Il Futuro? Solidale…

Monthly archive

ottobre 2017

Daniela del Secco d’Aragona: amo tutto ciò che è bellezza

in Anna Lamonaca Blog/Pianeta Donna by
marchesa-daniel-del-secco-aragona_980x571-800x500 (720 x 379)

La famosa marchesa in vacanza ad Ischia si racconta

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca


È una donna molto intelligente, autoironica Daniela del Secco d’Aragona, la famosissima marchesa, donna molto affascinate e bella, carismatica, giornalista, conduttrice tv, opinionista, insegnate di dermocosmesi, ricercatrice antiaging. La Marchesa del Secco D’Aragona è una maestra di stile, costume e galateo. Dal 1991 ad oggi è impegnata nella ricerca dermocosmetica anti-aging ed ha creato una linea di prodotti anti-età per il volto ed il corpo. La incontriamo ospite del Sorriso Resort d’Ischia, in cui viene coccolata e si dedica al relax nella attrezzatissima Spa e ci rilascia un’interessante intervista dedicata proprio al tema della bellezza.


Ama tutto ciò che è bellezza ed è un’appassionata d’arte, come si è avvicinata a questo mondo? “Sì è vero, complimenti per questa deduzione, l’ho anche scritto nel mio libro: “Come diventare marchesa e restarlo in tutte le occasioni della vita”di Mallardo Editore che ha ricevuto 10 ristampe, noi siamo stati sempre grandi mecenati, protettori dell’arte, produttori di talenti e di nuove leve. Io stessa produssi un programma in cui presentavamo il giovane attore emergente insieme a quello famoso, l’artista esordiente ed il famoso, siamo collezionisti, siamo appassionati d’arte, l’arte per noi è la vita, mio padre era uno scultore ed era un musicista, la ricerca del bello è una cosa che più mi colpisce nelle scelte non è né il blasone, né i danari”:


La bellezza quanto è importante nella sua vita? “Io mi piaccio tantissimo, mi sono tanto simpatica, se avessi un’amica come me l’adorerei perché sono sincera, reale. Tutto fa parte della bellezza del senso del bello, io ammiro la mia autoironia, se lei mi dicesse la marchesa mi è antipatica, io direi adorato, tu la vedi 10 minuti, io ci devo convivere 24 ore su 24, l’autoironia è vincente”.


Marchesa lei cosa farebbe per il successo?”Niente, se il successo arriva, arriva. Il successo è nato con me, io sono felice, ho le mie certezze, amo la mia famiglia, non ho momenti in cui sono triste, c’è gente che se non va in televisione per un mese si sente male, la telecamera per me è sempre accesa, mi piace fare giornalismo e tv, mi piace per il semplice fatto che posso raggiungere in un istante milioni di persone, scrivo la mia rubrica per il settimanale Nuovo. Signoretti è il mio direttore per Cairo, il fatto di raggiungere milioni di persone mi da una soddisfazione infinita, la comunicazione per me è vita, io sono soprattutto una donna di comunicazione, nasco nel settembre del 1993 come giornalista, sono 25 anni adesso, iscritta all’albo della Lombardia con Franco Abruzzo del sole 24 ore, un grande maestro, sono stata onorata perché quando sono diventata giornalista io era difficile al nord esserlo perché su 100 siamo passati in 2, sono onorata. C’insegnarono che dovevamo verificare la veridicità delle notizie, oggi non lo fa quasi nessuno si diffondono e scrivono solo notizie sbagliate.”


Perché si occupa di dermo-cosmesi? “Io mi occupo di ricerca dermocosmetica dal ‘91 e molte volte mi hanno chiesto perché c’è questo amore per le creme, esso risale al bacio della buonanotte della mamma, ricordo ancora il fruscio dello strascico di seta della vestaglia della mamma, questa donna bellissima, nastro di raso nei capelli che veniva a darmi un bacio della buonanotte, ricordo questo profumo, mi vengono i brividi, profumo di borotalco, di pulito, di mamma, che mi diceva sogni d’oro, Dio ti benedica Danielina dormi bene, mi ricordo la sua toletta la sera, si metteva la crema da notte e quella per le mani un rituale che mi sono portata dentro per anni, mi ricordo a Piazza di Spagna quando da piccola camminavo con queste scarpette alla bebè, i guantini, la borsa di Gucci non si diceva shopping allora, si andava in profumeria perché la nonna e la mamma dovevano comprare le creme, ci facevano entrare in un privè e la venditrice principale veniva come se avesse un segreto che solo lei conosceva e diceva: “marchese è arrivato l’ultimo ritrovato di Parigi, una crema prodigiosa”. Loro la provavano ed andavano via con tutte quelle creme, mia madre comprava 10 creme e dopo 2 mesi era sempre lo stesso discorso le creme del campione non erano buone, non facevano effetto, tornavamo e la tiritera della venditrice era la stessa: “marchesa, ma le creme dopo un po’ vanno cambiate, bisogna cambiarle la pelle si abitua, ho studiato che non era così, ho detto fermi tutti la marchesa ha una figlia avvocato, non ha più 20 anni eppure è giovane, non invecchia perché ha creato dei prodotti che restituiscono alla pelle quelle sostanze che essa perde con gli anni. La mia sete di conoscenza nasce dal fatto che l’ho vissuto in famiglia l’antiaging, il desiderio di restare al più a lungo possibili giovani anche mentalmente, prevenzione, quella è importante, bisogna fare prevenzione. Il vestito lo cambi la pelle no, per questo mi sono dedicata alle creme.”


Ci sono sorprese o anticipazioni per il futuro? “La mia nuova linea di dermo-cosmesi e i miei profumi, a volte si sono fatte battute sul fatto che la marchesa è estetista, ma non è così, lei è estetologa, dottoressa in scienze dell’estetica, io adoro le estetiste, le amo, usano i miei prodotti, è stato usato in tono discriminatorio ed io mi sono arrabbiata ed ho risposto sono professore in scienze dell’ estetica e l’estetista sta a me come l’infermiere al medico, collaborano con noi e sono a volte preparate, io le adoro perché chiunque metta mano su un corpo con sapienza è degno di un rispetto senza fine. Io combatto tutti i giorni, mi alzo, mi sveglio la mattina, mi metto l’armatura e come tutti scendo in campo e qualche volta vinco, qualche volta vinco e qualche volta vinco. L’importante è che ci sia l’osmosi noi siamo fatti 70 % di dna e 30 % d’esperienza, questa è la vita.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Ischiafashionweek: una giornata speciale per Jo Squillo e le modelle

in Anna Lamonaca Blog/La Cultura by
step2 bagno in piscina termale con aperitivo al Sorriso Resort (720 x 379)

Al Sorriso Resort d’Ischia, aperitivo a bordo piscina, musica, photo shooting e show cooking

Un Articolo di Anna Lamonaca
Un articolo di Anna Lamonaca


“The Look of the year” il contest di bellezza e moda più famoso al mondo è approdato ad Ischia dal 10 al 14 ottobre. La moda, la grazia e l’eleganza sono state protagoniste di “Ischiafashionweek” evento alla sua prima edizione che è stato presentato da Jo Squillo, in onda su Modamia per le reti Mediaset. Il posto in cui si è svolta la serata, il Sorriso Resort, un luogo da sogno, sito sulla bellissima baia di Citara ha ospitato, il 12 ottobre, numerosi modelli provenienti da tutto il mondo riservando ad essi una giornata speciale all’insegna del relax e del benessere, in piena armonia con la bellissima atmosfera ischitana. Il tutto si è svolto in questa magica location proprietà dei fratelli Antonio, Nello ed Angela Impagliazzo che da diverso tempo portano avanti l’azienda cinquantennale di famiglia, rendendo ogni giorno l’hotel un luogo sempre più perfetto per l’accoglienza turistica ad Ischia. In questo giorno speciale hanno ospitato presso le loro strutture modelli di The Look of the years che sono stati fotografati a bordo piscina, hanno sfilato e partecipato ad una cena insieme all’energica Jo Squillo. Una giornata insomma all’insegna del relax e del benessere per i ragazzi e le ragazze che sono arrivati al Sorriso Resort a bordo del caratteristico Ape Calessino e si sono rilassati nella piscina termale con idromassaggi e cascate cervicali degustando un aperitivo, ascoltando musica e facendo photo shooting. I giovani di The Look of The Year si sono concessi un percorso rigenerante termale nella SPA con caldi vapori dell’aromatico bagno turco, docce sensoriali ed idromassaggi in acqua termale. La moda si è spostata infine sulle coste del mare al tramonto, sulla incantevole Baia di Citara di Forio d’Ischia dove sono state scattate altre foto e sono state fatte le riprese del programma televisivo. In serata tutti insieme hanno assaggiato a cena le tipicità dell’ Isola Verde e dei mari del Golfo partecipando alla scuola di Cucina in compagnia dello Chef Francesco Patalano ed il Restaurant Manager Nello Impagliazzo intenti alla preparazione di un piatto speciale del menù del ristorante Oasis e per l’occasione lo Chef, ha realizzato uno Show Cooking con le modelle per le riprese del format televisivo che sarà trasmesso in tutto il mondo. La serata si è conclusa con modelle e modelli tutti in pista coinvolti dalla musica del Piano Bar con il Maestro Marco Abate dai ritmi più latini alla disco-dance internazionale. L’evento al Sorriso Resort è stato coordinato dalla Vicedirettrice Elena Notturno, la Marketing Manager Luana Pezzuto, l’Event Coordinator Roberto Ruggiero e l’Official Photographer Tommaso Monti.


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

La sindrome di Nonna Papera: molestie, accettazioni e giochi di potere

in Il Sociale/Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera: molestie, accettazioni e giochi di potere

Il caso Weinstein sta scatenando un vespaio. E dividendo l’opinione pubblica in Pro e Contro

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria


Dopo lo scandalo degli esami comprati ecco alla ribalta il produttore che pretende favori sessuali in cambio di ingaggi. Roba vecchia come il cucco che ancora ci fa saltare dalla sedia e gridare all’onta. Un po’ come spacciare la scoperta dell’acqua calda per la novità dell’anno.
Quando ero bambina e cinguettavo di voler fare l’attrice perché riuscivo a imbrogliare i miei alla grande, mio padre diceva che nel cinema c’erano gli “uomini cattivi”; più tardi, in età adolescenziale, quegli stessi si sono trasformati in “uomini che sfruttano il loro potere per portarsi a letto le aspiranti attrici, molte delle quali non lo diventeranno mai, quindi levatelo dalla testa” (l’ultima parte, perentoria, non ammetteva repliche). Erano gli anni ’60 ahimè, un tempo tutt’altro che recente.
Di che ci scandalizziamo? E perché? Per un porco che sa di avere il coltello dalla parte del manico e lo maneggia a suo uso e consumo? Non è il primo, non sarà l’ultimo purtroppo. Harvey Weinstein, uno dei produttori più potenti di Hollywood, ha allungato le mani sul fior fiore delle star della celluloide del calibro di Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow, Mira Sorvino, Rosanna Arquette e, più di casa nostra, Asia Argento. C’è chi ha reagito negandosi, chi ha avuto la forza di dire no, di rischiare di perdere tutto (o quel poco di tutto, è sempre questione di misure) e chi invece ha subìto. Quindi, mentre l’eroina di Tomb Raider e la timida Pepper di Iron Man pare siano sfuggite al polpo grasso e laido della Miramax, la Argento non ce l’ha fatta. E ora, in questo mondo falsomoralista e ipocrita, la vittima diventa imputata.
Leggo che negli USA, scoperchiato il vaso di Pandora e sfondato il muro dell’omertà che aveva protetto il personaggio fino a oggi, gran parte delle attrici (il perché poi si siano tenute la posta per così tanti anni mi stuzzica il lato maligno) – ma anche personaggi di spicco come Michelle Obama e Hillary Clinton (che, accidenti, uno che di abuso di potere ne sa ben qualcosa se l’è tenuto nel letto) – hanno fatto corpo unico andando dritte come un caterpillar con i loro anatemi contro Weinstein.
Che poi (aperta parentesi): ma siamo sicuri che si tratti proprio di abuso di potere? Uno come Weinstein, Clinton, Hefner, Berlusconi, Briatore et similia che ci prova con star e starlette, chiamalo fesso… Lui propone, se poi ci stai sono fatti tuoi. Certo, se incombe la minaccia del “non lavorerai più da nessuna parte” allora la cosa si fa seria. E lì vorrei proprio vedere quante di quelle donne che oggi s’indignano per un pompino girerebbero sui tacchi e uscirebbero dalla stanza a testa alta (chiusa parentesi).
Qui da noi ci si scaglia contro la Argento volendo a ogni costo analizzare il perché e il percome, sul quanto sia deprecabile sfruttare il proprio corpo per fare carriera, su come sia biasimevole darla (solo) a scopo di lucro, sul come sia facile sfuggire alle avances e perché no, magari pure a un’aggressione (perché a parole siamo tutti eroi), una come lei che ha due pistole tatuate sull’inguine, una come lei dai trascorsi tutti sesso-droga-rock ’n roll, una come lei che di certo non le manda a dire, una come lei che…
Una come lei.
Ecco come il passato (e un’occhiata superficiale) disegna con inchiostro indelebile ciò che siamo, anche se non lo siamo.
E allora vi dico la mia: ognuno dovrebbe essere libero di pensare e agire come diavolo gli pare e piace quando si tratta del proprio corpo e della propria vita. La Argento non ha fatto male a nessuno se non a se stessa (forse). E che lo confessi solo oggi (come le altre, del resto) non cambia il peso di qualcosa eseguito non proprio per scelta bensì per condizionamento. Non dico costrizione, qui non si parla di stupro. E poco me ne cale se la cosa disturba la morale di chi non la dà o non l’ha data (o dato, s’intende).
Penso a chi non ce l’ha, una scelta, e a chi ce l’ha e la fa perché vuole a ogni costo quel barattolo in cima alla scala (che poi diciamolo, pure a darla così ci vuole coraggio, diamine). E non mi sento di giudicare nessuno. Sarà la saggezza dell’età. O forse è la vecchiaia.

Simonetta Santamaria è scrittrice, giornalista, motociclista, batterista e svariati altri “ista”; ama i gatti, i viaggi avventurosi e Stephen King (ma lui non lo sa).
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net
Seguila anche su Facebook


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Chi m’ha visto, al cinema questa settimana… noi sì che l’abbiamo visto!

in Il Cinema/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog by
Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

“Chi m’ha visto?” Si chiede Giuseppe Fiorello, – In molti!-  rispondiamo noi, visto il successo che il film sta ottenendo al Box Office!!


Questa settimana vi parliamo di un film tutto di casa nostra: Chi m’ha visto e non è per patriottismo ma, dopo le tante produzioni internazionali, avevamo proprio bisogno di spingervi alla risata con una commedia italiana.
Vi assicuriamo che si ride davvero!
E’ la storia di Martino Piccione ( Giuseppe Fiorello) un talentuosissimo chitarrista che lavora per molti artisti italiani. Il talento di Martino però non sembra essere riconosciuto né all’interno dell’ambiente musicale, che non gli rende i giusti meriti, né tra i suoi concittadini che considerano il suo lavoro un divertimento.
Terminato il tour con Jovanotti e senza un nuovo contratto, Martino è costretto a tornare a Ginosa dove ritroverà l’anziana madre, la ex fidanzata e il suo amico di sempre Peppino (Pierfrancesco Favino).
La situazione non è delle migliori, nessuno cerca collaborazioni, la ex Laura (Oriana Celentano) non vuole più saperne di lui, gli abitanti della città lo considerano un sognatore nullafacente, la madre Natuzza (Mariolina De Fano) è troppo presa dai programmi televisivi per comprendere le amarezze del figlio. E proprio uno di questi programmi televisivi ispirerà un piano infallibile a Martino: sparire! Egli stesso in un momento di sfogo sentenzia: “So trent’anni che faccio il chitarrista… e chi m’ha visto ?
Sparire è l’unico modo per attirare l’attenzione e con l’aiuto dell’inseparabile Peppino (che di cognome fa Quaglia), si nasconde in un vecchio casale abbandonato fuori città e attende che il mondo si accorga della sua assenza.
La trama, di per sé non troppo complessa, offre parecchi spunti all’espressività comica dei due protagonisti, di Favino in particolar modo.

Stiamo parlando di uno degli attori più apprezzati dal pubblico italiano e dalla critica, tanto da aver partecipato a numerosissime pellicole statunitensi. Eppure Favino dà il suo meglio proprio quando esprime la genuinità tipica della nostra cultura.
È un perfetto caratterista, soprattutto quando si parla di imitare un dialetto che non gli appartiene: lo abbiamo sentito nell’emiliano in “Da zero a dieci”, in “El Alamein” recitava in un perfetto accento veneto, in “Cosa voglio di più” è un calabrese trapiantato a Milano, in “Figli delle stelle” imita l’accento marchigiano,  in “Romanzo di una strage” interpreta il milanese Pinelli, e in questo ultimo film Chi m’ha visto gioca quasi in casa visto che entrambi i suoi genitori sono pugliesi.
Il film offre anche uno spaccato di panorami mozzafiato, la casa del nonno Totonno è un cumulo di pietre grezze, in uno scenario roccioso in cui essa stessa si fonde e trova la sua massima espressione nella scena in cui Martino si esibisce in un assolo in bilico su un precipizio ( Che ricorda vagamente le atmosfere di Jesus Christ Superstar).
La protagonista femminile è Sally (Mariela Garriga) una prostituta sudamericana che prova a riscattare se stessa, cercando il proprio posto nel mondo… la stessa cosa che cerca di fare Martino.
Il piano dei due amici sembra funzionare:  non soltanto lo scomparso finisce in tv, ma alcuni tra i più importanti artisti italiani lanciano degli accorati appelli (Jovanotti, Elisa, Gianni Morandi, Giorgia, Albertino, e tanti altri tra cui anche Fiorello Senior), la conduttrice del famoso programma televisivo “Scomparsi” ( Sabrina Impacciatore) si interessa alla vicenda del chitarrista e il manager Tony Pettinato ( Dino Abbrescia) che oramai si era defilato, alla notizia dell’aumento vertiginoso delle vendite dei dischi di Martino, ritorna sui propri passi, ma soprattutto Don Julio (Maurizio Lombardi) finalmente riesce ad esibirsi in una chiesa piena di gente!


Dagli ingredienti non manca neppure quella tipicità tutta meridionale: la madre che si preoccupa che il figlio mangi, gli amici del bar che in continuazione chiedono “ Quando sei arrivato? E quando te ne vai?” e l’immancabile “ E tu… a chi appartieni??”
Il regista è Alessandro Pondi che di meridionale non ha niente.
Martino è un rocker anche se poi la canzone che più lo rappresenta è questa:

Dove abbiamo visto questo Film? Ma a Roma, al Cinema Madison perbacco!!!marchio-cinema-madison

Viva i Cinema

indipendenti !!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Il Macro partecipa alla Giornata del Contemporaneo “AMACI”

in Comunicati Stampa by
COMUNICATI_STAMPA

Sabato 14 ottobre 2017

Il MACRO partecipa alla Giornata del Contemporaneo AMACI

con ingresso gratuito a mostre, eventi e visite guidate

INFO 060608

 

 


 Sabato 14 ottobre 2017, in occasione della Tredicesima Giornata del Contemporaneo, la manifestazione organizzata ogni anno da AMACIper portare l’arte del nostro tempo al grande pubblico, il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma aprirà gratuitamente al pubblico tutte le mostre delle sedi di via Nizza e Testaccio, offrendo anche eventi e visite guidate.

L’iniziativa è promossa da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

 

MACRO TESTACCIO – PIAZZA O. GIUSTINIANI 4, ROMA

Orario: 14.00-20.00 (la biglietteria chiude 30 minuti prima)

 

Mostre:

  • FRANCA PISANI “CODICE ARCHEOLOGICO. IL RECUPERO DELLA BELLEZZA”
  • AUGUSTE-DORMEIL RENAUD “JUSQU’ICI TOUT VA BIEN”

 

 

MACRO – VIA NIZZA 138, ROMA

Orario: 10.30-19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima)

 

Mostre:

  • VISIONI GEOMETRICHE. OPERE DALLA COLLEZIONE #5
  • APPUNTI DI UNA GENERAZIONE #4: SIMONE BERTI – CUOGHI CORSELLO “ROLANDO”
  • ARTISTI IN RESIDENZA: MOSTRA FINALE DI FRANCESCA FERRERI E MARCO GOBBI
  • CROSS THE STREETS

 

Eventi e visite guidate

 

PASSATO E PRESENTE DEL MACRO. UNA VISITA GUIDATA AI LUOGHI E ALLE OPERE DEL MUSEO

Ore 10.30 “I luoghi”

Un viaggio alla scoperta dell’edificio che ospita il Museo d’Arte Contemporanea di Roma, dalla musealizzazione delle scuderie dell’ex birrificio Peroni al nuovo progetto architettonico dell’archistar francese Odile Decq.

Ore 11:45 “Le opere”

Visita guidata alle opere della collezione permanente del museo, attualmente esposte in due mostre “Visioni Geometriche” e “Cuoghi Corsello, Rolando”.

 

PROIEZIONE DEL VIDEO DELLA PERFORMANCE “VOICES” Piero Mottola

Sala Cinema

Ore 16:30 – 19:00

Proiezione in Sala Cinema della documentazione video del concerto Voices di Piero Mottola, che si è svolto il 22 giugno 2017 presso la MACRO hall. Le composizioni eseguite sono: VOICES, 2016, passeggiata emozionale di 4’ per coro a 16 e 64 voci e CHINESE VOICES, 2017, passeggiata emozionale di 3’ per coro a 16 e 64 voci (prima esecuzione assoluta).

 

 

Ufficio stampa Zètema Progetto Cultura

Patrizia Morici / T. +39 06 82 07 73 71 / M. +39 348 54 86 548 / p.morici@zetema.it

stampa.macro@comune.roma.it

 

INFO: 060608

www.museomacro.org

Segui MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma su Facebook e Twitter


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Romics 5 – 8 Ottobre 2017… tutto un altro mondo!

in Giocare Giocare/La Cultura/Pamela Crusco Blog/Ultimi Pubblicati by
Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Romics 2017: In questa edizione autunnale noi di IoGiornalista non ci siamo fatti scappare niente. Divertitevi con i simpaticissimi protagonisti del nostro servizio!


In questo servizio sul Romics vi proponiamo delle interviste molto interessanti ad alcuni dei protagonisti della fiera.
Tanto per iniziare coreograficamente vi presentiamo gli amici di Saber Guild Roma… Si tratta di un’associazione culturale ufficializzata dalla Lucas Film che principalmente si occupa di fare dimostrazioni di duelli con spade laser, proprio come accade nella saga di Guerre Stellari. L’argomento ci interessava non poco vista l’attesissima uscita il 13 Dicembre di Star Wars Episodio VIII: Gli ultimi Jedi e Saber Guild Roma sarà presente nei cinema della città per rendere ancora più completa l’esperienza stellare! Per chi fosse interessato alle loro attività e i loro corsi qui potete trovare la loro pagina Facebook.
Abbandonata l’atmosfera spaziale siamo entrati nel mondo degli acchiappafantasmi: non ci credereste ma uno dei Ghostbusters è stato tanto gentile da spiegarci come funziona il loro lavoro e come viene assemblata la loro sofisticatissima attrezzatura. Più tardi abbiamo addirittura assistito ad una dimostrazione di cattura con tanto di balletto! Vi informiamo che Ghostbusters Italia è felice d accogliere nuovi iscritti e appassionati e potete aderire iscrivendovi qui .
Il Romics è un grande contenitore che accoglie tantissimi mondi legati ai fumetti, i videogiochi e tutto l’universo di internet, uno dei protagonisti del nostro servizio è Maurizio Merluzzo, molti di voi sicuramente lo conosceranno: è un doppiatore di cartoni animati, videogiochi, telefilm e famosissimo come youtuber. Nell’intervista Maurizio ci parla del suo lavoro e dei suoi due canali youtube con cui ha ottenuto grandissimi risultati Cotto e Frullato e Maurizio Merluzzo.
Nella fiera, in controtendenza con la passione per il gioco virtuale, abbiamo incontrato Giuseppe Gaeta e il suo simpaticissimo team di Escape Calabria che ci ha parlato dell’escape room, un gioco di logica che sta sempre più facendosi strada negli ultimi anni. Ogni stanza ha il suo tema, lo scopo è quello di risolvere tutti gli indovinelli in un’ora di tempo massimo. Noi abbiamo provato la versione light del gioco in un quarto d’ora all’interno della fiera e lo abbiamo trovato molto entusiasmante, se il gioco vi interessa visitate il sito http://www.escapecalabria.it/
Per concludere non possiamo che parlarvi dell’aspetto più caratterizzante del Romics e delle molte fiere che in Italia sono dedicate al mondo dei fumetti e degli anime: Il Cosplay!
Il cosplayer è quell’appassionato che, amando moltissimo il suo personaggio d riferimento (o più personaggi), decide di impersonarlo nell’aspetto e nell’atteggiamento. Dopo aver fatto diverse fotografie in giro per la fiera abbiamo intervistato Simone un ragazzo venticinquenne che ormai da qualche anno fa cosplay di personaggi di videogiochi famosi. Abbiamo chiacchierato un po’ con lui che ci ha spiegato come ha iniziato questa attività e come realizza di volta in volta i suoi personaggi. Qui trovate la sua pagina Facebook: SimoneDolimpoCosplay se volete farvi un’idea di che cosa sia il Cosplay.
Noi ci rivediamo alla prossima fiera, continuate a seguirci e ne vedremo delle belle!

 


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Rosatellum, la Protesta: Alessio Villarosa ci spiega il perché…

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by
Un Servizio di Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Rosatellum in pista verso il Senato… Ascoltiamo Alessio Villarosa che ci spiega il perché questo non è solo un problema degli elettori Grillini…

… perché banalmente, cari elettori degli “altri” Partiti, Voi voterete la faccia del vostro abituale partito, ed invece vi troverete ad aver votato un altro candidato che deciderà, dopo, qualcun’altro… magari nemmeno il Capo del vostro Partito… ci vediamo al Senato…

IoGiornalista sarà lì, e voi?


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Rosatellum: l’intervento di Carla Ruocco in Piazza

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

Rosatellum, Carla Ruocco tuona dal Palco, che Montecitorio ascolti…

Carla Ruocco è considerata una delle Pasionarie del Movimento, e dobbiamo dire che, in questo intervento, decisamente, non si smentisce, riuscendo a regalarci il meglio di se. Anima, coraggio e “core” in politica, però, non sono banali particolari da mettere in soffitta senza timore di scontentare una platea sempre più appassionata di Giustizia ed equità, e per questo, gli avversari politici del Movimento, hanno imparato velocemente a non sottovalutarla… riuscendo nel loro intento?
Ascoltiamola, perché la Legge Truffa va avanti…


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Rosatellum: 12/10/2017 nuova diretta da piazza Montecitorio la protesta dei #5Stelle

in Dirette Tv/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

Rosatellum Diretta: 12/10/2017

Rosatellum… Davvero scandaloso, davanti a Montecitorio, ora, la protesta dei Cittadini…

…mentre la Rai, Sky, e le altre, parlano di altro…

…ma non hanno capito che la Catalogna rischia di arrivare qui? Guardate la Diretta!!!

Noi ci siamo, e voi dove state? Guardate, cari elettori del PD e di Forza Italia, che stanno gabbando anche voi…


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Rosatellum: Alessandro Di Battista in primo piano, ma chi era?

in Alberto Marolda Blog/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

Rosatellum, Alessandro Di Battista era in prima fila ieri…

…insieme agli altri compagni, ma lui, una volta, chi era?

Guardate questo lungo servizio col Dibba che debutta dai 5 minuti in poi…

Un Servizio di Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Ieri, 11/10/2017 abbiamo visto parlare in piazza, Di Maio, Di Battista e Fico, a parte anche altri personaggi meno conosciuti come Frusone, o Gallo ad esempio… tutto senza Beppe Grillo, e, questo, dopo Grillo, dopo Rimini, deve diventare una abitudine reale, fattiva, forte… perché i “ragazzi” sono cresciuti… e per farvelo vedere, vi riportiamo un servizio fatto quattro anni fa, prima della sua elezione… questo era Alessandro Di Battista prima… ah, quello che è riportato sotto, era il testo che c’era sul nostro sito prima che lo cancellassero l’anno scorso nell’attacco di Hacker che subimmo prima del Referendum Costituzionale… molti personaggi politici che vi mostriamo nel video, ci sono ancora… purtroppo… il cammino è lungo…
————————————————————————————————–
Questo non è un sogno, non è un gioco virtuale, e la nostra realtà, quella fatta dai vari Renzi, Berlusconi, Prodi, Alfano, Dell’Utri, Matacena, Scaiola, Greganti, Frigerio, Cattozzo, Paris, Penati, Boni, Romano, Fiorito (chi si ricorda più “Er Batman” Laziale?), Fini, Bersani, D’Alema, Bindi, Casini e company, è la realtà che ci affligge… oggi, quanti di loro non ci sono più? Grazie a chi? Guardiamo un debuttante Alessandro di Battista, uno di quelli che ha contribuito a farne sparire tanti… un grazie speciale ai Virtuosi di San Martino per la divertente colonna sonora… 


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Latina: Povia ed Amato, discutiamone… Domenica 15 Ottobre 2017

in Comunicati Stampa/Eventi by
COMUNICATI_STAMPA

Povia: CONCERTO / CONVEGNO “INVERTIAMO LA ROTTA”, CON IL CANTAUTORE E L’AVVOCATO AMATO

OFFICINA DELLA FANTASIA E’ UN’ASSOCIAZIONE CULTURALE CHE DA ANNI SI OCCUPA DI CULTURA A TRECENTOSESSANTA GRADI, IN PARTICOLAR MODO NEGLI ANNI HA AFFRONTATO TEMATICHE IMPORTANTI NON SOLO PER INCURIOSIRE L’OPINIONE PUBBLICA SU ARGOMENTI NON SEMPRE AFFRONTATI DALLE TV E MEDIA, MA SOPRATTUTTO PER INCORAGGIARE LE PERSONE A DIVENTARE AMBASCIATORI DI QUELL’INFORMAZIONE CHE SPESSO VIENE TACIUTA.

CON QUESTO CONCERTO / CONVEGNO SI VUOL PRESENTARE UN FORMAT UNICO, DIVERTENTE E AL TEMPO STESSO SERIO, DINAMICO E RITMATO, COINVOLGENTE ED EMOZIONANTE, DURANTE IL QUALE LA MUSICA DI POVIA TRADUCE LE RELAZIONI DELL’AVVOCATO AMATO SU TEMI COME: TEORIA GENDER, DIRITTI DEI BAMBINI, POTERE CULTURALE E FINANZIARIO MONDIALE, NASCITA ED EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA NATURALE CHE VIENE PRIMA DEGLI STATI, DELLE LEGGI E DELLE RELIGIONI. LA PARTICOLARITA’ ED ORIGINALITA’ DEL FORMAT “INVERTIAMO LA ROTTA” E’ LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI CERTE E DOCUMENTATE ATTRAVERSO MUSICA VIDEO E SLIDE, CHE NEGANO TUTTO CIO’ CHE LE TV E I MEDIA NON DICONO. IL TEMA PRINCIPALE, CHE METTE D’ACCORDO TUTTI, E’ LA DIFESA DEL DIRITTO E DEL VALORE DEI BAMBINI, E QUINDI NOI NON POTEVAMO NON SPOSARE QUESTO MERAVIGLIOSO CONTEST.

LE ORE DI SPETTACOLO / CONFERENZA DURANTE LE QUALI SI RIDE, CI SI EMOZIONA, SI ACQUISISCE DI PIU’, CON IL DUPLICE SCOPO DI ACQUISIRE INFORMAZIONI MA SOPRATTUTTO DI DIVENTARE MOLTIPLICATORI DI QUELL’INFORMAZIONE CON IL PASSAPAROLA CERCANDO DI DIVULGARE IL PIU’ POSSIBILE TUTTO CIO’ CHE I MEDIA E LE TV OMETTONO E FANNO PASSARE PER FALSO. 

SPERANDO DI AVERVI INCURIOSITO, NON VI RESTA ALTRO CHE PARTECIPARE.

DOMENICA 15 OTTOBRE ORE 18,00 E’ Gratuito!!

TEATRO S.MARIA GORETTI – VIALE XVIII DICEMBRE – LATINA


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Rosatellum: In diretta da piazza Montecitorio la protesta dei #5Stelle

in Dirette Tv/La Politica/Movimento Cinque Stelle/Ultimi Pubblicati by

FERMI, OGGI è QUI, CLICCATE QUI e guardate la Diretta del 12/10/2017!!!

Rosatellum… Davvero scandaloso, davanti a Montecitorio, ora, la protesta dei Cittadini, mentre la Rai, su Rai News, parla di Salute e manda special sulle Proteste in Spagna ed in Kenya… ma non hanno capito che la Catalogna rischia di arrivare qui? Guardate la Diretta!!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Blade Runner 2049… il sequel “replicherà” la fortuna del precedente?

in Il Cinema/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog/Ultimi Pubblicati by
Blade Runner 2049

Blade Runner 2049 è ancora nelle sale cinematografiche e sta dividendo il pubblico dei nostalgici da quello più giovane!

Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Blade Runner 2049 è il sequel perfetto! Era attesissimo: la risposta dell’arte
cinematografica moderna, del terzo millennio, alla fantascienza anni 80, tanto che in un multisala romano nel primo week-end successivo all’uscita si è garantito il sold- out!

L’atmosfera è la stessa del Blade Runner con Rutger Hauer, a parte qualche scena di più ampio respiro.
Avevamo lasciato la storia al 2019, quando Rick Deckard fugge insieme a Rachael ( Sean Young) e di loro non si sa più nulla…. Che fine hanno fatto i due? Sembra che il cacciatore abbia un piano ben preciso in mente quando trae in salvo la bella replicante, eppure la scena finale del director’s cut è quella del solito origami a forma di unicorno che Gaff si diverte a modellare. Che il collega di Deckard sia la figura chiave?
Gaff lo ritroveremo anche in questo Blade Runner 2049, come figura di raccordo tra i due momenti tanto lontani nel tempo.
L’agente K ( Ryan Gosling) è un replicante di nuova generazione, impiegato come Blade Runner per dare la caccia agli ultimi replicanti ribelli creati dalla vecchia Tyrell Corporation, i Nexus 8.
Questo gruppo di androidi costituisce un’evoluzione dalla serie di replicanti Nexus 6 di cui facevano parte Roy Batty, Leon e Pris, poiché non hanno un’aspettativa di vita limitata a quattro anni, ma possono vivere a lungo come gli esseri umani.
I Nexus 8 sono una minaccia per la stabilità dello Stato perché rappresentano la categoria di replicanti maggiormente inclini alla ribellione, e sono gli stessi che nel 2022 hanno causato il black out di cui si parla spesso nel film. Uno dei Nexus 8 che viene ucciso da K è Sapper Morton interpretato da Dave Bautista il wrestler che in Guardiani della Galassia ha interpretato Drax il distruttore.
Bastano pochi minuti di apparizione di questo personaggio perché si possa iniziare da lui un viaggio che porterà lo spettatore a dover risolvere una serie di misteri che intrecciano le trame dei due film.
Il mistero con cui Ridley Scott ci aveva lasciato era questo: Rick Deckard è un replicante?
Proviamo ad analizzare i fatti: in Blade Runner abbiamo un Deckard coraggioso, determinato, ma di certo privo della forza bruta che appartiene agli androidi creati in laboratorio; se fosse un replicante apparterrebbe ad una specie molto più simile ai Nexus 8 piuttosto che ai Nexus 6 che giravano nel 2019, tanto più che ce lo ritroviamo, invecchiato, nel 2049!
Sono passati ben trent’anni dai fatti del primo episodio, la Tyrell è stata bandita, la creazione dei replicanti è stata interrotta dopo il black out ma ha avuto una ripresa grazie a Neander Wallace. Si tratta di un personaggio ambiguo di cui sappiamo ben poco ( se non che l’attore che lo interpreta, Jared Leto,  rende grandissima giustizia ai suoi quarantasei anni!) Wallace crea nuovi replicanti ma non sembra soddisfatto del proprio lavoro poiché la produzione in laboratorio è ben più limitata rispetto ad una riproduzione naturale.  Il secondo quesito che vi proponiamo è dunque questo: i replicanti possono procreare?
La domanda è strettamente legata alla prima e la risposta non tarda ad arrivare dal film stesso: i replicanti possono riprodursi, Rachael lo ha fatto! Che cosa ha messo al mondo Raechel? Un replicante, un umano?
Lei non sembra avere gli stessi limiti dei Nexus 6, che sia dunque un prototipo di Nexus 8? O magari un 7, visto che di questi non si parla né nel primo film né in questo secondo.
Dopo tutto Tyrell aveva parlato di Rachael come di un esperimento, qualcosa di diverso dagli altri “lavori in pelle” e Wallace che ha ereditato il lavoro del suo predecessore dirà al vecchio Deckard che lui e la sua compagna sono stati un esperimento, che il loro incontro non fu casuale.
Le star di questa pellicola non possono che essere Ryan Gosling e Harrison Ford.
Il primo incarna bene la figura di un essere a metà tra l’esperimento scientifico e il carattere umano del suo essere. Il film, d’altronde, ci spinge ad una riflessione sulla condizione umana poiché i replicanti che non possono vivere la stessa vita di un umano vero sono ancor più attaccati ad essa… “ più umano dell’umano”.

Harrison Ford sta chiudendo i più grandi capitoli del cinema mondiale, dando così un’ ultima e considerevole lustratina al proprio curriculum attoriale, da Guerre Stellari fino a Blade Runner 2049 chissà che non possa chiudere in bellezza con un sequel di Indiana Jones.

 

Nel cast anche Ana De Armas che interpreta Joi, la compagna virtuale di K, figura sulla quale il protagonista riverserà tutti i propri sentimenti umani ( ricordiamo che per definizione i Nexus 6 non erano progettati per provare emozioni, nessun replicante nel 2019 era in grado di provare sentimenti… a parte Rachael).
Robin Wright è Madame Joshi, il superiore dell’agente K, che mostra nei suoi confronti un interesse particolare.
Sylvia Hoeks è il braccio di Wallace, una replicante, probabilmente la prediletta del creatore, che prova attaccamento verso di lui.

 

Spiacevole il finale, probabilmente troppo sbrigativo rispetto alla durata di tutto il film. La speranza è che un finale poco autoconclusivo lasci spazio all’idea di un possibile terzo capitolo. Che ne dici Denis Villeneuve?

 

Vale la pena vedere il film, sia se siete dei nostalgici dell’epoca sia se siete dei giovincelli che hanno visto il film soltanto dopo che questo è divenuto espressione di un genere e di una generazione che si è posta domande sul ruolo dell’umanità nel mondo.

 

Vi lascio con il solito contenuto musicale, e se volete sapere quale sia il nesso con Blade Runner 2049, non vi resta che andare a vederlo!

Dove abbiamo visto questo Film? Ma a Roma, al Cinema Madison perbacco!!!marchio-cinema-madison

Viva i Cinema

indipendenti !!!

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Romics 2017: YU-GI-OH, IS STILL ALIVE

in ChiamamiJack Blog/Giocare Giocare/Ultimi Pubblicati by

YU-GI-OH, il famoso gioco di carte è ancora molto diffuso, lo abbiamo giocato al recente Romics

Siamo stati al Romics 2017, e, fra gli altri, abbiamo incontrato molti appassionati di “YU-GI-OH”, uno dei più classici giochi di carte collezionabili nato nei primi anni dello scorso decennio. Alla fiera di Roma, è stato allestito un grande spazio per YU-GI-OH, con tavoli, a disposizione dei visitatori, per permettere di giocare qualche partita in totale tranquillità. Veniva offerta anche la possibilità di avere lezioni, per inserirsi nel gioco, da personale competente e ferrato nel campo.  Questo gioco, ancora molto in voga, è apparso, da tempo, anche sugli smartphone, in modo che ogni utente possa costruirsi il proprio mazzo e giocare contro milioni di altri giocatori in tutto il mondo. Il gioco per cellulare è basato sul primo anime, o cartone animato, della serie; i primi personaggi della saga accompagnano l’utente nella propria avventura nel mondo dei duelli di carte. YU-GI-OH è un gioco che quindi regge pienamente la propria età, che è in continua evoluzione con nuove carte, e con tante novità che arriveranno presto in un mondo che definire solo di gioco è sicuramente diminutivo.

Vi pubblichiamo una nostra recensione video costruita proprio per cercare di farvi entrare nel magico mondo di YU-GI-OH


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Forum, Una Adozione Sospesa, separazione Alberto ed Emanuela

in Alberto Marolda Blog/Il Sociale by

Forum non è solo un’applaudita trasmissione di Canale 5, ma anche un grande fenomeno sociale, un continuo esperimento sociale…

Pesante… Reale, anche se, magari, interpretato da attori…

Un Servizio di Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

E, se quasi per caso un giorno… ti trovassi ad essere protagonista di una Puntata di Forum? Una moglie, Emanuela, due figli, Luigi e Riccardo, più una terza figlia, Elisa, la prossima adozione perduta, e, tanto per esagerare, anche un padre snaturato, giusto per non farsi mancare nulla… tutti insieme appassionatamente, siamo stati bravi? Giudicate voi, e non siate troppo cattivi… per carità…

Fermi, questo è sicuramente l’incipit che ci voleva per farvi entrare velocemente, in un Plot nel quale vi ho catapultato facendo partire in automatico il video della puntata, ma io sono un giornalista, non un attore, e quindi, perché ho pensato di fare, di partecipare a quello che, come anticipatomi dagli autori, è un vero e proprio esperimento sociale?

Si può fare il mio mestiere in diverse maniere, tante, davvero tante, ma sicuramente quella che ho voluto utilizzare questa volta è inusuale, difficilmente attuabile. Il perché è intuitivo, hai bisogno di una grande struttura per farlo, inclusi gli attori, ad esempio, ma i risultati, visto il record di ascolti, più di un milione e quattrocentomila persone, con centinaia di commenti su Facebook, sono stati interessantissimi, da non sottovalutare per lo spaccato vivido che danno della nostra società.

Ora, cosa è Forum? La gente lo sa che le storie di Forum sono spesso e volentieri interpretate da attori, prevalentemente non professionisti, sarebbe impossibile riuscire a portare sempre i veri protagonisti, però… però ci si immedesimano, sanno che non può essere tutto falso, gli spettatori percepiscono la realtà spesso difficile, anche truce, che è alle spalle di ciò che gli viene mostrato con grande impegno dallo staff… sanno che fuori dalla porta, fuori dal loro palazzo, c’è di tutto, in meglio o peggio, e quindi perché non appassionarsi a questa limpida Realtà Virtuale che gli viene costruita davanti agli occhi?

Non scordiamoci che, ed è uno dei motivi per cui i veri protagonisti, che suggeriscono allo Staff le storie, non intervengono, il Giudice, in questo caso Foti, è reale, ed il suo Lodo, la sua Sentenza alla fine, avrebbe una vera applicazione per le Parti, legandone ancora di più le tristi sorti.

C’è di tutto dentro, c’è compenetrazione, immedesimazione, personalismo, emulazione, c’è un enorme mondo che si riflette in questo tipo di ascolto, che vede poi, i più coraggiosi e sfacciati, dilaniarsi ed azzannarsi senza pietà, per se stessi e per i personaggi, sia nel pubblico presente che sul Facebook della Trasmissione. Una vera ordalia di sangue che spesso ha bisogno del silenzioso e nascosto lavoro di cancellazione del Webmaster interno, perché gli insulti a zero non si risparmiano fra chi getta le proprie insoddisfazioni sugli inconsapevoli protagonisti, attori o non.

Vi abbiamo allegato qualche commento, tanto sono pubblici su una pagina pubblica, leggete, c’è davvero di tutto..

Ah, una cosa importante, io, Alberto il mio personaggio, ho vinto a mani basse la mia causa contro la mia “mogliettina” tradita, Emanuela, sia nel voto del pubblico, 47 a 3, e sia nella Sentenza del Giudice Foti, che alla fine mi affida i figli, tutti inclusa mia nipote… ops, è uno spoiler questo?

Si, vabbeh, tanto ci arrivavate da soli, ma serve ad esortarvi a ragionarci bene, ad inquadrare molto bene i vari seri Problemi che la Fiction pone, a partire dalla Adozione, fra l’altro in età adulta, ma anche la onnipresente Droga e la sua disgregazione sociale, il Mancato Riconoscimento di una Figlia, il Legame dei Figli verso i Genitori, senza scordare l’annoso Problema del Tradimento fra Moglie e Marito, da Galletto, da Pentito, da Scellerato, da Uomo equilibrato, la Fiducia distrutta ed il Perdono mancato.

Un bel calderone, vero?

Qui non si discute del solito Matrimonio da spezzare, del solito Divorzio, più o meno all’Italiana, qui si discute di Vita Reale, brutta, sporca, zozza e cattiva, per fortuna non sempre, non esageriamo.. ma, in fondo, non è quella che ci circonda?

Ne riparleremo…

La proprietà del video e quindi della trasmissione non è ovviamente in discussione. La trasmissione è stata da me uploddata perché mi vede come co-protagonista, perché è necessaria per questo articolo, e perché mi serve assolutamente come esempio per il mio lavoro didattico. Non ci guadagniamo Pubblicità per averlo pubblicato. Grazie a tutto lo staff di Forum e di Canale 5!!! Grazie Barbara Palombelli… per averci dato la possibilità di questo grande attimo di sguardo in noi stessi…


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a scavare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Ed ora godetevi la lettura dei commenti dalla pagina Facebook della Trasmissione, se cliccate sul fumetto col numero 93, vi porterà al Post relativo, dal quale vi potrete fare proprio una bella Cultura sull’Italiota pensiero…

 

Lirica, Andrea Carnevale, il Barbiere di Siviglia: Sono il Factotum della Città

in Alberto Marolda Blog/La Cultura/La Musica by

Taormina, Opera, Lirica, il Barbiere di Siviglia… un vero concentrato di piacere…

Un Servizio di Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Una clip decisamente particolare, il cui Take è avvenuto durante il recente Taormina Opera All Stars, Summer 2017, un evento che ha riscosso un forte successo fra i tanti appassionati del genere. Vale la pena dare un’occhiata, perché il giovane baritono, Andrea Carnevale, qui da il meglio di se con un’allegra interpretazione del classico personaggio Rossiniano, indossando, non c’entra davvero nulla col brano che state ascoltando, gli inaspettati panni del re etiope Amonasro, padre di Aida nell’omonima opera di Verdi. Questo “strano”, ed improvvisato Barbiere di Siviglia del campano Carnevale, non sfigurerà sicuramente nella vostra Playlist… quotatelo!!

E Rossini? Rossini si divertirebbe sicuramente!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Taormina, The Div4s Con te Partirò, Opera All Stars

in Alberto Marolda Blog/La Cultura/La Musica by
Un Servizio di Alberto Marolda
Un Servizio di Alberto Marolda

Taormina, Agosto 2017, le Div4s si esibiscono in una bellissima “Con te Partirò”, affascinando un Teatro Greco pieno all’inverosimile…

Le bellissime Div4s, delle vere Dive da classifica di vendita, hanno saputo sigillare, con il classico di Bocelli, una serata davvero magica, nella quale si sono esibite le migliori voci del panorama lirico internazionale, per una serata che a Taormina ricorderanno in parecchi, turisti e non…

Ah, una curiosità, il servizio è stato girato, e montato, con un telefonino android da 125 Euro… mica male, no? Giornalismo Mobile!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Ius Soli… Lo Sciopero della Fame a Staffetta di Del Rio & Co.

in Alberto Marolda Blog/Le Chicchette by
del-rio-pannella

Del Rio: andiamo avanti con lo sciopero della fame sullo Ius Soli

Una Chicchetta di Alberto Marolda
Una Chicchetta di Alberto Marolda

Non so a voi, ma a me questa cosa dello sciopero della fame a staffetta dei parlamentari in favore dello “Ius soli” mi fa proprio ridere… amaramente… ma che ridicoli esserini abituati all’alto livello di vita degli stipendi che gli paghiamo… io non so voi, ma io al mattino faccio una parca colazione, se va di lusso un caffè e cornetto al volo, e poi difficilmente riesco a mangiare a pranzo, trascinandomi sino alla cena dove, lo so che è sbagliatissimo, esplodo abboffandomi a tutt’andare, genere Serpente Boa… ogni giorno resto quindi “senza mangiare” perlomeno 11, se non 12, ore… e credo che purtroppo, anche molti di voi saranno costretti, dalla vita frenetica che facciamo, a bere esattamente la stessa cicuta… bene, anzi male, facciamo che ci iscriviamo tutti in massa per il loro sciopero della fame? Tanto rispettiamo già i canoni dei nostri parlamentari, giusto?

Povero Pannella, quello che gli scioperi della fame li faceva veramente, con risultati alterni tra l’altro, lui si starà rivoltando nella tomba, uno che aveva capito che la FAME VERA è DAVVERO una cosa seria!!!

I Migranti e la Cittadinanza anche…


Le Chicchette di IoGiornalista.Tv, come le pietre lanciate da Davide contro Golia, contro i Potenti… se fa pé ride… ma mica poi tanto… assolutamente NI !!!


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

 

Usa questo Tasto:


Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Blade Runner… dal 2019 al 2049!

in Il Cinema/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog by
Blade runner 1 e 2
Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Blade Runner 2049 sta per uscire proprio oggi 5 Ottobre nelle sale italiane…

facciamo il punto della situazione e ripercorriamo la storia di questo capolavoro che ha segnato una generazione e quelle a venire!

Eravamo rimasti al Blade Runner di Ridley Scott, film cult dei primi anni 80 che vedeva come protagonista Harrison Ford l’attore che in quegli anni stava cavalcando l’onda del successo, dopo aver interpretato il pilota Ian Solo in Guerre Stellari e l’archeologo Indiana Jones ne I predatori dell’arca perduta.
Blade Runner, tratto dal romanzo del 1968 di Philip K. Dick “Do androids dream of electric sheep?,  racconta un futuro distopico ambientato nell’anno 2019 a Los Angeles (il romanzo nel 1992).

La Tyrell Corporation è un’azienda che crea per il governo i cosiddetti “replicanti” degli androidi del tutto simili agli umani che posseggono però caratteristiche fisiche  e intellettuali superiori al modello. Questi androidi, che hanno un’esistenza della durata limitata di quattro anni, vengono impiegati per lavori di forza nelle colonie extramondo. La tematica principale del film ruota intorno al timore, sovente espresso nelle opere cinematografiche di quegli anni, nei confronti di una tecnologia che si ribella al creatore. Il robot è un mostro di Frankenstein che vuole ribaltare il suo status di schiavo e divenire padrone.
Rick Deckard è un cacciatore di taglie che in passato aveva fatto parte dei Blade Runner, un’unità speciale che si occupa del “ritiro” dei replicanti che si ribellano al sistema. L’intento dei sei replicanti fuggiti dalla colonia è quello di raggiungere la Tyrell per ottenere una revisione genetica che possa permettere loro di vivere più a lungo.
I primi due androidi muoiono accidentalmente folgorati in un campo di alta tensione, Leon (Brion James) che ha tentato di intrufolarsi alla Tyrell candidandosi per un impiego, viene sottoposto al test di riconoscimento dei replicanti ma riesce a fuggire uccidendo l’agente Holden (Morgan Paull), Zhora (Joanna Cassidy) viene identificata e poi uccisa da Deckard, Leon che ha assistito alla scena tenterà di vendicare la morte della compagna uccidendo Deckard ma verrà fermato dalla mano di Rachael.

Nel frattempo Deckard scopre che Rachael, la segretaria della Tyrell è anch’ella un’ignara replicante e decide di proteggere la donna di cui poi, naturalmente, si innamorerà!

Gli unici due replicanti rimasti in vita, Pris e Roy Batty decidono di portare avanti la loro missione, arrivando fino al Dr. Tyrell, il quale rifiutandosi di trovare una soluzione che possa prolungare la vita dei due, verrà ucciso cruentemente da Roy.

Una serie di eventi che vedranno dapprima l’uccisione di Pris da parte di Deckard e il successivo desiderio di vendetta di Roy Batty, saranno un susseguirsi di scene d’azione che ci porteranno diritti ad una delle scene più famose della storia del cinema, il monologo di Roy:

Il film è un noir in tutto e per tutto: il buio fa da padrone, la violenza non viene risparmiata, e durante tutto il processo narrativo aleggia una sorta di mistero intorno al protagonista. Deckard infatti fa uno strano sogno in cui vede un unicorno, lo stesso che in almeno altri due momenti del film ritroveremo sotto forma di origami. Il dubbio che Ridley Scott ha voluto insinuare e che per ben 35 anni è rimasto irrisolto è questo:
Il Blade Runner Rick Deckard è un replicante?

Da oggi nei cinema il sequel Blade Runner 2049 prodotto dallo stesso Ridley Scott e diretto da Denis Villeneuve

Troveremo nuovamente Harrison Ford negli stessi panni che vestì nel 1982, al suo fianco una nuova leva dei Blade Runner Ryan Gosling, un nuovo “creatore” Jared Leto erede del dottor Tyrell e Robin Wright nei panni del tenente Joshi

E se proprio i buchi temporali non vi piacciono, potete colmare questi trent’anni di vuoto (35 per le date di uscita dei due film, 30 per il tempo della narrazione ) con un corto firmato Shinichiro Watanabe autore di Cowboy Bebop

Il film è nelle sale da oggi e i pronostici sono molto favorevoli, a noi non resta che andarlo a vedere!!

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa il Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.

Madre! Un ruolo insolito per Jennifer Lawrence e Javier Bardem

in Il Cinema/Pamela Crusco Blog/Pepsi e Popcorn Blog by
Copertina madre

Madre ! …il nuovo film di Darren Aronofsky, è stato un vero e proprio flop al botteghino… E’ stata solo l’accoglienza dalla Critica?

Testo alternativo
Un articolo di Pamela Crusco

Madre ! è il trionfo dell’assurdo: è la storia di un uomo ( Javier Bardem), uno scrittore in crisi che va a vivere nella sua vecchia casa d’infanzia insieme alla ben più giovane moglie (Jennifer Lawrence). La Sposa, con grande impegno, rimette a nuovo l’intera dimora, che è, fra l’altro, tutta da rifare dopo un incendio. Un flusso appassionato che si svolge in attesa che il suo sposo ritrovi l’ispirazione perduta, e di poter raggiungere un sano idillio familiare, che in quella stessa casa la vorrebbe vedere moglie, e madre.
Tutto carino e semplice? No, c’è una stanza… vi pareva che non ci fosse una stanza chiusa… un luogo oscuro in cui lo scrittore custodisce un grande cristallo prezioso, ed in cui non vuole che si entri in sua assenza… MAI…
L’assurdo inizia quando alla porta della grande casa bussa un uomo (Ed Harris) in cerca di un albergo: lo scrittore lo invita dapprima a restare per qualche chiacchiera, poi per la notte, senza chiedere il consenso della giovane moglie che inizia a diventare preda di uno stato d’ansia e di allucinazioni.
Tra i due uomini si instaura un rapporto strano, di devozione reciproca, da cui la donna viene esclusa; la situazione peggiora quando arriverà un secondo ospite: la moglie dell’uomo (Michelle Pfeiffer).

Inizialmente la donna sembra voler cercare di instaurare con la ragazza un rapporto confidenziale che ben presto si trasformerà in una fastidiosa ingerenza. Ella inizierà ad insinuare dei tarli riguardanti la vita di coppia dei due, sottolineando come  il desiderio di essere madre della ragazza sia di fatto ignorato dal marito troppo preoccupato per suo lavoro.

Madre Locandina
La locandina del Film…

Fino a questo punto il film avanza cauto nella trama, lasciando che lo spettatore possa analizzare con calma i fatti, fare ipotesi e di certo lasciarsi condurre attraverso l’inquietudine che l’atmosfera riesce a creare. Nonostante le riprese tremolanti, con telecamera in spalla, in un continuo inseguimento dei protagonisti mentre si muovono nella casa, la pellicola, grazie anche all’aspetto algido e seducente della Pfeiffer, ottiene l’effetto sperato.
Da qui in poi però tutto degenera: una catena di eventi nefasti, incomprensibili e cruenti trasforma quello che poteva essere un interessante thriller psicologico in un puro film horror splatter, anche mal raccontato.

C’è spesso la presenza di un cuore sanguinolento che batte o che qualcuno tiene in mano come fosse uno straccio e non possiamo che pensare al sogno che racconta Dante:

[…]
quando m’apparve Amor subitamente,
cui essenza membrar mi dà orrore.
Allegro mi sembrava Amor tenendo
meo core in mano, e ne le braccia avea
madonna involta in un drappo dormendo.
Poi la svegliava, e d’esto core ardendo
lei paventosa umilmente pascea:
appresso gir lo ne vedea piangendo.

A parte la digressione letteraria che Madre! mi ha ispirato, poco rimane nella seconda parte, tanto che sembra che tutto il lavoro svolto dai personaggi di Michelle Pfeiffer e Ed Harris venga vanificato da un finale sbrigativo, che si occupa soltanto di sottolineare la crudeltà delle scene.
Il regista Darren Aronofsky, legato sentimentalmente alla Lawrence, è lo stesso de Il cigno nero e Noah.
Madre! Apre le porte a molteplici interpretazioni, quello che è certo è che si tratta di un’allegoria, che rimanda quindi a un qualcosa di altro: forse è una citazione biblica, forse ad una panoramica sul ruolo della donna all’interno della società…
Non vogliamo fornire risposte a tali quesiti, anche perché non ne abbiamo, vi lasciamo piuttosto esplorare il mondo di Aronofsky che nel 2011 diresse il videoclip di Lou Reed & dei Metallica

Dove abbiamo visto questo Film? Ma a Roma, al Cinema Madison perbacco!!!marchio-cinema-madison

Viva i Cinema

indipendenti !!!

Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Per favore, valorizza il nostro lavoro, i nostri sforzi per te, l’energia che ognuno di noi ti dedica, aiutaci. Per questo, se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE! Un Euro, che ci vuole?

Usa questo Tasto:

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.
Go to Top