Il Futuro? Solidale…

Monthly archive

giugno 2015

La sindrome di Nonna Papera: a furia di non chiedere mai, l’uomo vero s’è perso

in Pianeta Donna/Simonetta Santamaria Blog by
La sindrome di Nonna Papera

Se le donne stanno cacciando le palle, gli uomini staranno mica sviluppando le ovaie?

Un Articolo di Simonetta Santamaria
Un articolo di Simonetta Santamaria

Io ho un sacco di amici uomini. E per amici intendo persone che si relazionano senza secondi fini, senza avermi mai chiesto di andarci a letto. Amici, a dispetto della teoria che vuole l’amicizia tra uomo e donna una mission impossible.
Quello che vedo però, quello che vedo e sento, ha generato in me una recente quanto allarmante consapevolezza che dovrebbe scatenare una campagna di sensibilizzazione mondiale pari a quella per il panda gigante o il canguro arboricolo: gli uomini veri sono una razza in via d’estinzione!
Amici o trombamici, coniugi o amanti, l’uomo e la donna dovrebbero rispondere a degli standard ISO approvati dalla popolazione mondiale di sesso opposto. Ora, non spetterebbe a me parlare delle donne quindi proverò a esaminare gli standard maschili in base alle mie e altrui esperienze, a volte più deprimenti che costruttive.
Pronti? Proviamo. Ecco i fatti.
L’Uomo Vero. Storicamente, l’uomo è cacciatore e la donna preda. Lo dice sempre no? Specie quando deve giustificarsi. A parte alcune inversioni di tendenza o momenti in cui può risultare piacevole lo scambio dei ruoli, resta il fatto che la genetica ha delle esigenze e delle aspettative. Dov’è finito l’uomo “che non deve chiedere mai”, quello che si prende (o almeno ci prova con una certa determinazione) ciò che desidera facendo sentire la donna al centro del suo seppur momentaneo microuniverso, importante e preziosa? Adesso si usa il piede di piombo, il messaggio del fine settimana mentre gli altri 5 giorni manco si ricordano chi sei (anche agli amici piace essere ricordati, in settimana), l’andiamoci piano fino al “vuoi andare a cena o fare sesso?” Ecco, non è esattamente questo l’approccio che una donna si aspetta… Dove sono i mazzi di rose, la sorpresa di una cena a lume di candela, un biglietto aereo per un weekend romantico cheek to cheek? Oggi ti capita pure di doverti pagare il caffè, santiddio…
L’Uomo Vero ha delle diverse tipologie:
A) Homo Determinatum: quello che ti sorprende sempre, che una cosa te la fa piacere anche quando all’inizio sei titubante. Quello che ti rapisce per portarti al baretto per un aperitivo fuori programma come alle Hawaii. Quello che non accetta un no come risposta e al quale non si può davvero dire un no, a meno che non ti chieda di tagliarti le vene per lui o scoparti il suo capo per agevolargli la carriera. E, soprattutto, quello che, dopo il sesso, non se n’esce con il fatidico “allora, t’è piaciuto?” Rassegnatevi, maschietti, è come per uno scrittore far leggere le proprie cose agli amici: nessuno mai oserà dirgli che fanno schifo.
B) Homo Suavis: quello che non si lascia intimidire dall’idea di cospargere il letto di petali di rosa o riempire la camera di candele profumate per farle una sorpresa. Quello che ti abbraccia all’improvviso e ti fa roteare in mezzo a una piazza affollata. Quello che sa che san Valentino è una festa idiota ma non la fa mai passare come tale.
C) Homo Hilarem: quello che non s’è beccato una paresi facciale e sa ancora come si fa un sorriso. Quello capace di farti dimenticare i mali del mondo in quanto capace di accantonare i suoi. Quello che non ti straccia i maroni con i suoi “enormi” problemi. Quello che conserva il suo lato bambino e sa tirarlo fuori al momento giusto, possibilmente non quando c’è di mezzo la Polizia, o un serial killer.
D) Homo Munificus: quello che non ha il braccino corto. Quello consapevole che se esce con una donna deve tirare fuori il portafogli. Niente conti alla romana, niente pago io e la prossima tu, niente indugi davanti alla cassa del bar. E se è momentaneamente al verde, piuttosto non ci esce.

Ok, abbiamo invocato i pari diritti, ci piace l’uomo che aiuta in casa, che sa cucinare e stirare ma temo che gli stia soccombendo il cromosoma Y, quello che ci fa sentire protette e al sicuro. Non sono mai stata una femminista nell’accezione peggiore del termine; ho sempre concepito l’uomo come tale, e non come un mio surrogato. Anche le camioniste a fine serata desiderano le coccole, fidatevi.
Quindi, se volete un consiglio amici miei, siate ancora i nostri Uomini Veri. Ritornate a cavalcare il cavallo bianco, lasciatevi quel pizzico di barba incolta e magari rispolverate il Denim. Capace che aiuta.

Simonetta Santamaria, è scrittrice di thriller e horror. Giornalista, irriducibile motociclista, amante dei gatti e delle orchidee.
Il suo sito è www.simonettasantamaria.net


Ti è piaciuto? Noi non prendiamo finanziamenti di alcun tipo. Tu puoi aiutarci, perché anche un singolo Euro è importante. Se ti piace il nostro lavoro, facci una donazione, offrici anche solo un caffè, è semplice, GRAZIE!

Vuoi usare un Bonifico? Chiedici l’IBAN con una Mail.

Guarda la nostra classifica mondiale su: Review Iogiornalista.com on alexa.com Ti è piaciuto questo servizio? Vuoi esserci utile e farci sopravvivere? Pubblicizzalo sui tuoi Socials, Facebook ed altri, cliccando le icone più sotto in questa pagina… Grazie! Stay Tuned! Qui si continua a ravanare nel Bel Paese, nella sua Politica e nel suo Sociale.
Go to Top