome ai cronisti.

Il buon Conte ci racconta che: “La prima parte della riunione è stata dedicata ad approfondire l’analisi costi-benefici acquisita dal Mit, analisi che è stata illustrata dai componenti della Commissione Ramella e Beria. Sono intervenuti in questa fase vari altri esperti che hanno affiancato i membri del Governo e hanno contribuito a sviscerare i contenuti dell’elaborato tecnico in tutti i suoi aspetti”. Il presidente prosegue poi raccontandoci i nomi mancanti, quelli delle due squadre di professori, una del M5S e l’altra della Lega. I tecnici riuniti sono stati undici e tra questi il Movimento ha giustamente portato due membri della commissione che ha redatto l’opera che ha bocciato la TAV, analizzandone i costi e benefici, Paolo Beria, Professore associato di Economia dei trasporti del Politecnico di Milano e  Francesco Ramella, ingegnere del Politecnico di Torino e dell’Università di Southampton. A completare la squadra c’erano anche Gaetano Marzulli, giurista e capo staff di Toninelli al Mit, Pierluigi Navone, anche lui al ministero, dove è Direttore della Direzione per il trasporto e le infrastrutture ferroviarie per concludere con Pasquale Pucciariello, coordinatore della task force sulla relazione giuridica dell’opera. La Lega ha risposto con una sua squadra la cui figura di spicco era Pierluigi Coppola, unico componente dissidente della Commissione diretta da Ponti, ed ex consulente dell’Ex Ministro Graziano Delrio che cosi profondamente sponsorizzò la TAV.

Vi sembra cosi strano che Coppola non volle firmare le conclusioni volute dal Professor Marco Ponti? 

Gli altri componenti della squadra leghista erano Alberto Petroni, docente del dipartimento di Ingegneria e Architettura di Parma, Carlo Vaghi, ex assessore leghista di Bollate, docente di economia della Bocconi, e militante del Carroccio dagli anni Novanta, Gino Ferretti, rettore dell’università di Parma dal 2000 al 2013, Francesco Parola, docente di economia e gestione delle imprese a Genova.

Ora, è così difficile notare ed accorgersi che i componenti tecnici specifici nel settore trasporti della Lega, quelli che avrebbero dovuto discutere senza preconcetti dell’opportunità della TAV, avevano come capo delegazione, ed unico, DICO UNICO tecnico dei trasporti, il dissidente piddino Coppola? Alberto Petroni, ad esempio, che nella nota di Palazzo Chigi viene furbamente messo come appartenente al dipartimento di Ingegneria ed Architettura di Parma, in realtà, se vai a vedere, è semplicemente un Ingegnere Gestionale, assolutamente fuori dal settore dei trasporti. Non mi parlate poi di Vaghi e nemmeno di Ferretti, o tantomeno di Parola che, come potete già leggere sopra non c’entrano nulla con i trasporti. Saranno pure tutte persone molto degne ma non c’entrano nulla con i trasporti. E questo mi sembra molto chiaro ora, e doveva essere assolutamente chiaro durante la riunione.

Allora perché? Allora perché il MoVimento 5 Stelle non si è alzato dal tavolo e non se ne è andato? Allora perché Toninelli e Di Maio sono rimasti a discutere fino a tarda serata con Salvini, e con Conte? E allora perché il professor Ponti si è smarcato ieri, e non ci è andato?
Forse che la decisione sia già stata presa e stanno solamente cercando la maniera di farci digerire la realizzazione della tanto combattuta TAV? Forse che Marco Ponti ha voluto sottolineare un bel “fate Tutte le porcate che volete, ma non nel mio nome“? Come dicono nei paesi anglosassoni “not in my name“…

Vi lascio con queste domande…

Pensateci stanotte, domani vi riporterò un intervista a Marco Scibona, un ex parlamentare del MoVimento 5 Stelle, attivista dei No Tav, che feci qualche anno fa.

E’ molto chiara, e spiega perché non dobbiamo fare la TAV, allora come oggi.


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!

Zingaretti e Di Maio, lotta dura contro i Condizionali ed i Congiuntivi

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Ultimi Pubblicati by
di-maio-zingaretti-congiuntivi-condizionali

Congiuntivi e Condizionali a gogò… insomma l’hanno fatta pesante da lungo tempo con i Congiuntivi e co. di Di Maio, ed ora con Zingaretti?

Congiuntivi e Condizionali… Non si parla di altro, ora si parla solo di “A me hanno imparato” e della “Primina“, leggasi “Titolo di Studio”, di Zingaretti, sul quale il nuovo Boss del PD nicchia con ostinazione…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un articolo di Alberto Marolda

Congiuntivi… Caro Zingaretti, ma perché vergognarsene quando Di Maio e co. non lo hanno fatto? Perché non parliamo dei veri problemi dell’Italia e di cosa, di grazia, dovrebbe essere allegra la Sinistra per una Debacle del M5S? Caro Zingaretti, ma è un caso che il tuo primo atto è stato andare a Torino a pagare pegno da Chiamparino per inneggiare alla Santa TAV, quella portata avanti da Salvini, dalle ricche Madamine e dalla Lobby dei grandi Costruttori ed Industriali Piemontesi?

Come diceva Moretti a D’Alema nel Film Aprile…

D’Alema dì qualcosa di Sinistra…. Zingaretti, questa è la Coazione a Ripetere della Sinistra Italiana?

I titoli di studio, e per favore, che non se ne parli più di Congiuntivi e Condizionali ma, invece, di Contenuti…

Salvini: (dalla Wikipedia) Nasce a Milano da genitori milanesi, figlio di un dirigente d’azienda e di una casalinga.[3] Nel 1988, a 15 anni, partecipò a Doppio slalom condotto da Corrado Tedeschi su Canale 5[4] e nel 1993, a 20 anni, a Il pranzo è servito condotto da Davide Mengacci, all’epoca in onda su Rete 4.[5][6] Salvini frequentò il Liceo Classico “Alessandro Manzoni” di Milano, dove si diplomò nel 1992,[7] con una valutazione di 48/60[8]. Si iscrisse quindi al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Milano, per poi trasferirsi l’anno dopo al corso di laurea in Storia. Durante il primo anno di studi storici, Salvini – per potersi mantenere – lavorò presso la catena di fast food Burghy[9]. A commento di questo periodo Salvini scherzò così: «Arriverà prima la Padania libera della mia laurea»[9]. In seguito, decise di abbandonare l’Università a cinque esami dalla conclusione del ciclo di studi[8] – dopo 16 anni[10] –, senza aver conseguito una laurea.[1][10][11]

Di Maio: (dalla Wikipedia) Cresciuto e formatosi a Pomigliano d’Arco (Napoli), è il maggiore di tre fratelli. La madre, Paola Esposito[1], è un’insegnante di italiano e latino, mentre il padre Antonio, imprenditore edile, è stato dirigente prima del Movimento Sociale Italiano e in seguito di Alleanza Nazionale.[2] Dopo il diploma di liceo classico,[3] si iscrive all’università. Sceglie dapprima la facoltà di ingegneria[4] per poi trasferirsi a giurisprudenza dell’Università di Napoli Federico II,[5] senza completare gli studi.[4][6][7][8] Giornalista pubblicista dal 2007,[9][10] ha lavorato per un breve periodo come webmaster e come steward allo stadio San Paolo[11] per poi lanciarsi in politica candidandosi nel Movimento 5 Stelle.[12]

Toninelli: (dalla Wikipedia) Nato a Soresina nel 1974, vive a Castelleone con la moglie e i due figli.[2] Dopo la maturità al Liceo scientifico “Pascal” di Manerbio, frequentato nella sezione di Orzinuovi, nel 1994 si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Brescia dove si laurea nel 1999.[2] Dal 1999 al 2002 è Ufficiale di Complemento dell’Arma dei Carabinieri.[2] Prima di essere eletto deputato, è stato impiegato come liquidatore sinistri e ispettore tecnico presso un’impresa assicurativa.

Di Battista: (dalla Wikipedia) È nato a Roma da genitori di Civita Castellana[2], figlio di Vittorio, già consigliere comunale nelle file del Movimento Sociale Italiano[3]. Si è diplomato presso il Liceo Scientifico “Farnesina” di Roma con votazione 46/60[4] e si è poi laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi Roma Tre. Ha inoltre conseguito il Master di II° Livello in Tutela Internazionale dei Diritti Umani all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”[1].

Zingaretti: (dalla Wikipedia) È il fratello minore dell’attore Luca Zingaretti. Sposato con Cristina, ha due figlie: Flavia e Agnese.[4] È diplomato in odontotecnica (DIPLOMA TECNICO QUADRIENNALE PROFESSIONALE, NON E’ IL DIPLOMA SECONDARIO DI MATURITA’) e ha frequentato l’Università La Sapienza di Roma senza conseguire la laurea (NON POTEVA, NON AVEVA IL DIPLOMA SECONDARIO NECESSARIO).[5]

Gli incisi Maiuscoli sono nostri, e… caro Zinga, non sarebbe il caso di correggerla questa Wikipedia? Così non ne parliamo più?

Ah… scordavo, e D’AlemaDiplomato al liceo classico, dal 13 marzo 1991 è iscritto all’albo come giornalista professionista… Però… non avevo mai ascoltato dibattiti sul suo Titolo di Studio… che stranezza…

Alberto, non andare via… e Berlinguer? E Almirante? …. Per favore…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned!
Go to Top