Il Futuro? Solidale…

Monthly archive

gennaio 2018

Nadir Maut al Fashion Frames

in Gabriella Chiarappa Blog/La Cultura/Photoartofrosy Blog/Pianeta Donna/Ultimi Pubblicati by
_1111512_preview Nur 1

Nadir Maut a Pitti Live Movie 

Articolo di Gabriella Chiarappa
Articolo di Gabriella Chiarappa

Una Firenze che si conferma contenitore di idee e brand si è presentata a tutto il mondo,  dal 9 al 12 gennaio, magica città dove  il mood è stato solo uno, Pitti Live Movie,  ovvero cinema & moda, costumi & scene, sfilate & film, ovviamente la MODA dove qui è tutto, quindi tendenze Autunno Inverno 2018/2019,  tutti al Film Festival di Pitti Uomo,  per le collezioni maschili dell’inverno 2019, per il red carpet dello stile contemporaneo di 1.230 marchi dei quali 541 provenienti dall’estero (il 44% del totale) con 227 tra nuovi nomi e rientri al salone) che ha occupato più di 60.000 mq in Fortezza da Basso e in tutta la città, dove si sono avute manifestazioni non meno importante e di tendenza come il Salon Of Excellence & Fashion Frames  organizzato dalla De Gorsi Luxury Consulting di Alexander Djordjevic e Cristina Egger che si confermano così come uno dei contenitori di ricerca di nuovi brand emergenti più interessanti di Pitti Immagine Uomo.

Cristina Egger, per la 9° edizione del Fashion Frames, ha presentato una sezione completamente dedicata a nuovi designer/brand con un’importante dose di ricerca stilistica nel proprio DNA con un solido background strutturale che ne possa consentire il successo distributivo e commerciale, infatti i Brand presentati in questa edizione sono concentrati nelle merceologie relative agli accessori, luxury comfort, accessori, borse, calzature o elementi di abbigliamento che vivono indipendentemente da un total look, mixando abilmente gli accessori fatati a cui non si può rinunciare.

Tra I brand esposti al Fashion Frames abbiamo notato i fantastici caftani di Nadir Maut che sembrano aquiloni, mossi dal vento,come delicate farfalle per capi di una collezione dai colori notturni e sofisticati,la  costruzione di un mondo tra realtà, sogno e fantasia, una esaltazione di un affascinante luxury comfort, abiti/caftani elegantissimi, morbidi, sensuali, per una padrona di casa che passa con grande eleganza tra mondi e modi del vivere quotidiano per abitare il mondo, un abbigliamento avvolgente e glamour, una collezione  che mostra un vero talento usando con maestria il tessuto, partendo da motivi tradizionali,un mondo meraviglioso, quello di Nadir Maut a  Pitti Live Movie.

Fashion Frames

Press: Le Salon de La Mode

Shooting: Seta Atelier, Nadir Mamut, O Jour, Alef, Berg

 Art Director&Ph. Edoardo Tranchese


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Il Programma del Movimento Cinque Stelle… basta leggerlo…

in Alberto Marolda Blog/Elezioni 2018/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by
programma-movimento-cinque-stelle

Il Programma Elettorale a Cinque Stelle…

Si continuano a fare tante chiacchiere sul Programma Elettorale dei vari Partiti e Movimenti, sembra il cantiere della Torre di Babele… non ci si capisce nulla tanto velocemente cambiano… ma, tutti?

No, questo, quello del M5S, è in giro da tempo…

Parecchio Tempo…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un servizio di Alberto Marolda

Davvero ragazzi, sembra incredibile, ma sul Programma elettorale dei Partiti non ci si capisce nulla, cambiano ad una velocità stratosferica, copiandosi l’un l’altro, sembra quasi una regata di Coppa America, un Match Race… vi ricordate i tempi di “Azzurra” o del “Moro di Venezia”?

Ma si, dai, quelle gare veliche dove le barche che correvano erano due, tecnicamente si chiamavano “Match Race”, regatavano marcandosi l’un l’altra, copiandosi le mosse, imitando tutto dell’avversario, genere “ora mi ti Francobollo” ma la rotta mia un la fò… ‘nsomma, le ricordate?

Bene, noi le ricordiamo, ed i programmi cangianti di Berlusconi (Difficile intercettarlo quanta è la velocità di cambiamento…), Salvini (Lui poi fa un Match Race personale con Berlusconi prima che con gli altri…), Renzi (Aspè, un vero e proprio programma non è ancora in giro), Grasso (No, in fondo lui dato segno di vita solo sulle “Tasse Scolastiche Universitarie”…), la Meloni (Programma Elettorale? What?), etcetc, ci sembrano proprio fare tanti “Match Race”… Cambiano… Però… però, su una cosa sono TUTTI d’accordo senza bisogno di imitarsi sin dall’inizio, che vincano tutti (Tanto poi ci si mette d’accordo…), ma che assolutamente non vinca il M5S… i Populisti sono ciucci e mangiano i Bambini, ricordate?

Vabbeh, saranno pure Populisti, ma loro, LORO, una rotta sembrano averla, vediamo…

Scaricatevi il Programma Elettorale del Movimento 5 Stelle… e meditate gente, meditate…

Ah, si lo so ora cosa direte, Alberto, ma con l’Europa come ci mettiamo? Avete ragione, su questo argomento stiamo approfondendo gli ultimi sviluppi che sembrano anche controversi, ma, sapete come siamo fatti, noi vogliamo ascoltare le persone direttamente coinvolte, per sapere, per capire senza intermediari… Quindi, se pazientate, vi porteremo un paio di interviste che vi lasceranno soddisfatti, state tranquilli, certo, nel frattempo, rispetto agli altri Partiti dove tutto, TUTTO, è in continuo cambiamento a seconda dei sondaggi, mi sembra che ci si trovi su un altro piano… o no? Europa, Europa, approfondiremo… Stay Tuned Folks!!!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Il MoVimento 5 Stelle ed i suoi 20 punti per salvare l’Italia

in Alessandro De Stefanis Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

20 punti… Di Maio è stato chiaro, venti punti e ci salviamo…

Un servizio-di-Alessandro-De Stefanis
Un servizio di Alessandro De Stefanis

20 punti… Il Blog del Movimento li ha già pubblicati e divulgati, ma, come dicevano i Latini, Repetita iuvant, ripeterle, farle ascoltare, continuare a divulgarle, fa bene al cuore, al portafoglio, alla socialità, alla nazione… servono come base di discussione, accomodatevi…

VIA SUBITO 400 LEGGI INUTILI 

• Stop alla giungla delle leggi, meno burocrazia per imprese e cittadini

SMART NATION: NUOVO LAVORO E LAVORI NUOVI
• Investimenti ad alto moltiplicatore occupazionale per creare nuove opportunità di lavoro e nuove professioni
• Investimenti in nuova tecnologia, nuove figure professionali, internet delle cose, auto elettriche, digitalizzazione PA

REDDITO DI CITTADINANZA: RIMETTIAMO L’ITALIA AL LAVORO 
• Oltre 2 miliardi di euro per la riforma dei centri per l’Impiego: facciamo incontrare davvero domanda e offerta di lavoro e garantiamo formazione continua a chi perde l’occupazione. Con la flex security le imprese sono più Competitive e le persone escono dalla condizione di povertà

PENSIONE DI CITTADINANZA: MAI PIU’ SOTTO I 780 EURO
• Pensione minima di 780 euro netti al mese a tutti i pensionati
• 1.170 euro netti al mese per una coppia di pensionati

MENO TASSE, PIÙ QUALITÀ DELLA VITA
• Riduzione delle aliquote Irpef
• Niente tasse per redditi fino a 10mila euro
• Manovra choc per le piccole e medie imprese: riduzione del cuneo fiscale e riduzione drastica dell’Irap
• Abolizione reale degli studi di settore, dello split payment, dello spesometro e di Equitalia
• Inversione dell’onere della prova: il cittadino è onesto fino a prova contraria

TAGLI AGLI SPRECHI E AI COSTI DELLA POLITICA: 50 MILIARDI CHE TORNANO AI CITTADINI
• Stop a pensioni d’oro, vitalizi, privilegi, sprechi della politica e opere inutili. Riorganizzazione delle partecipate, spending review della spesa improduttiva

SICUREZZA E LEGALITÀ 
• 10mila nuove assunzioni nelle forze dell’ordine e due nuove carceri per dare ai cittadini più sicurezza e legalità

STOP AL BUSINESS DELL’IMMIGRAZIONE
• Cooperazione internazionale finalizzata anche alla stipula di trattati per i rimpatri
• 10.000 nuove assunzioni nelle commissioni territoriali per valutare, in un mese, come negli altri paesi europei, se un migrante ha diritto a stare in Italia o no

TUTELA DEI RISPARMI DEI CITTADINI
• Risarcimenti ai risparmiatori truffati
• Creazione della Procura nazionale per i reati bancari
• Riforma bancaria Glass Steagall act contro le speculazioni

LA SANITA’ SI PRENDE CURA DI TE
• Aumento delle risorse per la Sanità Pubblica e riduzione sostanziale delle liste di attesa per tutti gli esami medici

17 MILIARDI PER AIUTARE LE FAMIGLIE CON FIGLI
• Applicazione del modello francese, rimborsi per asili nido, pannolini e baby sitter
• Introduzione iva agevolata per prodotti neonatali, per l’infanzia e per la terza età
• Innalzamento importo detraibile per assunzione di colf e badanti

BANCA PUBBLICA PER GLI INVESTIMENTI
• Creazione di una Banca pubblica per gli investimenti per piccole imprese, agricoltori e famiglie

LOTTA A CORRUZIONE, MAFIE E CONFLITTI D’INTERESSE
• Modifica 416 ter sul voto di scambio politico mafioso
• Riforma della prescrizione
• Daspo per i corrotti
• Agenti sotto copertura
• Intercettazioni informatiche per reati di corruzione

UNA GIUSTIZIA RAPIDA, EQUA ED EFFICIENTE
• Riduzione della durata dei processi
• Certezza del processo e della pena

GREEN ECONOMY: ITALIA 100% RINNOVABILE
• 200mila posti di lavoro da economia del riciclo rifiuti
• 17mila nuovi posti di lavoro per ogni miliardo di euro investito nelle rinnovabili e nell’efficienza energetica
• Uscita dal petrolio entro il 2050
• Un milione di auto elettriche

RIDUZIONE DEL RAPPORTO DEBITO PUBBLICO/PIL DI 40 PUNTI IN 10 ANNI
• Più ricchezza grazie a maggiori investimenti in deficit, ad alto moltiplicatore e con maggiore occupazione
• Riduzione spese improduttive
• Tagli agli sprechi
• Lotta alla grande evasione fiscale

SUPERAMENTO DELLA COSIDDETTA BUONA SCUOLA
• Piano assunzioni razionale in base al fabbisogno delle scuole
• Incremento spesa pubblica per istruzione scolastica
• Abolizione del precariato

VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL MADE IN ITALY
• Italia.it diventa la piattaforma e-commerce per i prodotti made in Italy nel mondo
• Maggiore tutela dei beni culturali
• Salvaguardia della qualità dei prodotti italiani minacciati dai trattati internazionali
• Creazione di un Ministero del Turismo separato da quello dei Beni Culturali

INVESTIMENTI PRODUTTIVI: 50 MILIARDI NEI SETTORI STRATEGICI
• Puntiamo su: innovazione, energie rinnovabili, manutenzione del territorio, contrasto al dissesto idrogeologico, adeguamento sismico, banda ultra larga, mobilità elettrica

SUPERAMENTO DELLA LEGGE FORNERO
• Quota 100 e Quota 41
• Staffetta generazionale
• Categorie usuranti
• Opzione donna


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Festival Sanremo Giovani 2018 Leonardo Monteiro

in Festival Sanremo 2018/Gabriella Chiarappa Blog/La Musica/Ultimi Pubblicati by

Leonardo Monteiro, un talento con il Cuore

Articolo di Gabriella Chiarappa
Articolo di Gabriella Chiarappa

La nuova edizione del Festival di Sanremo è alle porte, e si conferma come sempre l’evento di tendenza sui social network, dove inevitabilmente non mancano le sorprese, le scoperte, le notizie e qualche anticipazione sui vari partecipanti. Oltre alla categoria delle voci big della musica italiana, sarà presente la categoria delle giovani proposte con 8 giovani: Alice Caioli, Eva, Giulia Casieri, Leonardo Monteiro, Lorenzo Baglioni, Mirkoeilcane, Mudimbi e Ultimo. Tra loro una grande promessa, il talentuoso Leonardo Monteiro, già conosciuto per il suo passato non troppo lontano da ballerino professionista, e per la partecipazione al noto programma “Amici” di Maria De Filippi , in seguito coltiva la sua grande passione per il canto, studiando pianoforte, canto moderno e gospel presso diverse accademie, superando le difficoltà della vita e mettendo come sempre in primis il cuore. Nel suo percorso di studi di perfezionamento vocale ha la fortuna d’incontrare Dariana Koumanova, una delle piu’ grandi “vocal coach” del settore,  sua  manager e produttore, mentre  Adriano Pennino è il produttore artistico. Ospite a “Domenica in” il 21 gennaio 2018, Leonardo ha presentato il suo brano Bianca, un brano che emoziona e che entra nel cuore grazie alle sue parole e alla sua strabiliante interpretazione.                            27475-152-leonard-monteiro_jpg_620x250_crop_upscale_q85La forza di Leonardo Monteiro non è solo di avere una grande tecnica ed estensione nella voce ma è quella di avere una sensibilità al di fuori del comune nel trasmettere le emozioni, quella rarità che appartiene a pochi e che il pubblico ama. Un testo che manda un messaggio d’amore e di speranza, che mette al centro di tutto l’amore prima ancora delle relazioni. Bianca è un brano già molto gettonato nelle radio in queste settimane, scritto da Vladi tosetto, noto per le varie collaborazioni con  grandi artisti del panorama musicale italiano come Giorgia con “Come saprei” brano vincitore a Sanremo, Morandi, Ramazzotti,  e Jo Coker mentre  il testo è di Marco Ciappelli. Un mix di ingredienti che creano la giusta ricetta per far si che Leonardo Monteiro possa essere considerato uno tra i probabili vincitori.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Santoro spara “M” addosso alla Raggi… Ennesimo attacco Fazioso

in Francesca Moroni Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by
santoro

Raggi, Santoro… Ennesimo attacco alla Amministrazione Capitolina.

E’ andata in onda su Rai3 la trasmissione serale di Santoro: ‘M’.

Un articolo di Francesca Moroni
Un articolo di Francesca Moroni

Inguardabile. Faziosa. Ingiusta. Nello studio di Santoro un attacco inaccettabile alla Sindaca Raggi: pare che tutti i problemi di Roma siano stati determinati dalla sua amministrazione. La sua giunta viene accusata di essere immobile. Si urla scandalizzati al fatto che Roma stia mandando rifiuti in altre regioni quando è dal 2013 che questo avviene a seguito della chiusura della discarica di Malagrotta, utilizzata da tutte le amministrazioni precedenti come unica destinazione di tutta la spazzatura romana.

Non una parola sulla raccolta differenziata porta a porta effettuata con lettori ottici che permetteranno, una volta a regime, una fatturazione puntuale. Sì pagherà in funzione della quantità di indifferenziato prodotto! Roma è gigantesca. 12 municipi di cui 1 solo è grande come tutta Milano. Hanno fatto partire il porta a porta dal quartiere ebraico ed ora lo stanno piano piano estendendo agli altri quartieri.

Non una parola sui due nuovi impianti di compostaggio progettati con la stessa filosofia dell’impianto di Porto, considerato l’impianto di eccellenza in Europa. Non una parola sulla carenza di mezzi e sulle gare d’appalto fatte per acquistarli e andate deserte. Così funzionava con Mafia Capitale: ditte che facevano cartello e non si presentavano per due volte alle gare d’appalto per poter poi ottenere l’affidamento diretto dal politico amico di turno. Non una parola sull’assenza totale di mezzi comunali per la manutenzione del verde pubblico. Con Mafia Capitale si preferiva esternalizzare tutto e pagare cifre astronomiche a ditte amiche (molte di queste ora sotto inchiesta). Santoro tutte queste cose non le sa? Ha fatto pura disinformazione. Non esiste un giuramento di Ippocrate per i giornalisti? Come possono così impunemente distorcere la realtà?

Ho assistito alla presentazione del programma per la riduzione e gestione dei prodotti post consumo, tenuta a Salerno dall’assessore romano alla Sostenibilità Ambientale, Pinuccia Montanari. 

La Montanari ha illustrato con grande chiarezza ciò che l’amministrazione intende fare e l’attuale stato dell’arte. A Roma è in atto una vera rivoluzione: non più smaltimento dei rifiuti ma economia circolare, con il riutilizzo dei materiali post consumo. Si sta cercando di ricreare una filiera che possa rendere Roma autonoma nella gestione dei rifiuti. Ci vorrà del tempo, lasciamoli lavorare in pace!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: intelligente sì, ma meglio stupida

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog/Ultimi Pubblicati by
La sindrome di Nonna Papera: intelligente sì, ma meglio stupida

Gli uomini si sentono attratti dalle donne dotate di intelletto ma poi preferiscono quelle oca-giuliva style

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

La domanda è: perché? Perché???
Ci teniamo tanto a sfoggiare i nostri neuroni ma a quanto pare se si vuole far colpo sugli uomini bisogna (bisognerebbe) tenerli nascosti.
Sì, ma perché?
Il quesito ha scomodato tre famosi atenei americani: la University at Buffalo nello stato di New York, la California Lutheran University e la University of Texas. Gli studiosi hanno condotto un interessante esperimento pubblicato su Personality and Social Psychology Bulletin e di cui potete leggere l’abstract qui: a un campione di un centinaio di uomini, hanno chiesto di immaginare un appuntamento e di poter scegliere tra donne brave e meno brave a risolvere problemi matematici; la maggioranza ha scelto quelle più brave. In seguito hanno proposto di incontrare donne con un quoziente intellettivo più alto del loro: immediatamente l’atmosfera si è raffreddata. La maggioranza degli uomini le ha trovate poco attraenti, con scarso appeal, quindi ha manifestato un desiderio più che pallido di stringere un qualsiasi rapporto, fosse anche una semplice conversazione.
Dunque, questo perché?
Semplice. Perché il maschio Alpha si sente minacciato da tutto ciò che lo sovrasta o che potrebbe farlo. Deve comandarlo lui, il gioco, ed è più facile fare la parte dell’Eroe che mette tutti sotto la sua ala protettiva se la partner è una svaporata tutta meraviglia e gridolini.
Sto estremizzando, ma neanche tanto. Lo sapevo di aver ragione quando sostengo che le cosiddette Donne Mollicce vincono su quelle Toste. Vincono nel senso che troveranno sempre qualcuno che porti loro la valigia, che le accompagni a casa pure la notte del 31 dicembre sotto i botti con la macchina nuova, che risolva ogni rogna mentre loro se ne stanno sul divano a contemplare desolate l’unghia spezzata durante il corso di zumba.
Ma com’è, e qui mi rivolgo a voi, signori uomini: com’è ‘sta cosa? È vera? E se sì, come funziona? Ma davvero l’intelligenza fa così paura? E perché la considerate una sfida invece che una collaborazione? Ma davvero vi piace accompagnarvi a una con le sinapsi anestetizzate?
In genere funziona così: vi innamorate di una donna intelligente (perché sono quelle, che vi piacciono) ma scapperete da suddetta donna per finire nel becco di un’oca giuliva che spingerà al suicidio il vostro lobo frontale e infine vi farete come amante un’altra donna intelligente per sfuggire alla cretineria quotidiana. Che casino…
Ma si sa, mettervi nei casini è una vostra prerogativa che non rende giustizia a quell’Alpha che portate stampata in fronte con tanta protervia.
Le cretine (che poi in fatto di conservazione della specie sono delle temibili competitors), loro sì che l’hanno capito, e sfruttano la vostra intelligenza come comodo tornaconto; consideratelo un piccolo dazio da pagare per avere al vostro fianco una pianta grassa (anche se fa la dieta).
Ma tranquilli: le donne intelligenti (quelle davvero intelligenti) non vogliono scalzarvi dal trono. A loro piace che voi abbiate il ruolo che vi appartiene, che facciate gli uomini. Alle donne intelligenti non interessa prendere il vostro posto; anche se portano i pantaloni restano donne. Le vostre donne. L’intelligenza in una coppia sta proprio nel non creare competizione ma complicità.
E se dopo anni e anni di studi e psicoterapie ancora non avete afferrato il concetto, allora è logico chiedersi il cretino chi è.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Corviale, una Gallery di Bellezza in una Fortezza Urbana

in Alessio Sanfilippo Blog/CFP Project Blog/Fotografia Photo Blog/Ultimi Pubblicati by

Corviale non vuol dire solo alienazione ma anche Bellezza…

Tanta, tanta Bellezza, in un Km di Cemento brutalista… diamo un’occhiata alla Gallery…

Una Gallery di Alessio Sanfilippo
Una Gallery di Alessio Sanfilippo

Questa Gallery, realizzata durante una lezione di Fotografia con il CFP Project, Start Up di giovani alunni nata all’interno del Centro Nicoletta Campanella, la Scuola di Formazione Professionale sulle Arti Multimediali del Comune di Roma,  ed è sicuramente rappresentativa di un certo tipo di bellezza tipicamente mediterranea che popola i nostri Panorami suburbani. Modelle, nuove al grande pubblico, ma già estremamente professionali ed accattivanti, che la nostra Partner, l’agenzia Miss Tres Chic, ci sottopone ogni settimana.

Le giovani Star fotografate in questa sessione, sono: Melania Di Nardi, Flavia Tave, ed Erika De Luna… ci ha accompagnato anche il Fotografo Massimo Paradiso.

Docente: Alberto Marolda

Restate sintonizzati, ne vedrete delle belle!!


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

“TapisrouLAND” il nuovo singolo di O’Priò

in Anna Lamonaca Blog/La Musica/Ultimi Pubblicati by
IMG_20180118_113524 (720 x 379)

Faccia a faccia con il giovane rapper napoletano che ha presentato da poco il video realizzato con Pepp-Oh

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca

O’Priò è un giovane rapper napoletano, dallo stile inconfondibile che sta piano piano attirando le attenzioni di un pubblico sempre più numeroso e le sue canzoni stanno diventano un punto di riferimento nel mondo del rap partenopeo. A voi l’intervista con questo giovane, talentuoso ragazzo che sta cominciando a muovere i suoi passi da solista, ma vanta anche collaborazioni con alcuni dei più grandi rapper del momento da Clementino a Dj Uncino e molti altri .

IMG-20180118-WA0003-1

Ciao O’Priò innanzitutto complimenti per il brano “TapisrouLAND” realizzato con Pepp-Oh: vuoi parlarci di questa canzone?
“Innanzitutto grazie per i complimenti. Questa canzone rappresenta uno spaccato critico dell’Italia intesa come Paese (Land) stagnata in una condizione di stallo, nella quale, per quanto tu ti dia da fare, per quanto tu corra verso la realizzazione dei tuoi sogni, in realtà resti li. Un po’ come su di un tapis roulant.”
Da dove nasce la vostra alchimia artistica? “L’alchimia artistica con Pepp-Oh è la conseguenza di una grande amicizia innanzitutto umana, pluriennale, che ha portato a conoscerci ben prima che lo stesso Peppe avviasse la sua carriera artistica.”
Spiegaci l’origine del tuo pseudonimo, perché hai scelto O’Priò? “O’Priò è il nome affibiatomi dal quartiere da cui provengo. E’ usanza di chi intraprende questo tipo di percorso artistico, far sì che sia il quartiere da cui provieni, che rappresenti nei tuoi testi, a decidere del tuo nome. Il mio cognome è Priore, per il mio quartiere “O’Priò”.
Parlaci del tuo primo album ufficiale da solista intitolato “Dreamlike”… “Dreamlike, è un concept album incentrato sul tema dell’onirico (Dreamlike) che percorre tutto l’excursus di sogni, paure, turbamenti che riguardano la mia persona. Un viaggio nel mio inconscio, proprio come fosse un sogno, quindi onirico, quindi Dreamlike.”
Nel 2016 hai invece iniziato a lavorare ad “Hardcoristi Anonimi” da dove ha genesi questo progetto? “Dal mio inconscio, dalla mia necessità di esternare in versi tutto il senso di disagio ed inadeguatezza inevitabilmente scaturito da quella innumerevole serie di controversie caratterizzante il nostro Belpaese, la società moderna, con tutti i suoi (mal)usi e (mal)costumi”.
Nelle tue canzoni emerge un universo di riferimento che è quello della periferia napoletana anche se in esse s’identificano molte persone, si può dire “Che tutto il mondo è paese” ?
“Direi piuttosto che tutto “l’immondo” è Paese. Questo mondo, considerando i criteri sul quale verte, si basa su di un concetto contro-culturale che porta ad allontanare il prossimo, accrescere l’avidità, appiattire la propria umanità. Ci si dispera più per un display rotto che per i propri vicini che vengono sfrattati.”
Cosa vuol dire per te rappare? “Per me rappare vuol dire avere una linea d’equilibrio all’interno del caos caratterizzante la nostra società, avere un punto di riferimento, affinché possa restare sempre lucido, vigile e concentrato sulla mia persona e sui miei obiettivi tramite l’esternazione del senso di disagio che altrimenti incamerato dentro me provocherebbe destabilizzazione. È una vera e propria psicoterapia”.
Hai cantato con molti rapper, vuoi ricordarci qualcuno in particolare? “Con alcuni quali Clementino, DjGruff, Oyoshe, DjUncino ho collaborato in alcune tracce con altri, ho calcato gli stessi palchi con Speaker Cenzou, La Famiglia, Co’Sang, Fuossera…. Artisti che portano in alto la bandiera Partenopea”.
A tuo parere queste collaborazioni sono state molto importanti? “Ogni collaborazione a mio avviso è importante. Ti dà la possibilità di un interscambio d’esperienze umane ed artistiche volto a lasciare un accrescimento reciproco che risulta quasi sempre migliorativo, sotto ogni punto di vista.”
Come ti sei avvicinato al mondo del rap? “Mi sono avvicinato al mondo del rap tramite Neffa, La Famiglia, Speaker Cenzou, Articolo 31, Sottotono, Frankie Hi-Nrg… Per quelli della mia annata veri e propri mostri sacri”.
C’è un rapper in particolare che segui come modello? “Sono tanti i rapper che stimo e seguo, difficile sancirne uno specifico, troppo limitativo.”
A quale delle tue canzoni sei più legato e perché? “Lettera al politico. Perché fu uno spartiacque, da quel momento, oltre ad esser noto per l’arte dell’improvvisazione rimata (freestyle), iniziai a farmi un nome anche come autore di testi.”
Chi è O’Priò? Definisciti con 3 aggettivi… “Tre aggettivi? Bello, muscoloso, ma soprattutto BUGIARDO!”
Cosa vorresti che fosse recepito dal tuo pubblico e dall’Italia intera? “Vorrei che la gente tornasse a percepire il rap come un viatico volto a sensibilizzare l’animo e lo spirito, a risvegliare coscienze, a stimolare menti e a sollecitare al raziocinio. La missione è però ardua, soprattutto considerando che il music business sta indottrinando le nuove generazioni con figure estremamente ambigue e per nulla costruttive poste davanti ai riflettori come Rappers, anche se non fanno rap.”
A cosa stai lavorando? Cosa dobbiamo aspettarci nel 2018 da O’ Priò? “A cosa sto lavorando? Ci sono tanti progetti in cantiere ma anziché dare anticipazioni , vi invito a seguirmi sulla mia pagina facebook  e intanto godetevi il video del singolo “TapisrouLAND”
Grazie della bella chiacchierata! God Bless Ya’ll!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Corso di recitazione con Gian Paolo Mai e Nancy Mastia

in Anna Lamonaca Blog/Il Cinema/Ultimi Pubblicati by
IMG-20180114-WA0004-2 (720 x 379)

Domenica 28 gennaio a Napoli, workshop presso l’Accademia Musica È

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca

Workshop intensivo e casting, presso l’Accademia Musica È (Centro Direzionale Isola F12), con l’attrice Nancy Mastia ed il regista Gian Paolo Mai.
L’interpretazione, l’energia e la consapevolezza dell’attore sul set.
Come orientarsi nel mondo dello spettacolo.
Si lavorerà davanti alla telecamera, indispensabile per apprendere l’energia da utilizzare lavorando sulla “sottrazione”.
Gian Paolo Mai regista e autore di Giancarlo Giannini, Paola Gassman, Ugo Pagliai e già casting director di varie fiction Rai e Mediaset (Provaci ancora prof, Gente di mare, Questa è la mia terra) insieme a Nancy Mastia, attrice, cantante e ospite di Paolo Bonolis guideranno gli allievi verso la conoscenza e la giusta interpretazione dello studio e delle azioni nonché della costruzione del personaggio e la sua interpretazione.
Alla fine dello stage verrà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza.
Informazioni al 3338260624

received_10215439055919493


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

“Vorrei parlarti d’amore”, la nuova silloge poetica di Lorenzo Barbieri

in Anna Lamonaca Blog/La Cultura/Ultimi Pubblicati by
Vorrei parlarti dAmore (1) (720 x 379)

Una silloge dedicata al tema amoroso è il nuovo lavoro dello scrittore poeta

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca

“Vorrei parlarti d’amore, con quelle belle frasi che ti piacciono tanto. Vorrei dirti parole diverse da quelle che riesco a dire. Parole che ho letto per delle notti intere cercando di capire come si fa a metterle insieme per esprimere un sentimento, così delicato, così fragile. Sembra facile, ma non riesco a pronunciare nemmeno due semplici paroline:“ ti amo”.

Parte da questa considerazione il percorso poetico di Lorenzo Barbieri nel suo nuovo libro per conoscere meglio l’autore ed il suo libro lo abbiamo intervistato:
Lorenzo esaminiamo il tuo ultimo libro intitolato “Vorrei parlarti d’amore”, è una raccolta di poesie che ha come tema comune quello dell’amore, perché hai scelto proprio questa tematica? “L’amore nell’arte poetica è sempre stato il fulcro sul quale si sono mossi tutti i grandi scrittori, esso arde, nei cuori di tutti, anche in quelli dei giovani d’oggi i quali forse non sanno che se solo si fermassero un attimo a riflettere, forse potrebbero innamorarsi.”
Che cos’è per te l’amore? Non pensi che in questi tempi moderni in cui tutto corre repentino questo tema venga un po’ troppo inflazionato? “Più che inflazionato se ne fa un uso improprio, si confonde con amore altre cose non sempre piacevoli, vedi l’aridità dei cuori di alcuni uomini che per amore usano violenza alle donne che dicono di amare. L’amore è un’altra cosa!”
Il libro reca in copertina un’immagine di una donna perché la hai scelta? “Scegliere una copertina non sempre è facile, ma quell’immagine di donna eterea quasi irreale dipinta da te, ha saputo richiamare alla mente figure antiche, donne di un tempo, Beatrice, Laura, Francesca. Hai saputo cogliere quella semplicità di un viso innocente. Devo dire brava e soprattutto grazie a te Anna, che mi hai onorato della tua amicizia e della tua disponibilità nel concedermi l’uso della tua opera.”
Sei figlio di bibliotecari, quando nasce la tua passione per la scrittura? “Questa è una domanda che si perde nel tempo, potrei dire da sempre, perché ho trascorso la mia infanzia all’interno della Biblioteca Nazionale e il mio rapporto con il libri è stato subito viscerale, a dieci anni avevo alle spalle letture che non ho più fatto nemmeno da grande. Di conseguenza lo scrivere è risultato più che scontato. Quello che era una cosa normale è diventata nel tempo una vera passione. “
La silloge rappresenta un percorso a ritroso, un viaggio nel tempo in cui cerchi di ricordare i momenti più vividi ed importanti della tua vita, si può dire che la poesia è il luogo per eccellenza della memoria? “Questa raccolta se la si legge in un certo modo rappresenta tutto il percorso della mia vita. Quale quindicenne non ha mai pensato di scrivere una poesia per i suoi primi innamoramenti? Quella è l’età giusta per cercare di esprimere i tumulti che accadono all’interno di un giovane corpo, si vorrebbe dire, fare, scrivere tutto quello che si sente per impressionare l’oggetto del desiderio. La raccolta parte proprio da questa necessità dal titolo “Vorrei parlarti d’amore”, ma non sono capace, non ho ancora l’esperienza per formulare pensieri poetici come li vorrei esprimere, poi prosegue e man mano si prende coscienza. Ci sono poesie scritte a vent’anni altre a trenta e, così di seguito fino a oggi, alla soglia dei settantasei anni. Una vita trascritta in versi.”

foto io (1)
Molte tue liriche sono dedicate a donne che hai conosciuto, descrivono sguardi, profumi, visioni che si tramutano in malinconia, si può definire questa raccolta di poesie un inno alla”giovinezza”? “Certo la giovinezza ha un ruolo primario nello scrivere poesie d’amore, ma come ho detto, la vita è tutta una poesia, cambiano la genuinità della gioventù, la maturità dell’uomo arrivato al limite della sua espressione, ma la possiamo ritrovare anche nella senilità, dove la vita ti ha segnato con tutte le sue esperienze.”
Che cosa rappresenta per te scrivere? “Scrivere è un voler fare emergere dal buio tutti i pensieri accumulati nel corso degli anni, ho avuto sempre dei periodi di “ispirazione “ dove potevo scrivere decine di poesie in un giorno e altri di vuoto mentale che mediamente sono durati anni e anni. Superati gli anni duemila è scatta la necessità di esprimermi in forma diversa dalla poesia. La narrativa è partita dal riportare la poesia al centro dell’interesse e trasformarla in un racconto più o meno lungo. Molti delle mie storie sono nate da una poesia, ho sviluppato il tema ed ecco la storia scritta.”
Perché i lettori devono leggere “Vorrei parlarti d’amore”, sto invitando ad autopromuoverti… “In questi giorni di analfabetismo mentale, dove la cosa più importante è farsi dei selfy o chattare tutto il giorno con il cellulare, uscire con un libro di poesie può sembrare anacronistico, ma la poesia non è morta, lei c’è! Esiste in ognuno di noi solo che in molti sono distratti e non se ne rendono conto, altri lo sanno ma sembra si vergognino di esternarla. Questo libro vorrebbe aiutare, chi non sa parlare d’amore, a trovare fra le righe la parola giusta, l’espressione che potrebbe piacere all’altra metà del cielo.”
Dove si possono trovare i tuoi libri? “Per quanto riguarda i miei libri ci sono due opzioni. Quattro sono stati editati da casa editrice e sono in vendita in molte librerie su prenotazione oppure on line sul sito IBS.it. basta scrivere il mio nome. L’altra soluzione, invece, riguarda il resto della produzione, si trova sul sito “Ilmilibro.it ” si difita il mio nome sulla pagna e si possono visualizzare venticinque titoli, tutti in vendita, basta metterli nel carrello. Altri libri invece sono inediti, ancora nel cassetto.”
Siamo in continuo cambiamento, chi è in questo momento Lorenzo Barbieri? “Chi è Lorenzo Barbieri? Semplicemente un uomo sul viale del tramonto, carico di anni e di esperienze che vorrebbe trasmettere storie ai giovani e la visione di un mondo che loro non conoscono o al massimo ne hanno sentito parlare. Mi auguro che ogni generazione viva la propria vita convinta di essere quella migliore o peggiore, ma nessun confronto sarà mai possibile. Chi ha avuto il privilegio, come me, di vivere la propria vita a cavallo di generazioni completamente diverse fra loro, sa bene le difficoltà che ha dovuto affrontare per districarsi fra le differenti interpretazioni della realtà in cui si veniva a trovare.”
C’è qualcuno che vuoi ringraziare? Hai debiti o crediti d’attribuire? “Ringrazierei innanzi tutto qualcuno che mi ha permesso di arrivare dove sono adesso, mia madre che con il suo rigido insegnamento mi ha tenuto costantemente sulla retta via, fino a che ha potuto, mio padre che con la sua tenace pazienza si è accollato gran parte dei miei difetti, alla fine, mi sono arreso io e ho rigato dritto. Non ho niente da chiedere a nessuno, forse qualche parolina al destino gliela direi, ma si sa quello non fa sconti a nessuno, quindi va bene così.”
A chi è dedicato questo libro? “A chi si potrebbe dedicare un libro come questo? Esso è un insieme di parole, versi, pensieri, ricordi di un tempo che ha attraversato una intera vita perciò lo dedico alla mia compagna di sempre, abbiamo superato lo scoglio dei cinquanta di matrimonio. Lo dedico anche ai giovani per i motivi per risvegliare in loro la consapevolezza che dire “ti amo” alla fine non è così difficile. Basta spegnere i telefonini, fermarsi, guardarsi negli occhi e stringersi le mani, il resto viene da solo.”
Hai nuovi progetti nel cassetto? Vuoi anticiparci qualcosa? “I progetti in corso al momento non sono molti, attualmente ci sono in corso i risultati di due operazioni terminate da poco. L’uscita del mio libro dedicato a Napoli, la mia città natale. Un libro che parla di storie di persone che nei vicoli diventano personaggi di una commedia, la vita, che si svolge ogni giorno per le strade della città, si intitola “ Cronache napoletane” e non vorrei esagerare, ma credo che dovrebbe piacere molto ai miei concittadini. Storie vere romantiche, ma soprattutto vere, anche reali e crudeli. Questo è uno di quelli che si trova su IBS. L’altro progetto andato in porto è un libro su Silvi, il paese che mi ospita ormai da quasi vent’anni. Ho voluto ringraziare in questo modo il luogo che probabilmente mi vedrà fino alla fine. Una bella storia di una famiglia che vive il dramma dei cambiamenti che il progresso porta. Questo si trova su “Ilmiolibro”. Un progetto per il futuro è una storia dal sapore noir, come sfondo ho scelto Capri, mi duole per te  cara amica Anna Lamonaca che sei di Ischia, ma lo avevo già iniziato tempo fa, ma se ci sarà tempo per un’altra storia sarà ambientata a Ischia”.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

CAFIERO “Feriscimi”

in Anna Lamonaca Blog/La Musica/Ultimi Pubblicati by
Cafiero-720-x-379

Dal 12 gennaio in radio il nuovo singolo
estratto da “Cafiero”

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca

Arriva in radio, venerdì 12 gennaio, “Feriscimi” il nuovo singolo di Cafiero, secondo estratto dall’album “Cafiero”, prodotto da Andrea Tripodi e registrato al “Tree Studio” di Milano.
“Feriscimi” racconta di un amore passionale, intenso, divorante. Ricordi e consapevolezze affiorano in un brano dal ritmo incalzante con un riff contagioso che arriva all’anima e la travolge in un vortice di emozioni.
Cafiero, abile nel raccontare la vita attraverso testi incisivi accompagnati da un sound corposo ed ammaliante, mette a nudo il proprio “sentire”, espressione pura di una creatività istintiva. Parole e musica si fondono dando vita ad un’ armonia perfetta, dall’impatto immediato.
“Feriscimi”, brano con il quale l’artista ha partecipato nel 2016 al contest “MTV New Generation”, è tra i quattro inediti contenuti nel disco, disponibile (dallo scorso 8 settembre) in digital download e su tutte le piattaforme streaming.
L’ep, dal sapore rock, è frutto di intensi anni di lavoro, di sperimentazioni, di numerosi live in Italia, in Europa e in America. Ogni brano genera una particolare forza persuasiva per la valenza dei testi e per la bellezza del suono su cui si adagia l’elegante voce del cantautore.
Un’opera discografica sorprendente che consente di definire Cafiero uno degli artisti più interessanti del panorama musicale italiano.

Cafiero, all’anagrafe Salvatore Cafiero (musicista, cantautore e produttore), vanta una carriera illustre caratterizzata da una vasta esperienza live, non solo in Italia ma anche in Europa e in America, e da una serie di collaborazioni prestigiose.
Fondatore dei Super Reverb, nel 2011 intraprende ufficialmente la carriera da solista con il nome Cafiero ed entra a far parte, come chitarrista, della band di Dolcenera.
Nel 2014, dopo una serie di show live negli Stati Uniti, pubblica l’Ep “Suck my Blues”. Dallo stesso anno, ad oggi, è membro della band di Gianluca Grignani.
Segue una collaborazione con Eros Ramazzotti e il 1° settembre 2015 si aggiudica il premio “Miglior chitarrista dell’anno” al concorso indetto dal “MEI”. Successivamente, collabora anche con i Tiromancino, Nek ed Elodie.
L’8 settembre 2017 Cafiero pubblica il suo primo disco ufficiale dal titolo omonimo “Cafiero”. Un traguardo importante che segna l’inizio di un nuovo ed entusiasmante cammino.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Virginia Raggi e Giletti, che tosta la “ragazzina”, eh?

in La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

La Sindaca Virginia Raggi regge bene il confronto con l’inossidabile Giletti…

E’ troppo facile attaccare la Raggi, ed in campagna elettorale serve a qualcuno ancora di più, ma Virginia Raggi… Quanto posso parlare? E lo zittisce…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un articolo di Alberto Marolda

Ogni santa volta che ci troviamo a parlare con persone, amici, parenti, estranei, che non sono del Movimento Cinque Stelle, l’argomento di critica principe è Virginia Raggi, nemmeno Roma, no, è Virginia…

Sempre quanto è incompetente, quanto è incapace, quanto è ragazzina, quanto è inadatta al ruolo, e quindi quanto è specchio dell’inadeguatezza del M5S… quando va bene… ma quando va male, invece, quanto Virginia sia furbetta e, sotto sotto, anche corrotta…

Ma, dico, li vuoi strozzare? No, perché mica ti ascoltano, no, loro sono depositari del sapere divino (PD o Berlusconi, decidete voi..) e non scendono a compromessi, la Raggi deve andare via, e sparire, estinguersi come tutti i Grillini… ma, Alberto, come fai a seguire il Movimento… ma che schifo, vergognati!

Poco importa che la “ragazzina” sappia rispondere colpo su colpo, e che i Malanni di Roma vengano dal passato, da Sindaci di altre parti politiche, no… non ascoltano, non leggono, il loro è un partito preso, a prescindere, i Grillini puzzano, non si lavano, sono incompetenti e si mangiano i bambini!!

Dovremo tornarci su questo atteggiamento decisamente Snob, di larga parte della Borghesia italiana, anche perché è esso stesso il primo danno e causa della “pessima”, dicono loro, compagine Grillina… il M5S, specialmente dopo le recenti aperture all’appartenenza effettuate per le Parlamentarie, è di fatto l’unica forza politica in Italia, dove io e te, si, tu che mi leggi, possiamo entrare e candidarci senza dover passare sotto le forche caudine di qualche Ghenga di Palazzo… l’unica Forza Politica dove il voto popolare può ancora contare qualcosa, e quindi l’Unica Forza Politica Italiana che può essere scalata dal basso, perciò, che vuoi di più? Non ti vanno bene il Dibba, la Lombardi, Morra e tutta l’allegra compagnia? Allora scendi in campo e scalali candidandoti, cosi li cambi tu stesso, non continuare a fare il buffone marcandoli di incompetenza, perché il rischio è che la figura sia te a farla…

Divago, e ci ritorneremo sopra, perché la Democrazia è ancora importante per noi, ora però, visto che già stamane alla Radio Cxxxxxx parlavano male della Raggi vista da Giletti, usando ad arte spezzoni estrapolati dalla trasmissione, ecco che noi vi postiamo il pezzo intero, preso tra l’altro dalla pagina Facebook di Virginia, perché Lei, è la prima a metterci la faccia, come sempre…

Cosi vi fate un’idea finalmente vostra se la Virginia Raggi è davvero incompetente, incapace, ragazzina, inadatta al ruolo, e quindi specchio dell’inadeguatezza del M5S… quando va bene… ma quando va male, invece, Virginia sarebbe sia furbetta che, sotto sotto, anche corrotta…


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Cavalier Berlusconi, attenzione, Di Maio mangia i Bambini…

in Alberto Marolda Blog/Elezioni 2018/La Politica/Le Chicchette/Ultimi Pubblicati by
Berlusconi-di maio mangia bambini vecchio

Berlusconi, per “Colpa” dei Grillini, torna tutta l’allegra brigata del vecchio Centro Destra italiano…

Uno Pseudo Centro Destra che non vuole rendersi conto che il suo tempo è, ormai, passato…

Una Nota del Direttore Alberto Marolda
Un articolo di Alberto Marolda

Un Re ex decaduto che si crede di nuovo un Dio in terra incontrastato, una dolce neomamma panchinara a vita, ed un simpatico Gaglioffo da bevuta al Bar dello Sport. Questa è, purtroppo, la compagine di centro-destra italiana, comandata da uno che, fra l’altro, pur avendo 81 anni suonati, continua ad avere un’incredibile lucidità mentale degna di un arzillo ventenne. Uno stratega sopraffino, crede lui, ma anche uno spietato cane da presa… una Volpe… Il ritorno di un vero Santo, il Berlusconi che incassa le scuse di Le Monde (vabbeh, dovete arrivare al termine dell’articolo per trovarle ben nascoste), anche qui, la rinnovata attenzione dell’Herald Tribune, i riconoscimenti di Bill Emmott, l’ex Economist che lo distrusse solo pochi anni fa, ed oggi lo riconosce come unico baluardo contro i Grillini, la riammissione in Paradiso dal New York Times, dall’inglese Guardian (…clik anche qui), e dal Times, ormai è lanciatissimo…. non lo ferma più nessuno…

Il dolce Silvio manda addirittura chiari messaggini al Parlamento Europeo con un bell’avvertimento, “Cari Signori, caro Jean-Claude Juncker, caro Donald Tusk, se prima delle elezioni, non mi date la sentenza positiva della Corte Europea, io mi riprendo il mio Tajani, il Presidente dell’Euro Parlamento che vi ha ricostruito i tanto compromessi equilibri di potere continentali…”.

No sentenza? No Tajani, e così sò caxxi per trovarvi un altro Presidente, ora che dovete affrontare la Brexit vera… altri candidati non ce ne stanno, volete mica finire in mano ai Populismi? Nono… Berlusconi…

Berlusconi.. Uno Stratega sopraffino, uno che da Arcore, oggi altro che Villa Arzilla, berlusconi_sunday_times--400x300ha ripreso a muovere le sue truppe con la precisione del migliore orologiaio svizzero…

Altro che Risiko da mesta serata di pioggia in memoria del Bunga Bunga... e poi… mo quello chi è? Ma che vole?
Il Salvini si atteggia, e da pure fastidio?

Ecco che dalla tasca scura del Berlusca Machiavelli, ti esce il “vecchio ed inossidabile sorriso” del serio Maroni che, inspiegabilmente, decide di colpo di non ricandidarsi alla Regione (Ma come? Non aveva fatto così bene?)… 1,2,e 3… ed ecco che nella Lega iniziano a fare a capelli… a Salvì, ma che fai, rompi? Che vuoi comannà te? Statte bono che sennò te sparo un Maroni fra i coj… Bung, bang, skiaff, boink, bunga, bunga (… rumore di pugni, paccheri ed altro…)

Berlusconi… comanda sempre lui… credevate di esservene sbarazzati? Nono, tutti a tornà da lui, il casello di Arcore si intruppa di nuovo… c’è la folla di ritorno, perché sennò, ce sò i Grillini, Di Maio in testa, quelli che mangiano i bambini (Hu? Ma non erano i Comunisti a farlo?), e non possiamo permetterlo, l’Europa, mica vuole…

Olgettine di tutto il mondo, allegre, che il Papi è tornato…

Alla Grande!!!

Ma vi ricordate le domande di Repubblica?


Ti piace ciò che facciamo? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante per noi. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La Cantata dei Pastori, un successo Internazionale che merita una casa

in Gabriella Chiarappa Blog/La Cultura/Pepsi e Popcorn Blog/Ultimi Pubblicati by
Fiorella Passante (2)_preview

La Cantata dei Pastori di Peppe Barra al Teatro Politeama di Napoli

Articolo di Gabriella Chiarappa
Articolo di Gabriella Chiarappa

La Cantata dei Pastori… Grande emozione e grandi applausi per la conclusione dello spettacolo classico di Natale al Teatro Politeama di Napoli, andato in scena dal 14 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018. Uno degli spettacoli più caratteristici della tradizione popolare napoletana. Scritta nel 1698 da Andrea Perrucci, “La Cantata” è stata sempre rappresentata e rielaborata nel tempo, descrive senza dubbio il testo teatrale più longevo della tradizione del teatro barocco napoletano.

25498446_1355751171200902_1277862718893312085_n (1)

Da quarant’anni il grande maestro Peppe Barra  porta in scena quest’opera da lui definita “Il Presepe in movimento” rendendola ogni anno piu’ emozionante e coinvolgente. La storia racconta  delle avversità di Giuseppe e Maria per giungere a Betlemme e gli ostacoli che incontrano per arrivare alla grotta della Natività, accompagnati in questo lungo viaggio da due ladroni che ritroviamo nella figure di Razzullo, scrivano reclutato per il censimento e Sarchiapone,  barbiere pazzo.

la cantata

Un successo che conferma la capacità di entrare in grande sinergia con la tradizione e l’attualità, un’ ironia ed una semplicità nel linguaggio che appartiene al popolo che in primis si sente parte integrante di uno spettacolo che anima e scalda i cuori di tutti. Un interpretazione unica con artisti di calibro che ha visto lo stesso regista Peppe Barra, protagonista nel ruolo di Razzullo, la stupefacente Rosalia Porcaro nel ruolo di Sarchiapone, la talentuosa Maria Letizia Gorga nel ruolo di (Zingara/Gabriello), Patrizio Trampetti (Diavolo Oste/Cidono), Marco Bonadei (Demonio), Enrico Vicinanza (Ruscellio), Francesco Viglietti (Armenzio), Andrea Carotenuto (Giuseppe), Chiara Di Girolamo (Maria Vergine) e il piccolo Giuseppe De Rosa (Benino).

Ph . Fiorella Passante 1_preview

Le musiche sono di Lino Cannavacciuolo e Roberto De Simone. Le scene sono di Tonino Di Ronza , i costumi di Annalisa Giacci, le coreografie di Erminia Sticchi, Assistenti della Regia Francesco Esposito e Gennaro Monti assistenti alla Scenografia Emanuela Ferrara e Lucio Valerio, assistente ai Costumi Antonietta Rendina. Un’opera che ogni anno rischia di non avere una casa a Napoli e che in realtà merita di essere protetta, perché “La Cantata” è un monumento e rappresenta un pezzo di grande storia napoletana, che merita di avere una dimora fissa e non occasionale, considerando che rappresenta un opera d’importanza mondiale e che ogni anno è vista da piu’ di 10 mila persone.

Un invito a tutti  #DateUnaCasaAllaCantata


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?





Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Roma, Eliseo, Sogno di una notte di mezza estate, Gennaio 2018

in Comunicati Stampa/Eventi by

Eliseo: Sogno di una notte di mezza estate

di William Shakespeare

Adattamento di Massimiliano Bruno e Francesco Bellomo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Se noi ombre vi abbiamo irritato non prendetela a male, ma pensate di aver dormito, e che questa sia una visione della fantasia…noi altro non v’offrimmo che un sogno

TEATRO ELISEO

Da martedì 9 a domenica 28 gennaio 2018

Con

Stefano Fresi Giorgio Pasotti Violante Placido Paolo Ruffini

e con

Claudia Tosoni | Dario Tacconelli | Rosario Petix Zep Ragone | Maurizio Lops | Tiziana Scrocca

(compagnia formata da 14 attori)

Regia Massimiliano Bruno

Coreografie Annalisa Aglioti  Produzione L’Isola Trovata

Orario spettacoli: martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00

Primo sabato di programmazione doppio spettacolo ore 16.00 e ore 20.00 mercoledì e domenica ore 17.00

Biglietteria tel 0683510216 Giorni e orari: lun. 13 – 19, da martedì a sab 10.00 – 19.00, dom 10 – 16

Via Nazionale 183 – 00184 Roma Biglietteria on-line: www.teatroeliseo.com e www.vivaticket.it

Call center Vivaticket: 892234 Prezzi da 20€ a 40€

Un vero e proprio teorema sull’amore ma anche sul nonsense della vita degli uomini che si rincorrono e che si affannano per amarsi, che si innamorano e si desiderano senza spiegazioni, che si incontrano per una serie di casualità di cui non sono padroni. Mito, fiaba e quotidianità si intersecano continuamente senza soluzione di continuità all’interno di questa originale versione del noto testo shakespeariano.

Quello che voglio da questo Sogno è tirare fuori la dimensione inconscia che Shakespeare suggeriva neanche troppo velatamente. Puntellare con l’acciaio la dimensione razionale imprigionata nelle regole e nei doveri bigotti e rendere più libera possibile quella onirica, anarchica e grottesca. E così il nostro bosco sarà foresta, Patria randagia di zingari circensi e ambivalenti creature giocherellone, Puck diventerà un violinista che non sa suonare, Bottom un pagliaccio senza palcoscenico, Oberon un antesignano cripto-gay e Titania una ammaestratrice di bestie selvagge. L’intenzione è essere affettivi senza essere affettuosi, ferire per suscitare una reazione, divertire per far riflettere, vivere nella verità del sogno tralasciando la ragione asettica e conformista. Un ‘Sogno di una notte di mezza estate’ che diventa apolide e senza linguaggio codificato, semplici suoni e immagini che sono meravigliose memorie senza mai essere ricordiMassimiliano Bruno

PERSONAGGI E INTERPRETI: GLI ALTOLOCATI TESEO, IL DUCA Giorgio Pasotti IPPOLITA, LA REGINA DELLE AMAZZONI Violante Placido EGEO, IL PADRE DI IRMIA Rosario Petix GLI INNAMORATI ERMIA, FIGLIA DI EGEO Alessandra Ferrara ELENA, INNAMORATA DI DEMETRIO Claudia Tosoni LISANDRO, FIDANZATO DI ERMIA Tiziano Scrocca DEMETRIO, CORTEGGIATORE DI ERMIA Antonio Gargiulo I COMICI QUINCE Maurizio Lops SNUG Rosario Petix BOTTOM, PIRAMO Stefano Fresi FLUTE (TISBE) Dario Tacconelli SNOUT, MURO Zep Ragone IL BOSCO DEI SOGNI OBERON Giorgio Pasotti TITANIA Violante Placido PUCK, IL FOLLETTO DEL BOSCO Paolo Ruffini FIOR DI PISELLO Annalisa Aglioti FATINA Sara Baccarini

Durata: 2 atti – 2 ore e 15 minuti (intervallo compreso)


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

“Lady Oscar” trionfa al teatro Orione a Roma

in Gabriella Chiarappa Blog/La Cultura/Pepsi e Popcorn Blog/Ultimi Pubblicati by
IMG_6062

 

Lady Oscar un classico rivisitato per grandi e piccini a Roma

Articolo di Gabriella Chiarappa
Articolo di Gabriella Chiarappa

Lady Oscar… Il personaggio che ha fatto sognare grandi e piccini, riscuote un grande successo per la prima del musical “Lady Oscar” – François Versailles Rock Drama,  ha debuttato  al teatro Orione, lo scorso  Venerdi’ 29 dicembre, aprendo anche la rassegna Mindie ideata e pensata con l’obiettivo di presentare al pubblico i migliori spettacoli indipendenti di teatro musicale sul territorio nazionale.

IMG_5924

La rassegna teatrale nasce da un’idea di Marco Spatuzzi e Andrea Palotto, autori di alcuni tra i più apprezzati e applauditi spettacoli teatrali delle ultime stagioni. Un pubblico commosso ed attento si è entusiasmato con la versione musical di uno dei cartoni animati più amati degli ultimi quarant’anni. Lady Oscar è un Rock Drama interamente italiano, intrepido e coinvolgente, narra la storia di una giovane nobile allevata come un uomo da un rigido e inflessibile generale francese che riuscirà a farla nominare, ancora giovanissima, capo delle guardie reali. Una ricostruzione attenta quella di Andrea Palotto, che abilmente reinterpreta la storia dell’eroina francese, riuscendo a cogliere  i punti essenziali dei fatti storici e dei caratteri peculiari dei protagonisti.

IMG_6016

Un percorso che ritrae i momenti e i temi sociali del periodo in modo sottile e talvolta ironico, come i giochi di potere, la disuguaglianza, la povertà e la voglia di riscatto di un popolo oppresso. Temi  assolutamente veri protagonisti dell’intera vicenda.

Una buona interpretazione dei  sei personaggi principali: Chiara Famiglietti è Lady Oscar, Cristian Ruiz veste i panni dell’austero papà il Generale De Jarjayes, Giorgio Adamo è Andrè, amico fidato e sul finale suo amato compagno, Massimiliano Micheli interpreta un Robespierre originale e travolgente, Cristina Noci è Marie, forte e ironica nonna di Andrè, Igino Massei è il Duca d’Orleans che nel musical, il portatore dei pettegolezzi di corte. reinterpreta la storia dell’eroina francese, riuscendo a cogliere abilmente i punti essenziali dei fatti storici e dei caratteri peculiari dei protagonisti.

IMG_5813 (1)

Un ammaliante interpretazione che sceglie di raccontare e far emergere il malessere del popolo attraverso le parole de “L’Ami du Peuple” il giornale satirico di Marat, che con le sue critiche ironizzava una nobiltà decisamente disinteressata (qui immaginato come un teatro di burattini), non sono mancate le scene d’armi curate con grande maestria dal pluri campione del mondo a squadre di Spada, Stefano Pantano.

Uno spettacolo da non perdere per far rivivere le emozioni di un personaggio immaginario intramontabile. Musiche dal vivo, direzione e programmazione tastiere, Federico Zylka , chitarra Stefano Candidda, basso, Andrea Scordia, percussioni, Tiziano Cofanelli, ufficio stampa, Madia Mauro, fotografia di scena, Chiara Calabrò.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Calcio… Chi vince Il Campionato 2018? Francesco Marolda ci dice…

in Alberto Marolda Blog/Calcio Sport/Ultimi Pubblicati by

Campionato 2017/2018… Sarà il Napoli, sarà la Juventus? Quale sarà la squadra che alla fine vincerà?

Il Campionato.. E che cosa ci sarà dietro? L’Inter, la Roma e la Lazio? E questo Milan in crisi pesante, che cosa succederà alla truppa di Ringhio Gattuso e company? E per quanto riguarda la nazionale, chi arriverà, visto che Montella, che a tutti gli effetti sembrava fosse la prima scelta, ormai si è invece accasato al Siviglia?

Stiamo parlando di un arrivo di Ancelotti? Alla palla di vetro si esercita Francesco Marolda… ascoltiamolo parlarci delle possibilità del Napoli, di quelle della Juventus, della loro rosa di giocatori, della Champions che può distrarre la Juve, delle tre damigelle pretendenti ai posti di rincalzo, Roma, Inter, e Lazio, della coda del campionato, Benevento e Crotone, ed infine della Nazionale e del suo allenatore prossimo, scartato Montella ci vuole un allenatore con il piglio dell’internazionale, ma Conte non vuole tornare, Allegri ha ancora voglia di Campionati… ed allora chi? Marolda ci indovinerà? Vedremo, il Campionato è lungo, ed a differenza di altri in altre nazioni, Inghilterra con il suo Manchester City ad esempio, il nostro è ancora molto, ma molto incerto…

Stay tuned Folks!!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?






Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Invito a teatro con “Empanada, scultore di me stessa”

in La Cultura/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog/Ultimi Pubblicati by
Empanada promozione
Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Il titolo di questo spettacolo è “Empanada scultore di me stessa” e non c’è un errore di battitura!

“Empanada, scultore di me stessa”, il dramma che sarà al Teatro Testaccio dal 5 al 7 Gennaio affronta il tema dell’identità sessuale e lo farà attraverso l’uso della Maschera della Commedia dell’Arte.
La maschera è un oggetto ambiguo e legato fortemente all’ambiente teatrale fin dalle tragedie della Grecia antica.
Allora essa aveva molteplici funzioni, come la capacità tecnica di amplificare la voce dell’attore, o quella di permettere agli interpreti di poter recitare la parte di più personaggi durante lo stesso spettacolo e così anche nascondere dietro un ruolo femminile il volto di un attore uomo.
“Empanada scultore di me stessa” affronta anche quest’ultimo tema: la presenza della donna in teatro. Fino all’avvento della Commedia dell’Arte, infatti, il mestiere di attore era negato alle donne ed erano interpreti uomini (spesso quelli più esili) a calarsi nei panni dei personaggi femminili.
La maschera, in questo caso, rappresenta soprattutto il rapporto tra ciò che ognuno di noi ha dentro e ciò che invece mostra al di fuori.
Come sentenziava Shakespeare “Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori: essi hanno le loro uscite e le loro entrate; e una stessa persona, nella sua vita, rappresenta diverse parti. “ Tematica poi riaffrontata nel ‘900 da Pirandello ne “Il fu Mattia Pascal” che, nell’evidenziare il contrasto tra la realtà e l’illusione, sottolinea come quest’ultima diventi alla fine tanto penosa da spingerci ad una ribellione che ci fa stracciare la maschera che ci siamo imposti di indossare.
Una scelta di transizione sessuale obbliga necessariamente a stracciare quella maschera e ad affrontare una revisione del rapporto con la società e la realtà che ci circonda.
Nel titolo dell’opera troviamo una metafora culinaria: il nostro corpo non è un involucro vuoto ma contiene dentro di sé l’essenza, proprio come un’empanada e, dopo tutto… il protagonista è uno scultore argentino!
A rappresentare il dramma c’è anche un corpo nudo che apre lo spettacolo in una posa scultorea,  come un moderno Lacoonte.

Empanada scultore di me stessa
Empanada, scultore di me stessa

 

In scena vedremo Luca Gabos (nei panni di Fernando Chorizo) e Valentina Puccini, diretti da Gabriele Guarino che è anche l’autore del testo. Ma forse la protagonista principale dello spettacolo sarà proprio la Maschera, anch’essa in scena, nella creazione del mascheraio Stefano Perocco di Meduna.

Con: Luca Gabos
E la partecipazione di Valentina Puccini
Testo e regia: Gabriele Guarino
Maschere: Stefano Perocco di Meduna
Scene E Costumi: La Bottega dei Comici
Grafica: Giuseppe Maggiore
Dal 5 al 7 gennaio 2018
alle ore 21.00, domenica alle ore 18.00
Una produzione La Bottega dei Comici
al Teatro Testaccio via Romolo Gessi 8, Roma

La compagnia offre una promozione natalizia per acquistare due biglietti al costo di 15,00 € scrivendo a labottegadeicomici@gmail.com


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.
Count per Day - DEBUG: 0.153 s
  1. Server: Apache
    PHP: 5.4.16
    mySQL Server:
    mySQL Client: 5.5.50-MariaDB
    WordPress: 4.6.11
    Count per Day: 3.5.7
    Time for Count per Day: 2018-05-20 14:00
    URL: iogiornalista.com/2018/01/
    Referrer:
    PHP-Memory: peak: 57.72 MB, limit: 1024M
  2. POST:
    array(0) { }
  3. Table:
    F8Id5CfE3_cpd_counter: id = int(10)   ip = int(10) unsigned   client = varchar(500)   date = date   page = mediumint(9)   country = char(2)   referer = varchar(500)  
  4. Options:
    version = 3.5.7
    onlinetime = 500
    user = 0
    user_level = 0
    autocount = 1
    dashboard_posts = 15
    dashboard_last_posts = 15
    dashboard_last_days = 10
    show_in_lists = 1
    chart_days = 2
    chart_height = 100
    countries = 20
    exclude_countries =
    startdate =
    startcount =
    startreads =
    anoip = 0
    massbotlimit = 25
    clients = Firefox, Edge, MSIE, Chrome, Safari, Opera
    ajax = 0
    debug = 1
    referers = 0
    referers_cut = 0
    fieldlen = 150
    localref = 0
    dashboard_referers = 5
    referers_last_days = 3
    no_front_css = 1
    whocansee = edit_others_posts
    backup_part = 4000
    posttypes =
    chart_old = 0
  5. called Function: count page: x
  6. called Function: getPostID page ID: 0
  7. Post Type: post - count it
  8. called Function: count (variables) isBot: 1 countUser: 1 page: 0 userlevel: -1
  9. getMostVisitedPosts1088 : 0.15296 - 52.80 MB
    rows - SELECT COUNT(c.id) count, c.page post_id, p.post_title post FROM F8Id5CfE3_cpd_counter c LEFT JOIN F8Id5CfE3_posts p ON p.id = c.page WHERE c.date >= '2018-05-10' AND c.page > 0 GROUP BY c.page ORDER BY count DESC LIMIT 10
  10. showFields : 0.00427 - 52.96 MB
    rows - SHOW FIELDS FROM `F8Id5CfE3_cpd_counter`

GeoIP: dir=0 file=- fopen=true gzopen=true allow_url_fopen=true

Go to Top